Anime Gemelle Anime Compagne - Saint Germain - Estratto
Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08

Anime Gemelle Anime Compagne - Anteprima del libro di Saint Germain

Il significato delle relazioni

Il significato delle relazioni

Noi [entità canalizzate] siamo tutte qui su questo pianeta per proiettarvi l'immagine riflessa di ciò che siete allo scopo di guidarvi al ritorno a voi stessi, dopo eoni di divisione e separazione tra voi e la divina essenza creativa, il Padre /Madre interiore, la Sorgente. In verità siamo qui nella gioia per esprimere e assimilare la luce su questo pianeta, per permettere alla divina forza creativa di scorrere attraverso di voi in armonico equilibrio. Voi tutti siete davvero splendidi e ancora non lo sapete, ma siete sul punto di giungere coscientemente alla consapevolezza di ciò. Tutti avete questa conoscenza interiormente, a un livello di essenza animica - la conoscenza della grandiosa forza divina che tutti siete - ma non ne siete altrettanto consapevoli nella fisicità. In effetti, ciò che siete va oltre la fisicità. Qualcuno, sul vostro pianeta, chiama ciò "metafisico", un termine che indica Tessere oltre il fisico, ma oltre ciò che viene chiamato "metafisico" c'è ben altro ancora.

Voi siete in realtà la forza creativa nota come Dio, che è onnisciente, onnipresente e onnipotente-onnipossente. Come Dio, anche voi tutti potete tutto: la forza scorre attraverso di voi ed esemplifica se stessa attraverso il corpo in cui vi siete incarnati. Anche quelle che create come circostanze esteriori della vostra vita sono una vostra espressione creativa in quanto Dio.

Una vostra relazione che altro è, se non un riflesso di voi? È la forza creativa che sta dentro un'altra essenza che chiamate vostro innamorato, vostro compagno, vostro marito, vostro figlio, vostri fratelli e sorelle, vostra famiglia. Tutto ciò, nella sua totalità, è quel riflesso di voi nelle sue miriadi di frequenze. È di essenza Una, e quell'essenza è Dio. Quell'essenza è la forza creativa che esprimete di fronte a voi stessi nello specchio dell'esperienza reflettiva, cosicché possiate ricavare e aumentare la saggezza di ciò che è "voi".

Perché questo amore è così fascinoso e misterioso per tutti voi, che spendete le vostre vite, eone dopo eone, nella ricerca dell'amore perfetto? Qual è il vero motivo? Perché è un riflesso di voi che potete vedere nella fisicità, che potete conoscere e comprendere nella fisicità. In verità quello di cui andate in cerca così ardentemente è ciò che voi siete. Ciò che è "voi" è esemplificato, e compreso, e sentito come emozione d'amore perché è Dio. Dio è amore. Dio è amore nelle sue miriadi di forme. Il Dio, la relazione e l'amore di cui siete in così fervida ricerca, sono voi.

Sul vostro pianeta, miei cari fratelli e sorelle, vivete nella limitazione, e questa è la ragione per la quale percepite la gioia come se fosse diretta al vostro esterno invece che al vostro interno. È per questo che c'è separazione e ciò che esprimete come relazione è separato da voi. Non comprendete le relazioni come unità con la Sorgente, ma come un convergere, un unirvi a qualcosa all'esterno di voi.

Che cos'è in realtà una relazione?

Che cos'è in realtà una relazione? È connessione. È appartenenza. E che cos'è l'appartenenza? È unione, armonia unificata con la Sorgente-Dio all'interno della prigione della fisicità, all'interno della limitazione che sul vostro piano percepite come densa materia fisica. Nella super-coscienza le relazioni non rimarranno a lungo nelle limitazioni che ora percepite in questo punto del tempo.

Ciononostante, la transizione fra la terza e la quarta densità, il vostro dispiegarvi nell'essenza-Dio vi permette di capire che tutte le vostre situazioni e tutte le vostre relazioni vengono rispecchiate, riflesse su di voi come amore esemplificato.

Che cos'è la relazione con ima famiglia, con un fratello, con il cuore del vostro essere? In verità è l'immagine riflessa (di ciò che avete esemplificato) fin dall'inizio. Eone dopo eone avete fatto esperienza di che cosa significhi essere madre o padre, provare amore ineguagliato per la famiglia. Avete albergato in voi l'amarezza, il risentimento e il proscioglimento di tutte le relazioni che vi sono sembrate disarmoniche e disagevoli. Tutto ciò accade per farvi comprendere quello che siete.

Tutto ciò che vi crea disagio è il disagio e il disallineamento con l'elemento divino che è in voi, ed è noto come Alter Ego. In verità questa è una parte divina di voi. Tutto ciò che è parte di voi è divino e questo è soltanto un elemento di voi. L'Alter Ego potrebbe esprimersi nell'attaccamento a ciò che è di natura fisica, al disallineamento noto come dolore, al fraintendimento di altre entità, alla creazione di guerre sul vostro pianeta e a ogni sorta di malessere in una qualunque delle sue miriadi di forme.

La disarmonia, o disallineamento, vi serve solo come specchio perché possiate vedere che cosa è "voi". Voi pensate di essere davvero innamorati di qualcun altro, invece non lo siete. Siete innamorati delle immagini riflesse che gli altri vi rimandano e che sono voi. Voi percepite questo come separazione: all'interno della supercoscienza lo percepirete come unione, come fusione e come l'indefinibile equilibrio fra ciò che ritenete essere il vostro Sé separato e il vostro SÉ. Nella supercoscienza non si conoscerà separazione alcuna.

Con un desiderio ardente che tutto consuma, voi cercate di armonizzarvi con il vostro amore, l'entità che è l'oggetto del vostro affetto. «Che cosa posso fare per correggere la natura litigiosa di quest'altra entità, questo battagliare tra noi due? Che cosa fare per curare la disarmonia?». Su tutte le miriadi e tipi di "fronti" che si presentano alla vostra esperienza, voi mirate a superare la divisione. L'unificazione è il guaritore ed è armonia divina esemplificata. La disarmonia è solo la percezione del vostro disallineamento perché in verità nella versione illimitata del tutto non c'è alcuna disarmonia. La Sorgente che è amore incondizionato, che è la "E-ità" del Padre/Madre divino, permette tutto ciò senza giudicare. Siete voi che giudicate se una particolare circostanza sia meglio di un'altra.

Considerare una relazione migliore di un'altra

Considerare una relazione migliore di un'altra è giudicare, sia che si tratti di una relazione con un innamorato, con un capufficio o con una qualsiasi delle entità con le quali avete contatti durante le vostre attività quotidiane. Esse sono tutte divine nella loro propria comprensione e generano la loro saggezza per permettere a voi di cogliere e accrescere in voi l'esperienza di ciò che è voi in quelle certe circostanze. Vedete, quello che giudicate in un'altra entità è voi. In qualsiasi circostanza o entità non potete identificare alcuna cosa che voi stessi non siate stati in precedenza, perché la risonanza dell'identificazione è la risonanza armonica fra quella cosa e una parte di voi. È ciò che viene chiamato "riconoscere".

Ora, continuando nell'argomento, l'obiettivo di questo processo è svelarvi una vostra conoscenza interiore della relazione che avete con il vostro essere - una conoscenza che è gioiosa - permettendo che la vita sia effervescente di felicità. La felicità è dentro di voi. Non è dentro la relazione. Non è qui fuori o là fuori. Non c'è nulla lì fuori. Ciò che voi percepite come relazione, sia essa armoniosa o disarmonica, è solo uno specchio: è il giudizio che date di voi stessi esemplificato nello specchio di quella relazione. Il significato di una relazione consiste esclusivamente nel riconoscimento di voi stessi in quelle certe circostanze. Se comprendeste chi siete, avreste sempre relazioni armoniose, sia in un rapporto d'impiego che con la vostra unità familiare, con il vostro amante o con una persona totalmente sconosciuta. Tutte queste sono relazioni, e sono comprensioni iniziali della vostra relazione con l'umanità, con la vita.

L'umanità in se stessa è la versione "spettroscopica" di ciascuna entità. Tutti voi siete aspetti multi-dimensionali di Dio in quanto esistenza della vita umana su questa terra. Altre esemplificazioni di Dio e dell'esperienza della vita sono le vostre flora e fauna, le piante e gli animali, che sono essenze amorevoli, arricchenti e altamente curative. La disarmonia di cui essi fanno esperienza entro le loro proprie circostanze è semplicemente l'immagine riflessa che essi vedono allo scopo di accrescere la propria saggezza, poiché anch'essi evolvono, anche se non nella stessa dimensione e nella stessa espansione dell'umanità. A mano a mano che le immagini riflesse di tutte le versioni "spettroscopiche" della vita vengono reciprocamente riflesse e accedono alla loro propria luce, la loro grandiosa e illimitata essenza - che è essenza di Dio - procede verso l'unione, verso la conoscenza della fusione della divina forza creativa. Quando questo avverrà ci saranno pace, armonia e gioia in tutte le relazioni su questo pianeta. In effetti ciò sarà compreso come supercoscienza, o età dell'Acquario, o con tutti gli altri termini con cui è conosciuto. In verità sarà l'arrivo di un'era di relazioni prive di limitazioni, perché tutti saranno in relazione con qualcun altro, praticamente all'infinito. Tutti entreranno nella comprensione delle relazioni interpersonali come immagini reciprocamente riflesse, sfaccettature di se stessi percepite come entità diverse. A mano a mano che procederanno l'unione e la fusione di questa intera dimensione terrena; a mano a mano che tutto ciò che è di essenza inanimata, animata o non fisica, qualunque cosa sia, confluirà nella forma di energia nota come Dio, giungerà nella comprensione dell'ascensione. Questa sarà la fusione della Luce, ossia dei corpi energetici che sono fasci di frequenze chiamati personalità o essenze in e di per se stesse, e rifletterà la comprensione dicotomizzata della separazione attraverso l'unità. Questo è Dio.

Dio e io

C'è in verità quel Dio, la grande forza creativa, colui che è Tutto-Ciò-Che-E e che contemplò se stesso per creare tutto questo, ma voi siete quel Dio. La dicotomia è qui. Addentrandovi nella conoscenza della vostra natura divina, rispecchierete il Cristo in voi a tutti coloro che esistono sul vostro pianeta, riflettendolo in miriadi di forme in una comprensione infinita. Allora l'amore tra un uomo e una donna verrà vissuto con la gioia nel cuore e non sarà in alcun modo superficiale. Percepirete l'altro genere come esemplificazione di Dio, lo percepirete come complementare, compagno del vostro essere, un'anima complementare, compagna. Questo suona familiare a qualcuno di voi?

Si è fatto un gran parlare su questa particolare espressione, "anima compagna", l'altra vostra "mezza mela". Esiste davvero un'anima che è vostra complementare su questa terra, e davvero c'è un'altra essenza di voi che è fisica e non fisica, del vostro stesso genere e del genere opposto. Dunque, la fervida ricerca, l'ardente desiderio di conoscere Dio esemplificato nel genere opposto troverà appagamento nella supercoscienza e la relazione con l'amato non sarà altro che la relazione con l'altra sfaccettatura di voi stessi. Il corpo della vostra essenza sarà identico: in effetti, sarà la risonanza all'interno del vostro essere con voi stessi in un altro aspetto, in un'altra forma che è fisica. Ci sarà inoltre più di un'anima complementare. Nella misura in cui comprenderete queste cose, ciò che è di natura superficiale si dissiperà. Non ci sarà più alcun bisogno di affrontare l'esperienza dell'Alter Ego che all'interno della relazione esemplifica se stesso mediante la lussuria, l'odio, la gelosia, il risentimento, l'amarezza e il dolore: tutte queste comprensioni spariranno, come dite voi, in un "puff", in un soffio, in un momento. Vi sembra che la cosa vi possa interessare? In verità, così sia.

L'armonia unificata entro la supercoscienza; entro la luce di questo piano terreno, che risuona attraverso questa dimensione fino a una miriade di esperienze su altre dimensioni e poi ritorna a voi all'infinito - in modo molto simile a un effetto-rimbalzo - entrerà nella conoscenza di ciascuno di voi. La relazione che avete con il vostro amato/ amata, con un complementare, sarà armoniosa, perché avverrà nella comprensione della vostra divinità. Esteriormente verrà conosciuta come coscienza eristica esemplificata.

La coscienza eristica potrebbe essere sperimentata in totalità adesso, sul vostro piano terreno. Davvero potrebbe esserlo. Non ha bisogno di aspettare fino alla supercoscienza mentre voi ve ne state seduti battendo impazientemente il piede. Non è necessario aspettare. Potete avere la gioia, vissuta come pura estasi, ma è necessario, a causa delle limitazioni della vostra dimensione, accettare e permettere la divinità dell'altro, il che è amore incondizionato esemplificato nei suoi confronti. Come, d'altro canto, potreste raggiungere la comprensione dell'amore incondizionato per voi stessi, se non attraverso questo specchio di voi? In verità questa [di cui parlo] è una relazione armoniosa, libera dal dolore e dal disaccordo, e tutto ciò avviene semplicemente riconoscendo la sovranità dell'altra entità. È quello che viene compreso come umiltà: il permettere alla vostra propria sovranità di dispiegarsi su voi stessi, il permettere che avvenga la vostra propria equilibratura e il permettere all'altro le stesse cose nel momento della sua propria maturità.

L'amore incondizionato sarà percepito in tutto il vostro pianeta e sta già facendosi strada nei governi e nelle strutture politiche, nelle razze, nei credo, nelle religioni e persino nei generi che da eoni stanno battagliando. Sta raggiungendo l'allineamento, il momento della messe della conoscenza. In verità, sulle vostre terre sarà meraviglioso quando la luce verrà esemplificata in tutti attraverso l'amore incondizionato e attraverso questo amore incondizionato riconoscerete la sovranità di tutti, permetterete loro di provare le loro amarezze, le gelosie, i risentimenti perché tutto ciò è il loro Alter Ego rispecchiato a loro stessi, ed è bene così. Non c'è alcun giudizio. Nella consapevolezza-Dio e nella co-noscenza-Dio di Sé, quello che considerate essere voi stessi è null'altro che Sé. La barriera, la definizione di separazione in e di per se stessa si dissolverà e, quando questa dissoluzione avverrà, vi ritroverete proiettati ed espansi oltre il vostro proprio campo aurico, oltre il vostro corpo di luce, oltre il campo aurico del vostro pianeta, in ciò che ora chiamate consapevolezza cosmica! Questa è semplicemente la consapevolezza dell'unità di tutta la vita attraverso di voi: è tutto qui. Non c'è nulla di mistico in ciò, né nulla da temere. Non c'è nulla di anormale, perché è molto normale conoscere l'unità di tutta l'altra vita quando si è nella conoscenza della propria divinità e della propria sovranità.

In verità, regnando supremi e camminando in sovranità e in dominio del vostro creato, non avete nulla da temere. Diventando cocreatori e manifestatori, all'interno di una relazione manifesterete circostanze armoniose in modo alquanto naturale, come effetto della progressiva comprensione di tutto ciò. È puramente naturale.

Ora apriremo un breve dibattito.

Questo testo è estratto dal libro "Anime Gemelle Anime Compagne".

Ti è piaciuto questo articolo? Rimani in contatto con noi!

 

Gli articoli più letti
Gli ultimi articoli pubblicati
IN QUESTA SEZIONE:
Articolo consigliato:

Anime Gemelle Anime Compagne

La fusione degli opposti

-15%
Anime Gemelle Anime Compagne Conte di Saint Germain

Conte di Saint Germain

In Anime gemelle Anime compagne il Maestro Asceso Saint Germain affronta una delle questioni centrali nel cammino di crescita di ognuno di noi: la... continua