Le Leggi dell'Oro - Napoleon Hill - Estratto
Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08

Le Leggi dell'Oro - Anteprima del libro di Napoleon Hill

L'importanza del cambiamento di Napoleon Hill

Il successo

Se non intendiamo necessariamente il successo come la scoperta della mitica pentola piena di monete d’oro che sta alla fine dell’arcobaleno, ma come la capacità di affrontare le sfide che incontreremo nel tentativo di realizzare il nostro fine esistenziale, riusciremo a mantenere un atteggiamento positivo. Eliezer A. Alperstein, CPA.

Oggi sentiamo parlare sempre più spesso di ineludibilità del cambiamento. Il cambiamento è necessario per evitare l’accumulazione di tante caratteristiche negative come l’autocompiacimento, la stagnazione, l’inerzia, la resistenza, l’indolenza e l’autoappagamento. Chi non apprezza il cambiamento si asserraglia in una zona di comfort che si è costruito quasi sempre da sé. Se lo permettiamo, le zone di comfort diventano routine che ci imprigionano e finiscono per soffocarci. Se permettiamo alle nostre abitudini di consolidarsi, rischiamo di invecchiare prematuramente e di perdere la nostra carica vitale.

Come si adotta il cambiamento? Ho sentito dire che un approccio efficace è rispondere a una proposta di cambiamento “Sì, e...” anziché “Sì, ma...” La prima risposta è aperta e offre ulteriori idee, mentre la seconda, più comune e più cortese, appare quasi sempre una critica velata. Dicendo “Sì, ma...” si contesta di fatto l’idea suggerita. Viene spesso definita critica costruttiva. Invece, dicendo “Sì, e...” si lascia la porta aperta all’accettazione e alla possibilità di combinare positivamente le idee, anziché sbattere virtualmente la porta in faccia a chi le propone.

I nostri atteggiamenti si possono indurire come le nostre arterie. La nostra dieta mentale è importante quanto il nostro piano alimentare e forse ancora di più. Qualcuno dice che siamo ciò che mangiamo. Naturalmente siamo anche ciò che pensiamo. Le caratteristiche fisiche e le caratteristiche psicologiche vanno a braccetto. Hai mai sentito definire qualcuno un lunatico, uno svampito, uno svitato o persino un somaro? Non sono complimenti, ma rappresentano degli atteggiamenti ormai talmente radicati da diventare caratteristiche psicologiche. Non sarebbe meglio sentirsi definire un tesoro, un angelo, un signore, un leader, o magari anche un bravo organizzatore?

Possiamo modificare i termini descrittivi della nostra personalità modificando i nostri atteggiamenti. Gli atteggiamenti informano la disposizione d’animo e poi modellano, lentamente ma sistematicamente, il carattere. E il carattere, a sua volta, determina il destino. Il cambiamento inizia dentro di noi e si espande fino ai limiti esterni della nostra identità fisica. A quel punto, l’energia che generiamo si estende contagiosamente a coloro con cui entriamo in contatto. Vuoi essere la rappresentazione vivente della salute o della malattia? Della bontà o della malvagità? Del Paradiso o dell’Inferno? La risposta sta nell’atteggiamento che esibisci al mondo. Se il tuo non è quello che vorresti avere, è ora di modificarlo. Comincia oggi stesso dicendo “sì” anziché “no” alle opportunità che si presentano. Vedi la vita come un regalo da scartare, non come un comando di cancellazione sulla tua tastiera. Il tuo futuro cambierà completamente se saprai vedere e sfruttare le opportunità che ti si presenteranno di giorno in giorno.

L'importanza del cambiamento di Napoleon Hill

Non va mai dimenticato che il Creatore ha fornito all’uomo l’unico e il solo mezzo con cui si è distaccato dalla famiglia animale e ha acquisito una dimensione spirituale, attraverso il quale potrebbe essere il padrone del suo destino terreno. Questo mezzo è la legge del cambiamento. Limitandosi a modificare il proprio atteggiamento psicologico, l’uomo può scegliere il proprio modo di vivere e di guadagnarsi da vivere, e farne una realtà. È l’unica e la sola cosa su cui gli è stato conferito un potere di controllo irrevocabile, incontestato e incontestabile - di qui la supposizione che fosse considerata dal Creatore la prerogativa più importante dell’uomo.

I dittatori e gli aspiranti conquistatori del mondo vanno e vengono. Finiscono sempre per uscire di scena perché la riduzione in schiavitù degli esseri umani non fa parte del disegno universale. Esso prevede che ogni uomo debba essere libero, vivere come meglio crede, controllare i suoi pensieri e le sue azioni e decidere il proprio destino terreno.

Ecco perché il filosofo, che guarda al passato per capire cosa potrebbe accadere in futuro, non può essere contento se un Hitler o uno Stalin si crogiola momentaneamente al sole del proprio ego e minaccia la libertà del genere umano. Perché questi uomini, come per tutti quelli della stessa risma che li hanno preceduti, si autodistruggeranno con i loro eccessi, le loro vanità e la loro sete di potere sul mondo libero. Inoltre, questi potenziali strangolatori della libertà umana potrebbero essere solo demoni che fungono inconsapevolmente da truppe d’assalto per risvegliare l’uomo dal suo autocompiacimento e aprire la via al cambiamento che apporterà nuovi e migliori modi di vivere.

La natura guida l’uomo al cambiamento costante con mezzi pacifici a condizione che collabori, ma ricorre a metodi rivoluzionari se l’uomo si ribella e omette o si rifiuta di conformarsi alla legge del cambiamento. Il metodo rivoluzionario potrebbe consistere nella morte di una persona cara o in una grave malattia; potrebbe causare un rovescio finanziario o la perdita del lavoro, che costringe la persona a cambiare strada ed entrare in un settore completamente diverso, dove troverà migliori opportunità che non avrebbe mai incontrato se gli fosse andato tutto per il verso giusto.

La natura impone la legge della fissazione delle abitudini a tutti gli esseri inferiori all’uomo e impone con lo stesso rigore la legge del cambiamento alle abitudini dell’uomo. Gli mette così a disposizione l’unico mezzo con cui potrebbe crescere ed evolversi in linea con la posizione immutabile che occupa nel piano complessivo dell’universo.

Thomas A. Edison si trovò a fronteggiare la prima grande avversità quando il maestro lo spedì a casa dopo soli tre mesi di scuola elementare, con una nota indirizzata ai genitori in cui sentenziava che era refrattario all’apprendimento. Non tornò mai sui banchi di scuola - di una scuola tradizionale - ma iniziò ad autoeducarsi alla dura università della vita, dove acquisì delle conoscenze che ne fecero uno dei più grandi inventori di tutti i tempi. Prima di laurearsi a quella università collezionò licenziamenti in serie, mentre la mano del destino lo guidava attraverso i cambiamenti essenziali che lo prepararono a diventare un grandissimo inventore. Forse una formazione scolastica tradizionale avrebbe ridotto le sue probabilità di successo.

La natura sa cosa fare quando le avversità, il dolore fisico, la sofferenza psicologica, l’angoscia e la sconfitta temporanea soverchiano una persona. Tienilo ben presente e fanne tesoro la prossima volta che ti troverai a fronteggiare delle avversità. E invece di recriminare, o di tremare dalla paura, tieni alta la testa e cerca in tutte le direzioni quel seme di un beneficio equivalente che è insito in tutte le avversità.

Come sai, il seme di tutto il successo è la definizione dello scopo. Parliamo spesso di usare una road map: se non hai una destinazione specifica, non puoi scegliere un percorso.

Christopher Lake geco cinque fatti che vale la pena di ricordare:

  1. I pensieri sono cose.
  2. Le nostre scelte creano ciò che otteniamo dalla vita.
  3. Diventiamo ciò che pensiamo.
  4. Un atteggiamento psicologico positivo è quello giusto in tutte le circostanze.
  5. La nostra mente può gestire un solo pensiero e/o una sola emozione alla volta.

Sono affermazioni semplici ma importanti che possono cambiarti la vita. Convertendo queste idee in azioni concrete quotidiane, un’esistenza banale e monotona può trasformarsi in qualcosa di miracoloso. Così come la farfalla esce dal bozzolo e si mette a volare, questa magica metamorfosi può contrassegnare anche la tua vita. Il corso dell’esistenza sembra indicare che prima si mettono le radici e poi si mettono le ali. Intanto che le tue ali iniziano a formarsi, si allargano e ti preparano al volo, perché non cercare di capire meglio l’aerodinamica del tuo io invisibile?

Due libri fantastici da questo punto di vista sono: Your Greatest Power e How to Become a Mental Millionaire. Don Green, il direttore esecutivo della Napoleon Hill Foundation, dice che: “Molti non riescono ad avere successo neanche nelle condizioni più favorevoli, perché non hanno mai fatto uso di questo GRANDISSIMO POTERE... IL POTERE DI SCEGLIERE. Altri useranno questo GRANDISSIMO POTERE... IL POTERE DI SCEGLIERE e avranno successo anche nei momenti difficili perché si rifiutano di lasciarsi fermare dalle avversità... e persistono finché la sorte non arride loro”.

La situazione in cui ci troviamo può essere vista con ottimismo o con pessimismo, in base all’atteggiamento psicologico che adottiamo. C’è sempre qualche elemento positivo nelle negatività, e viceversa. L’abitudine a focalizzarsi sulle positività ci permette di riconoscerle quando si presentano nella nostra vita. Specularmente, focalizzandoci sulle negatività le attiriamo perché abbiamo sviluppato una sorta di antenna che le richiama. I pensieri migrano esattamente come gli uccelli e come i pesci. C’è una bussola istintiva che guida i loro spostamenti. Diversamente dalle creature che sono programmate per seguire l’istinto, l’uomo crea il proprio futuro. Quale futuro stai programmando per la tua vita? Tu hai VERAMENTE il potere di scegliere. Scegli saggiamente e deliberatamente.

Le tue ricchezze inutilizzate di Napoleon Hill

‘‘Agisci”, ha detto Emerson, "e avrai il potere”.

Forse non hai ancora valorizzato adeguatamente il tuo asset più importante.

È l’unica risorsa personale con cui potresti arrivare ovunque desideri; non puoi perderla per la cattiveria degli altri, né ti può essere sottratta o rubata.

È giusto definirla “il tuo asset più importante” perché è l’unica cosa su cui hai un potere di controllo totale e incontestabile, e tale dev’essere stata considerata dal tuo Creatore, perché è l’unica cosa di cui ti è stato concesso l’uso esclusivo.

Il tuo asset più importante è il privilegio di prendere possesso della tua mente e indirizzarla verso il raggiungimento degli scopi che ti prefiggi.

Questo privilegio esclusivo assicura enormi ricchezze a chi lo usa saggiamente e punizioni severissime a chi si rifiuta di farne un uso adeguato.

Tra le ricchezze che otterrai assumendo il controllo e la direzione della tua mente ci sono la sicurezza finanziaria, la salute, la serenità e l’affetto di amici e parenti oltre alla possibilità di scegliere la vita che desideri.

Tra le penalità che dovrai pagare per non aver preso il pieno possesso della tua vita ci sono la povertà, l’infermità, la paura e la preoccupazione, la perdita degli amici e \e preghiere inesaudite.

La mente ti è stata data affinché la usassi per trovare la maniera di vivere come ti pare. Come qualunque organo o qualunque muscolo del tuo corpo, il cervello che ospita la tua mente si atrofizzerà e si indebolirà se non verrà utilizzato adeguatamente.

L’uso più alto e più nobile che puoi fare della tua mente è lo sviluppo di un sesto senso tramite il quale potrai comunicare con la fonte di tutta la saggezza durante la preghiera.

E più dipendi dalla preghiera per orientare tutte le tue azioni, più si amplificheranno le tue capacità mentali, finché non arriverai a comunicare istantaneamente con l’Intelligenza Infinita.

Il compianto Charles P. Steinmetz era convinto che un giorno la preghiera sarebbe diventata scientifica e definita come le regole della matematica o le leggi della fisica. Altri grandi pensatori hanno formulato una previsione analoga.

È giusto definirla “il tuo asset più importante” perché è l’unica cosa su cui hai un potere di controllo totale e incontestabile, e tale dev’essere stata considerata dal tuo Creatore, perché è l’unica cosa di cui ti è stato concesso l’uso esclusivo.

Il tuo asset più importante è il privilegio di prendere possesso della tua mente e indirizzarla verso il raggiungimento degli scopi che ti prefiggi.

Questo privilegio esclusivo assicura enormi ricchezze a chi lo usa saggiamente e punizioni severissime a chi si rifiuta di farne un uso adeguato.

Tra le ricchezze che otterrai assumendo il controllo e la direzione della tua mente ci sono la sicurezza finanziaria, la salute, la serenità e l’affetto di amici e parenti oltre alla possibilità di scegliere la vita che desideri.

Tra le penalità che dovrai pagare per non aver preso il pieno possesso della tua vita ci sono la povertà, l’infermità, la paura e la preoccupazione, la perdita degli amici e \e preghiere inesaudite.

La mente ti è stata data affinché la usassi per trovare la maniera di vivere come ti pare. Come qualunque organo o qualunque muscolo del tuo corpo, il cervello che ospita la tua mente si atrofizzerà e si indebolirà se non verrà utilizzato adeguatamente.

L’uso più alto e più nobile che puoi fare della tua mente è lo sviluppo di un sesto senso tramite il quale potrai comunicare con la fonte di tutta la saggezza durante la preghiera.

E più dipendi dalla preghiera per orientare tutte le tue azioni, più si amplificheranno le tue capacità mentali, finché non arriverai a comunicare istantaneamente con l’Intelligenza Infinita.

Il compianto Charles P. Steinmetz era convinto che un giorno la preghiera sarebbe diventata scientifica e definita come le regole della matematica o le leggi della fisica. Altri grandi pensatori hanno formulato una previsione analoga.

e “per favore” quando interagisci con loro? Chiedi sempre assistenza ma non offri mai nulla in cambio? Tutte queste cose non fanno bene di certo alla tua immagine. E ti piaccia o no, ciò che conta nella tua valutazione complessiva non è l’impressione che hai di te stesso, ma l’impressione che ne dai al prossimo.

Due piccole cose che puoi fare immediatamente per migliorare il tuo punteggio sul fronte della personalità sono sorridere e ascoltare. Quando sorridi agli altri, li inviti a sorriderti a loro volta. Lo scambio di sorrisi crea un’atmosfera distesa e promuove un flusso di pensieri positivi. E ascoltando prima di parlare potresti diventare un interlocutore apprezzato, ma soprattutto imparare qualcosa. Nessuna delle due azioni è complicata, ma sia l’una sia l’altra possono fare una grandissima differenza nella percezione che gli altri hanno di te.

Allora provaci, almeno per oggi. Stasera, se ci rifletterai e ti convincerai che sorridere e ascoltare hanno giovato alla tua immagine e alla tua efficacia professionale, decidi di aggiungere queste due azioni alla tua strumentazione. Tra poco inizierai la ristrutturazione interna che trasformerà la tua “casa” fisica in un ambiente estremamente ospitale.

Come sviluppare una personalità gradevole di Napoleon Hill

“La tua personalità è il campionario di ciò che hai da offrire”.

La voce che sta in cima all’intero elenco delle cause di insuccesso è l’incapacità di interagire piacevolmente con il prossimo. Si dice che sia stata la personalità gradevole del compianto Franklin D. Roosevelt a farne il politico di maggior successo che abbiamo mai avuto.

La personalità gradevole di Charles M. Schwab l’ha portato a guadagnare la bellezza di 75.000 dollari all’anno, a cui si aggiungeva spesso un bonus pari a dieci volte quella somma.

Potrai acquisire una personalità “milionaria” se seguirai questi consigli:

  • Sviluppa un atteggiamento mentale positivo ed esprimilo in tutte le tue relazioni con il prossimo.
  • Addestra la tua voce parlando sempre in un tono amichevole che denoti cordialità.
  • Abituati a tenere la mente aperta e ad ascoltare con interesse i tuoi interlocutori. “Impartire degli ordini” potrebbe solleticare l’ego ma non aiuta di sicuro a farsi degli amici.
  • Renditi flessibile nelle relazioni che intrattieni con il prossimo adattandoti a tutte le circostanze senza perdere la calma e ricorda che quando sei arrabbiato il silenzio “della controparte” potrebbe pesare più delle tue parole.
  • Pratica l’arte della pazienza e ricorda che la scelta del momento giusto per tutte le tue parole e per tutte le tue azioni potrebbe darti un grosso vantaggio su quelle di un interlocutore impaziente.
  • Tieni la mente aperta su tutte le questioni, nei confronti di tutte le persone, perché è dimostrato che le opportunità favorevoli non si presentano mai alle menti chiuse e che l’intolleranza non porta alla saggezza.
  • Impara a sorridere quando parli con gli altri, togliendo loro qualunque impressione negativa sulla tua disponibilità.
  • Usa il tatto nei discorsi e negli atteggiamenti, tenendo presente che non tutti i pensieri andrebbero espressi, anche se sono corretti.
  • Abituati all’immediatezza nelle decisioni e ricorda che la procrastinazione rivela agli altri un tratto negativo della personalità.
  • Impegnati a fare almeno un’azione positiva al giorno, elogiando o assistendo una o più persone senza aspettarti una ricompensa, e prendi nota della rapidità con cui crescerà il numero dei tuoi amici.

Basta intraprendere queste dieci azioni per acquisire una personalità gradevole.

Fonte: Success Unlimited.

Questo testo è estratto dal libro "Le Leggi dell'Oro".

Ti è piaciuto questo articolo? Rimani in contatto con noi!

 

Gli articoli più letti
Gli ultimi articoli pubblicati
IN QUESTA SEZIONE:
Articolo consigliato:

Le Leggi dell'Oro

52 principi per ottenere la ricchezza

-15%
Le Leggi dell'Oro Napoleon Hill

Napoleon Hill

Una selezione dai primi agli ultimi scritti del grande autore di Pensa e arricchisci te stesso Napoleon Hill - tratti dai suoi saggi, dai suoi... continua