I Sogni Magici - Scott Cunningham
Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08

I Sogni Magici - Anteprima del libro di Scott Cunningham

I sogni sono una via antica e sacra alla spiritualità umana

I misteri dei sogni

Le visioni che ci appaiono durante la notte possono essere enigmatiche, informative, spaventose o interessanti e praticamente ogni tradizione culturale ha attribuito loro grande importanza.

Secondo alcuni popoli i sogni erano causati dai demoni, mentre per altri erano stimolati dalle divinità. I sogni venivano spiegati come memorie delle anime umane che si staccavano temporaneamente dai corpi durante il sonno, o come messaggi provenienti da parenti morti, da fantasie creative o dalla mente che rielabora eventi recenti. Alcune culture primitive affermavano invece che i sogni erano degli stimoli dell’anima “subconscia” che emergeva alla coscienza durante il sonno.

Che dire di tutti questi concetti così diversi? Partiamo esaminando la natura della coscienza umana.

Le due menti

Attraverso i secoli, i mistici hanno affermato che abbiamo due menti: quella cosciente che usiamo durante le attività giornaliere e quella subconscia (o psichica) che assume il controllo durante il sonno. Alcune teorie recenti riguardo le funzioni separate dei due emisferi del cervello sembrano essere in linea con questa teoria.

La mente conscia è specializzata nei calcoli, la lettura, la teoria, l’istruire il corpo a eseguire compiti complessi, quali la guida e altre attività. Si sveglia con noi e scivola nel riposo durante la notte; si preoccupa del mondo materiale, con comunicazioni verbali e scritte, argomenti finanziari e altri interessi terreni.

La nostra società ripone grande importanza nella mente conscia, grazie alla quale abbiamo creato le nostre civiltà, i nostri usi e costumi, le lingue, i progressi tecnologici, i sistemi legali e ogni altro aspetto della nostra vita da svegli. L’educazione che riceviamo riguarda l’addestramento delle nostre menti consce ad agire in armonia con altre menti consce.

La mente subconscia è invece molto più misteriosa e risiede nell’ambito del sonno, dei sogni, della spiritualità, della coscienza psichica e dell’intuizione. La mente psichica di solito emerge dal suo sonno giornaliero solo quando giacciamo immobili durante la notte (anche se alcune intuizioni possono essere messaggi provenienti da questo piano di coscienza).

Quando siamo svegli, la mente conscia blocca le comunicazioni con quella subconscia, impedendo che le informazioni di quest’ultima invadano lo spazio della nostra vita da svegli. Questo è il risultato diretto di molti degli insegnamenti che riceviamo da bambini: “Non sognare a occhi aperti”, “Stai attento”, “Concentrati!”, “Le percezioni psichiche non esistono”. Alcune persone sono in grado di usare la mente psichica anche durante le ore del risveglio; sono gli psichici, i sensitivi, i mistici, gli artisti e gli scrittori. Non vi è dubbio che la mente psichica sia al lavoro durante i rituali-spirituali e religiosi, ma non siamo consci della sua presenza se non durante i sogni.

I sogni sono spesso percepiti come irrazionali o fantastici proprio perché non sono sotto il controllo della mente conscia. Lo stato di sogno non è limitato dal tempo o dallo spazio, ma opera in una realtà alternativa. Nei nostri sogni ci appaiono i morti, visitiamo luoghi lontani, nuotiamo nell’acqua come dei pesci o voliamo come gli uccelli; libera da tutte le leggi fisiche, la mente subconscia si imbarca per viaggi profondamente simbolici.

Il simbolismo

Il simbolismo è il linguaggio della mente subconscia e anche se in sogno possiamo camminare, parlare ed eseguire atti di tutti i tipi, i simboli ci compaiono come messaggi velati. Questi possono scaturire dalla mente subconscia stessa, dagli impulsi ricevuti durante il sonno, oppure dalle divinità che veneriamo.

I simboli del sogno (pioggia, cerchi, numeri, animali, piante, colori e così via) di solito ci offrono dei messaggi importanti che verrebbero bloccati durante lo stato di veglia. Tutti gli psicologi e i mistici conoscono bene questo fenomeno, anche se lo interpretano in maniera diversa; infatti, l’interpretazione dei sogni si basa sull’analisi dei simboli in essi contenuti (vedi il Capitolo 14).

Il linguaggio del sogno è molto diversa da quello quotidiano della comunicazione e del pensiero, ma ha comunque una sua logica e struttura. La natura dell’essenza di ogni persona e delle sue emozioni, spiritualità ed esperienza personale definisce quella dei suoi simboli nel sogno. Non tutti i simboli sono significativi ma molti di essi sono un tentativo diretto di parlare alla nostra mente conscia.

I tipi di sogni

I sogni sono stati classificati in varie categorie descritte nelle sezioni che seguono. Ulteriori informazioni sono approfondite nel Capitolo 14.

Sogni naturali

Tali sogni derivano dalla ricerca dei propri desideri, fantasie o svaghi e non contengono messaggi profondi o profezie per il futuro. Vengono creati dalle nostre speranze e desideri, e possono contenere informazioni provenienti da film, televisione, libri o giornali. Per quanto possano essere interessanti, sono di scarsa rilevanza.

Sogni psichici

Uno dei più famosi sogni psichici americani è stato fatto da Abramo Lincoln, che una notte sognò la propria morte; poco tempo dopo si recò al teatro dove venne ucciso.

I sogni psichici sono quelli che contengono informazioni sul futuro e che derivano da fonti inspiegabili. Tali messaggi non pervengono dai cinque sensi ma dalla mente subconscia e psichica e possono arrivare a persone di tutte le razze, estrazioni sociali ed età.

La teoria è semplice: la mente subconscia riceve informazioni psichiche durante il sonno che vengono poi tradotte in simboli, talvolta costruendo uno scenario simile a quello contenuto nel messaggio, ad esempio un aereo che si schianta, un terremoto che fa crollare la casa, la visita di un amico o l’arrivo di una lettera molto attesa. Altresì, il messaggio può giungere sotto forma di parole pronunciate da una persona amica o da uno sconosciuto. Tali sogni sono abbastanza rari ma sono accaduti a tutti almeno una volta.

Sogni telepatici

Uno dei primi resoconti di un sogno telepatico ci giunge da Democrito, che scrisse che i sogni possono essere il risultato di “emanazioni” da altre persone e oggetti che penetrano nella nostra coscienza durante il sonno. Tale interpretazione è tuttora valida per i non-scienziati, anche se si riferisce di solito solo all’accesso ai pensieri altrui durante il sonno. La telepatia (il diretto trasferimento di pensieri tra gli esseri umani) rimane un argomento di studio abbastanza controverso. I sogni telepatici possono spiegare almeno in parte i sogni psichici: i messaggi sotto forma di pensieri di parenti morenti o amici in pericolo possono scatenare dei sogni. L’argomento va ancora approfondito; basti dire che il 60%, 70% delle persone che ha avuto esperienze telepatiche ha affermato che queste sono avvenute in sogno.

Sogni con proiezioni astrali

Le culture più antiche vedevano il sonno come un momento in cui l’anima umana si stacca temporaneamente dal corpo. Nel sonno l’anima vaga esplorando il nostro mondo e molti altri ancora, incontrando divinità e altre anime umane in un fenomeno oggi noto come proiezione astrale. Alcuni ritengono che certi sogni potrebbero essere il ricordo di proiezioni astrali controllate inconsciamente. Tali sogni sono spesso fantasiosi perché nel regno astrale vediamo solo ciò che desideriamo scorgere.

Sogni divini

Tali sogni giungono al dormiente dalle sue divinità personali e rappresentano un vero atto spirituale. Il sonno è il momento perfetto per la manifestazione degli esseri divini che offrono conforto e guida: la mente che dubita è calma, il corpo è fermo, mentre la mente subconscia è pienamente operativa e può facilmente ricevere messaggi dal divino.

I sogni divinamente ispirati appartengono alle religioni non solo pagane. I primi cristiani accettavano l’idea che Dio potesse ispirare i sogni, e personaggi come Origene, Sant’Agostino, San Tommaso d’Aquino e molti altri cristiani delle origini scrissero che interpretare il futuro attraverso i sogni era lecito perché era Dio a ispirarli. La Bibbia è ricca di episodi di sogni di origine divina.

I sogni divini potevano manifestarsi durante una notte qualsiasi senza avvertimento. Alcune culture promuovevano l’uso di rituali magici e religiosi il cui scopo era causare sogni divini nei momenti di bisogno, soprattutto dormendo nei templi.

L’incubazione dei sogni (il sonno sacro)

I sogni erano messaggi divini talmente importanti che nel mondo antico vennero creati templi del sogno la cui popolarità crebbe nei secoli: in Egitto, Babilonia, Grecia e Roma furono eretti migliaia di templi dedicati a tale arte.

L’incubazione dei sogni è un termine tecnico che descrive la creazione di sogni sacri per scopi specifici quali guarire, consigliare, offrire squarci sul futuro, proteggere, concepire dei figli, fare piani di battaglia e così via. Ogni libero cittadino di queste nazioni poteva visitare un tempio, fare un’offerta o un sacrificio e passare la notte nel luogo sacro. L’individuo fortunato si svegliava la mattina con un sogno della divinità che aveva risposto alle sue preghiere.

Le teorie alla base di queste pratiche così diffuse sono chiare:

  • Le divinità si preoccupano dei loro adepti
  • I sogni possono essere inviati da dèi o dee
  • Il punto più vicino alla divinità venerata è dentro i confini del suo tempio
  • Dormire dentro un tempio è il modo più efficace per produrre un sogno divino.

Le origini dell’incubazione dei sogni (anche nota come sonno del tempio o sonno sacro) sono ignote. Quello che si sa per certo è che tale fenomeno si sviluppò fra la cultura sumera ed egizia per poi diffondersi in Babilonia e Assiria, fino a raggiungere gli imperi greci e romani. Simili pratiche erano comuni anche tra gli Indiani d’America (vedi il Capitolo 7), gli Hawaiani pre-cristiani (vedi il Capitolo 6), gli Aborigeni australiani e in ogni parte dell’Africa, e sono tuttora in nei culti religiosi giapponesi.

Le teorie moderne sui sogni

Nel 1899 Sigmund Freud pubblicò L'interpretazione dei sogni in affermò che tutte le condizioni mentali patologiche possono essere spiegate attraverso i conflitti interiori e le frustrazioni sessuali. (Più avanti allargò il concetto a tutti conflitti e i desideri frustrati.) Freud si rese presto conto che il metodo più efficace per fare emergere le memorie sepolte era l’analisi dei sogni dei suoi pazienti.

Per anni, il suo libro fu largamente ignorato e le sue teorie respinte, ma ciononostante Freud non si arrese e arrivò a inventare l’arte della psicanalisi come la conosciamo oggi.

Le ricerche scientifiche sulla natura dei sogni rimasero occasionali fino alla fine degli anni ’50 e l’inizio degli anni ’60, quando un gruppo di scienziati che studiavano il sonno scoprì una correlazione tra il “movimento rapido degli occhi” (REM, Rapid Eye Movement) e i sogni, che fu accettata come la prima evidenza fisiologica del rapporto tra corpo e sogni.

Tuttavia le ricerche che seguirono indicarono che la relazione tra REM e i sogni non era significativa; risvegliando pazienti in stati REM e non-REM, gli scienziati scoprirono che i sogni potevano avvenire in molti momenti del sonno, e che di conseguenza la fase REM non era indispensabile a provocarli.

Gli studi proseguirono, così come le teorie riguardo la natura dei sogni distaccata dai fattori fisiologici. Alcune delle teorie attualmente accettate affermano invece che i sogni derivino da un accumulo di ansietà, in quanto battaglie notturne per superare i problemi, o dall’assimilazione di informazioni derivanti da stimoli esterni come i libri, i film ecc., oppure che siano un metodo con cui la mente rilascia informazioni inutili.

Queste teorie sono solo delle illazioni, non supportate da fatti, che ignorano un aspetto fondamentale, ossia che i sogni avvengono in uno stato di coscienza alterata incontrollabile dalle leggi del mondo fìsico, uno stato in cui milioni di persone hanno parlato con il divino.

Questo testo è estratto dal libro "I Sogni Magici".

Ti è piaciuto questo articolo? Rimani in contatto con noi!

 

Gli articoli più letti
Gli ultimi articoli pubblicati
IN QUESTA SEZIONE:
Articolo consigliato:

I Sogni Magici

Misteri e tecniche del sonno sacro

-15%
I Sogni Magici Scott Cunningham

Scott Cunningham

I sogni sono una via antica e sacra alla spiritualità umana per entrare in contatto con il divino e ricevere aiuto in ogni momento di difficoltà. I... continua