Le Parole degli Angeli - Elisabeth Clare Prophet
Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08

Le Parole degli Angeli - Anteprima del libro di Elisabeth Clare Prophet

Entrare in contatto con gli angeli della luce e riceverne guida, conforto e guarigione

Gli angeli e voi

Gli angeli sono molto reali e presenti in prima persona fra noi. Sono tutt’intorno a noi. Quando comunichiamo con loro, veniamo portati a un livello superiore di consapevolezza. Se li invitiamo a entrare nella nostra vita, riceviamo assistenza in ciò che facciamo. Essi hanno una missione: Dio li ha creati affinché fossero le nostre guide, i nostri custodi e protettori.

Ogni angelo che si presenta a noi giunge come un messaggero. Infatti la parola angelo deriva dal latino angelus, che significa «messaggero». Gli angeli ci trasmettono messaggi d’amore, gioia, pace, insegnamento, avvertimento e protezione. Se avete un orecchio attento e un cuore ricettivo, comincerete a sentire e a comprendere i loro consigli.

L’autore della Lettera agli Ebrei ci dice che Dio «fa i suoi angeli simili al vento, e i suoi ministri come fiamme di fuoco». Dio plasmò gli angeli dal proprio essere fiammeggiante. Essi non sono creature di carne e sangue, bensì di fuoco: sono un prolungamento della presenza di Dio, il quale li creò per poter vivere insieme a noi tramite il suo corteggio celeste.

I custodi celesti

Dio creò gli angeli prima di creare noi. Sapeva che avremmo avuto bisogno di custodi celesti, perciò concepì gli angeli esattamente per questo scopo. Fece in modo che fossero pronti al loro posto quando fosse giunto il momento di dar vita ai suoi figli e alle sue figlie.

Ogni singolo angelo che bussa alla vostra porta, dal più piccolo al più grande, è depositario di una grazia o di un dono speciale che Dio manda a voi con su scritto il vostro nome e la dicitura «personale». Quando aprite la porta e il cuore a un angelo, siate pronti a essere colmati dalla sacra essenza che Dio ha formulato espressamente per voi.

La mia interazione con gli angeli mi ha mostrato che essi si prendono cura del nostro corpo, consolano il nostro spirito, rinvigoriscono la nostra mente e ristorano la nostra anima. Essi ci comunicano la parola di Dio e fanno da tramite alle sue intercessioni, ci trasmettono le sue profezie e i suoi avvertimenti, il suo conforto e le sue rivelazioni, le sue esortazioni e i suoi ammonimenti.

Gli angeli e gli arcangeli

Pensate alla presenza manifesta di Dio come al Grande Sole Centrale, il fulcro luminoso in connessione con l’universo Spirito-Materia. Pensate al Tai Chi, al famoso simbolo del Taoismo, le due metà del tutto, come rappresentazione del positivo e del negativo, dell’universo Spirito-Materia, o del Dio Padre-Madre.

Da questo luminoso e sfolgorante Sole Centrale, talmente vasto da non consentirci nemmeno di immaginarne le dimensioni, si sprigionano raggi di luce che, scendendo sulla terra, assumono la forma di angeli. Come i raggi solari sono prolungamenti del sole, così gli angeli sono prolungamenti della presenza vitale di Dio. E i più importanti sono gli arcangeli. Quando vi trovate alla presenza di un arcangelo o di un'archeia, (plur. archeiai) il suo complemento femminile, voi vi trovate alla presenza di Dio. Ma di questo parlerò diffusamente più avanti.

Gli angeli rivestono una gran quantità di cariche e funzioni, suddivise tra le gerarchie celesti governate dai sette arcangeli. Tommaso d’Aquino disse che gli angeli erano i custodi degli uomini, i messaggeri divini che trasmettevano le comunicazioni di minore importanza, mentre gli arcangeli erano quegli angeli che portavano all’uomo i messaggi più importanti affidati loro da Dio.

Gli arcangeli sono i capitani (i gerarchi) delle legioni angeliche. Essi controllano i sette raggi, le sette emissioni di luce della coscienza di Dio. Gli arcangeli sono gli architetti di Dio, il quale li usa per abbozzare i piani dei suoi progetti e realizzarli. Essi sono dei progettisti e dei costruttori cosmici nel senso più alto della parola, e immettono nella nostra mente il progetto divino per sostenerci nei nostri sforzi.

Gli arcangeli sono esseri cosmici che ci precedono di milioni di anni. Furono i nostri primi maestri e non esiste alcun campo di apprendimento in cui essi non eccellano.

Tutti gli arcangeli sono dei guaritori che vengono a noi come chirurghi provetti per riparare i danni del corpo e rimediare alle lacerazioni dell’anima. Insieme agli Elohim, i co-creatori della vita e della forma, essi hanno anche il potere di creare e non creare la vita. Gli arcangeli sono esseri straordinari, che incarnano Dio e lo rappresentano nella sua grazia, maestà e potere.

Gli angeli incarnati

Tutti gli angeli venerano Gesù Cristo come l’incarnazione di Dio. Tutti, tranne Lucifero e i suoi seguaci. L’antico mito della caduta degli angeli è vero. Quegli angeli rifiutarono di inginocchiarsi al cospetto del Figlio di Dio e combatterono invece contro la Donna e suo Figlio. Così, come è scritto nel capitolo 12 dell’Apocalisse, l’Arcangelo Michele li cacciò dal paradiso. Lucifero e i suoi angeli persero la loro battaglia e giurarono eterna ostilità nei confronti del Cristo quale il Vero Sé di ogni figlio e figlia di Dio.

Ma c’è un altro capitolo nella storia della Grande Ribellione che non compare nell’Apocalisse. Quando gli angeli buoni videro che i loro fratelli caduti se ne andavano in giro per la terra a combattere i figli di Dio, dissero: «Ci offriremo volontari. Vogliamo scendere sulla terra e assumere una forma umana per far conoscere alla gente la perfidia degli angeli ribelli e proteggere i figli di Dio dai loro intenti malvagi».

Dio consentì a quegli angeli buoni di assumere anch’essi una forma umana. Così, li ritroviamo in ogni razza, popolo e nazione. Alcuni sono dei meravigliosi insegnanti, consolatori o ministri, e ci amano, ci proteggono e si prendono cura delle nostre necessità in vari modi.

Non vi è mai capitato di dire «Oh, è un angelo!», quando vedete una persona particolarmente buona, generosa e attenta ai bisogni degli altri? Questa è la natura degli angeli. Essi sono qui per un unico scopo: aiutare tutti noi a tornare a Casa. L’apostolo Paolo trasse ispirazione dal suo incontro personale con gli angeli e ci ricordò quanto segue: «Non dimenticate l’ospitalità: alcuni, praticandola senza saperlo, hanno accolto degli angeli».

Gli Angeli e il Figlio di Dio

Chi è il Figlio di Dio e qual è il suo legame con gli angeli? L’autore della Lettera agli Ebrei ha scritto:

Che cose l’uomo perché di lui ti ricordi? O il figlio dell’uomo perché te ne curi?

Di poco l’hai fatto inferiore agli angeli, di gloria e di onore l’hai coronato e hai messo ogni cosa sotto i suoi piedi.

Avendo sottomesso a lui tutte le cose, nulla hai lasciato che non gli fosse sottomesso. Al momento presente però non vediamo ancora che ogni cosa sia a lui sottomessa.

Tuttavia, quel Gesù, che fu fatto di poco inferiore agli angeli, lo vediamo coronato di gloria e di onore a causa della morte che ha sofferto, perché per la grazia di Dio egli provasse la morte a vantaggio di tutti.

Poiché Gesù era fatto di carne, si dice che «fu fatto di poco inferiore agli angeli». In effetti, prima della Grande Ribellione di Lucifero, gli angeli non si erano mai abbassati all’umile condizione della carne; essi non avevano mai occupato corpi simili ai nostri. Così, fino alla caduta degli angeli ribelli, tutti gli angeli del paradiso avevano venerato il Figlio di Dio e lo avevano assistito in base alle loro capacità e alla missione che era stata loro affidata da Dio.

La Lettera agli Ebrei così continua:

Conveniva infatti che Dio - per il quale e mediante il quale esistono tutte le cose, lui che conduce molti figli alla gloria - rendesse perfetto per mezzo delle sofferenze il capo che guida alla salvezza.

Infatti, colui che santifica e coloro che sono santificati provengono tutti da una stessa origine: per questo non si vergogna di chiamarli fratelli.

L’autore della Lettera agli Ebrei sembra sapere molto bene che quando Gesù ci santifica, noi non siamo diversi da lui, poiché egli ci ha conferito la santificazione di se stesso. Per questo motivo Gesù ci chiama fratelli e sorelle.

Gesù ci ha reso suoi pari. Questo è ciò di cui è convinto l’autore della Lettera agli Ebrei, ciò che egli ci dice. Il fatto stesso che Gesù ci chiami fratelli fa diventare voi e me suoi pari: pari per quanto riguarda le opportunità, le risorse interiori e la capacità di seguire le sue orme e fare ciò che egli ha fatto. E per questo che Gesù stesso ci ha promesso: «Chi crede in me anch’egli compirà le opere che io compio e ne compirà di più grandi di queste, perché io vado al Padre», intendendo tutte le opere, fino alla resurrezione e all’ascensione.

Poiché Gesù aveva innalzato i figli e le figlie di Dio al suo livello, Paolo fu in grado di dire ai Corinti: «Non sapete che giudicheremo gli angeli?». E qui si riferisce agli angeli caduti.

Quando Gesù Cristo realizzò la sua ultima incarnazione sulla terra e ascese al trono di grazia, a quel punto fu cinto di gloria e onore al di sopra di tutti gli angeli del paradiso. E poiché Gesù, il condottiero della nostra salvezza, scelse di fare suoi ciascuno di noi, una volta aver adempiuto agli obblighi richiesti per l’ascensione nella nostra incarnazione finale sulla terra, anche noi andremo in paradiso.

Il vostro Sé Divino e il Figlio di Dio

Il mistero del nostro rapporto con il Figlio di Dio e gli angeli è svelato nelle tre figure del Diagramma del Vostro Sé Divino riportato sull’aletta della quarta di copertina. Voi siete rappresentati nella figura più in basso, circondati dalla fiamma dello Spirito Santo, la fiamma violetta. Questa fiamma è il dono che Dio ci fa per aiutarci a cancellare i nostri errori e i nostri peccati.

La figura di mezzo del Diagramma è quella del Mediatore. Egli funge da intermediario tra noi, nella nostra condizione peccaminosa o kar-mica, e Dio, del quale Abacuc scrisse: «Tu dagli occhi così puri che non puoi vedere il male». Solo il Cristo può presentarsi dinanzi al trono di Dio. E lui solo può scendere dentro il nostro tempio e consigliarci.

Questa Presenza di Cristo è il vostro Sacro Sé Cristico. Questo è il termine che io uso per indicare la figura centrale del Diagramma. Esso può anche essere chiamato il Sé Superiore, il Vero Sé, il Corpo Mentale Superiore, l’Uomo Interiore del Cuore, il Guru o il Buddha Interiore e la voce della coscienza.

Gesù Cristo venne a mostrarci che cos’è quel Sé Cristico e in che modo quello stesso Cristo può rendersi manifesto a ciascuno di noi. Questo è il rapporto che abbiamo con il Figlio di Dio. Il Figlio di Dio è il Cristo vivente. Il termine viene dal greco christos, che significa «unto». Il Cristo è qualcuno che è unto dalla luce di Dio. E questa non è una prerogativa solo della Cristianità. Ogni avatar di qualunque periodo è stato unto da quella luce.

La nostra Presenza Cristica individuale è come la Presenza eristica di Gesù. Nel Diagramma, essa si trova sopra di noi, perché non abbiamo ancora preparato il nostro tempio a incarnare pienamente quel Cristo. Tuttavia ci sono momenti, giorni e ore nella nostra vita in cui ci sentiamo meravigliosamente toccati da quella presenza tramite la preghiera, la comunione e l’amore intenso che attraverso di noi si riversa sugli altri. Quella Presenza Cristica si avvicina così tanto a noi da sovrastarci e farci sperimentare il compimento della promessa fatta da Gesù che «se uno mi ama e osserverà la mia parola, il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Parleremo attraverso di voi, cammineremo attraverso di voi, vivremo attraverso di voi». Questo è lo scopo del vostro camminare con Dio in questa vita.

La figura in alto nel Diagramma è la presenza di Dio in noi. Dio ha posto una replica di se stesso in noi. Esiste un solo Dio, ma questo Dio ci ha amati così tanto da porre la sua maestosa presenza su di noi e dentro di noi. Si tratta della stessa presenza che Dio rivelò a Mosè dicendogli: «io sono colui che sono». Noi la chiamiamo la Presenza dell’io sono.

Quante repliche di Dio e quante Presenze dell’io sono esistono? Sebbene ciascuno di noi ne possieda una, ce n’è comunque una sola. Noi vediamo la dualità e la separazione nel tempo e nello spazio, ma esiste un solo Dio, personificato in ciascuno di noi e in tutti noi.

Il nostro rapporto con la gerarchia angelica avviene grazie al Figlio di Dio, non solo come Gesù Cristo ma anche come quel Sé Crisdco personificato attraverso ciascuno di noi. Tramite quel Figlio nelle cui mani Dio ha posto il controllo di tutti i mondi, noi entriamo in contatto con la Presenza dell’io sono e con gli angeli.

Gli arcangeli dei sette raggi

Intorno alla figura superiore del Diagramma del Vostro Sé Divino ci sono le sette sfere del grande corpo causale. Queste sette sfere (mostrate in sezione verticale nel Diagramma) corrispondono ai sette raggi, agli arcangeli che servono su questi raggi e ai sette chakra principali del corpo umano.

Dio ha posto questi chakra, o centri spirituali, nel vostro corpo per contenere luce ed energia. Essi sono posizionati lungo la spina dorsale e operano a livelli impercettibili. Ciascun arcangelo corrisponde a uno dei sette chakra. Gli arcangeli si servono di questi centri spirituali per depositare la luce dentro di voi.

Questo testo è estratto dal libro "Le Parole degli Angeli".

Ti è piaciuto questo articolo? Rimani in contatto con noi!

 

Gli articoli più letti
Gli ultimi articoli pubblicati
IN QUESTA SEZIONE:
Articolo consigliato:

Le Parole degli Angeli

Entrare in contatto con gli angeli della luce e riceverne guida, conforto e guarigione

-15%
Le Parole degli Angeli

Elizabeth Clare Prophet

Elisabeth Clare Prophet, una delle massime esperte di angeli, conosciuta in tutto il mondo, condivide la sua profonda conoscenza delle creature... continua