Un Tocco di Luce - Anteprima del libro
Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08

Un Tocco di Luce - Anteprima del libro di Nayaswami Jyotish e Devi Novak

Vivere gli insegnamenti di Paramhansa Yogananda

L’eredità Swami Kriyananda

"Swami Kriyananda ha lasciato il corpo poco più di tre mesi fa, donandoci una formidabile eredità.

Innanzitutto, la grande mole di cose che ha realizzato: Swamiji* ha scritto 150 libri, molti dei quali hanno contribuito a fare chiarezza sugli insegnamenti spirituali in un modo che non incontra eguali; ha fondato le nove comunità Ananda attualmente esistenti, definendo al tempo stesso l'intero movimento moderno delle comunità spirituali; ha creato bellissime musiche, lasciandoci - oltre ai 450 brani che ha composto - anche la dimostrazione di come la musica possa essere un'onda portante per l'elevazione della coscienza.

Pochi di noi possono emulare tutto ciò che Swamiji ha realizzato, ma la sua è anche un'eredità di coscienza, fatta di atteggiamenti e pratiche che possono guidare ognuno di noi. Eccone alcune, che rappresentano delle linee guida nella mia vita.

  1. La costante sintonia con Paramhansa Yogananda e il lasciarsi continuamente guidare, e persino definire, dal discepolato.
  2. La pratica quotidiana di uno stile di vita basato sul dharma. A volte, Swamiji faceva quasi l'impossibile per essere leale anche nelle piccole cose. Ricordo la volta in cui andò ad Assisi per comprare un quotidiano, semplicemente perché quella mattina aveva detto che lo avrebbe fatto. Anche se il viaggio di due ore era diventato superfluo perché qualcuno era stato in città e gli aveva portato il giornale, ciononostante Swamiji andò lo stesso, per mantenere la sua promessa. Comportandosi in accordo con il dharma nelle piccole cose, si preparava a mantenere il suo impegno verso la giusta azione anche quando una decisione comportava serie difficoltà.
  3. Gentilezza e comprensione. Swamiji era un esempio vivente di uno dei suoi princìpi fondamentali: «Le persone sono più importanti delle cose». Nei giorni che precedettero il suo trapasso, fece una visita di addio a molti dei negozianti di Assisi che erano diventati suoi amici. Nel prendere decisioni per Ananda, anteponeva sempre il benessere spirituale dell'individuo alle esigenze organizzative.
  4. Grande energia e una concentrazione simile a un raggio laser. Quando era impegnato in un libro o in un progetto.

Il suo impegno e la sua concentrazione attiravano un flusso di grazia che gli consentiva di lavorare molto velocemente e a un livello molto elevato. Perfino verso la fine della sua vita, Swamiji era in grado di scrivere un libro in un mese o anche in meno tempo.

Queste qualità - sintonia, dharma, gentilezza e concentrazione - sono tutte qualità che anche noi possiamo emulare. In questo modo, la meravigliosa eredità di Swamiji continuerà a vivere e a diffondersi in tutto il mondo.

In gioia, NAYASWAMI JYOTISH.

Il potere della garzie di Dio

La guida di Swami Kriyananda costituisce le fondamenta della vita spirituale di innumerevoli anime in tutto il mondo. Un consiglio chiave che egli mi diede nei primi tempi in cui vivevo ad Ananda, cambiò la mia comprensione di come affrontare il sentiero spirituale.

Ero discepola da alcuni anni ed ero stata colpita da una prova karmica che stava minando la mia serenità, provocandomi costante angoscia e confusione. Per quanto mi sforzassi mentalmente, con tutte le mie forze, non riuscivo a reagire a questa situazione con il giusto atteggiamento.

Poi un raggio di speranza squarciò le nuvole e mi domandai: «Quali tecniche raccomanda Paramhansa Yogananda per superare gli ostacoli?». Cercai fra i suoi scritti e iniziai a praticare con entusiasmo alcune di quelle pratiche: preghiera, visualizzazioni, affermazioni, accettazione e offrire la situazione a Dio.

Dopo alcune settimane, fui costretta ad ammettere con sconforto che né la situazione né i miei atteggiamenti sbagliati erano cambiati. Non sapevo proprio cos'altro fare.

In quel periodo mi capitò di incontrare Swami Kriyanan-da mentre usciva dalla casa editrice ad Ananda Village. In modo molto accorato, gli rivolsi questa domanda: «Swamiji, ho provato così fortemente a superare questa prova e ho praticato ogni tecnica che conosco. Puoi darmi qualche consiglio per trovare il giusto atteggiamento?».

Lui mi sorrise con grande gentilezza e comprensione, e rispose: «Tutte queste tecniche sono utili perché attirano la grazia di Dio, ma in ultima analisi è la grazia di Dio che ci trasforma». Così semplice, così profondo.

Da allora in poi, nel praticare le tecniche spirituali, cercai anche di sintonizzarmi con il potere della grazia di Dio. Era l'elemento mancante nelle mie pratiche e fu quello che, alla fine, mi permise di liberarmi da quel peso karmico.

Quelle poche parole di Swamiji sono state per me una guida vivente nel corso degli anni, ricordandomi sempre di fare del mio meglio, ma di fare affidamento sulla grazia di Dio per trasformare la mia coscienza.

In gioia, NAYASWAMI DEVI

Luci! Ciak! Giusta azione!

Lo scorso fine settimana si è tenuto un evento importantissimo: la prima proiezione ufficiale di Finding Happiness (Vivere la felicità), il film sulle comunità Ananda.

La fila di gente fuori dal cinema era talmente lunga da svilupparsi lungo tutto l'isolato, poiché quasi settecento persone si sono radunate nel Del Oro Theater di Grass Valley, in California. Nelle loro testimonianze sul film e sugli eventi del fine settimana in cui è stato presentato, diverse persone hanno usato frasi del tipo: «A dir poco meraviglioso» e «Il più splendido evento della mia vita».

Vivere la felicità è un film-documentario, cioè la rappresentazione di una storia vera attraverso una combinazione di attori e persone realmente coinvolte. Racconta la storia di una giornalista (Juliet) che riceve il compito di scrivere su Ananda come possibile alternativa al problema dell'avidità e della solitudine nella società attuale. Il pubblico osserva attraverso i suoi occhi, mentre lei esplora la comunità e intervista i residenti. Tutte le persone presenti alla proiezione si sono commosse durante la scena in cui Juliet riceve la benedizione di Swami Kriyananda, prima di tornare al suo lavoro in città. Siamo stati estremamente fortunati ad avere un'attrice profondamente spirituale e molto nota, Elizabeth Rohm, come interprete principale. Il film merita un'ampia distribuzione, che inizierà in autunno nei piccoli cinema e sarà seguita dalla vendita dei DVD che partirà in novembre.

Sembra uno di quei momenti in cui la storia di Ananda potrebbe cambiare completamente. I film sono uno strumento coinvolgente e poderoso per influenzare la coscienza, eppure quasi tutti attirano la nostra energia verso il basso con la violenza e la sensualità. È raro imbattersi in un film che risvegli la nostra anima, e questo è uno di essi.

Nel frattempo, ad Ananda si è appena concluso un mese di riprese per un secondo film, The Answer (La risposta). Con un copione autobiografico scritto da Swami Kriyananda, questo film mostra come la sua vita, e in particolar modo il suo discepolato, possano dare risposte alle nostre domande più profonde. Si tratta di un lungometraggio ancora in fase di lavorazione e ci vorrà un anno prima del suo debutto sul grande schermo.

Paramhansa Yogananda era solito portare i suoi discepoli al cinema. Durante le scene più drammatiche, soleva toccare la spalla di un discepolo, indicandogli il fascio di luce e dicendo: «È tutto un gioco di luce e oscurità». La vita stessa - spiegava - è come un film, nel quale siamo al tempo stesso attori e spettatori.

Ananda ha avuto un addestramento intensivo nella realizzazione di film in quest'ultimo anno, ma si tratta di una produzione cinematografica con uno scopo elevato. Il Maestro affermava che la meta più elevata è cercare Dio per condividerlo con tutti. La nostra preghiera è che questi film possano raggiungere tale obiettivo, contribuendo a sviluppare una mentalità completamente nuova.

In gioia NAYASWAMI JYOTISH."

Jyotish e Devi Nayaswami

Ti è piaciuto questo articolo? Rimani in contatto con noi!

 

Gli articoli più letti
Gli ultimi articoli pubblicati
IN QUESTA SEZIONE:
Articolo consigliato:

Un Tocco di Luce

Vivere gli insegnamenti di Paramhansa Yogananda

-15%
Un Tocco di Luce

Nayaswami Jyotish, Devi Novak

Un libro come questo ci incoraggia in ogni passo. Preziosissimo per tutti noi impegnati nella ricerca spirituale, perché parla il nostro... continua