Il Miglior Investimento Sei Tu - Estratto
Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08

Il Miglior Investimento Sei Tu - Anteprima del libro di Sonia Loffreda e Giuseppe Visi

Il cambiamento e la paura

Il cambiamento e la paura

«C’è tanta gente infelice che tuttavia non prende l’iniziativa di cambiare la propria situazione perché è condizionata dalla sicurezza, dal conformismo, dal tradizionalismo, tutte cose che sembrano assicurare la pace dello spirito. Ma in realtà, per l’animo avventuroso di un uomo [...] la gioia di vivere deriva dall’incontro con nuove esperienze, e quindi non esiste gioia più grande dell’avere un orizzonte in costante cambiamento, del trovarsi ogni giorno sotto un sole nuovo e diverso».
Dal film Into the Wild

Ti sei mai trovato davanti a un bivio e a non saper scegliere?

Ogni volta che devi decidere ti senti disorientato e inadeguato?

Se la risposta è sì, questa è la paura del cambiamento.

E perché invece noi vogliamo farne un punto di forzai

Perché la giovinezza è la fase della vita in cui il cambiamento è in ogni tua cellula, nella tua mente, nelle tue emozioni e nei tuoi pensieri. È la stagione della voglia d’indipendenza, della ricerca del nuovo.

È vero: a volte ti senti invincibile, ma quasi certamente questa è anche l’età della volubilità e dell’incertezza, del “tutto bianco o tutto nero”.

Tu sei il cambiamento, e questa è la tua avventurai

Non c’è crescita senza cambiamento.

Tutti siamo sempre in continua evoluzione.

Anche gli “spaesati” genitori sono costretti a crescere con te!

Come?

Prima di tutto ascoltando i tuoi “capricci”, poi rivedendo le loro posizioni educative e adottando flessibilità nei comportamenti, e poi ancora pianificando insieme a te le regole di condotta, e infine adattandosi ai tuoi molteplici umori!

Proprio questo è il percorso dell’educazione finanziaria.

La finanza è cambiamento.

Nell’ultimo decennio sono venute a mancare stabilità e certezze soprattutto nel mondo economico-finanziario. Casa, lavoro sicuro e conto in banca sono sicurezze crollate, non sono più la normalità.

Prima c’era sempre un porto sicuro per ormeggiare nei momenti di burrasca. Ora il mare è sempre mosso e la banchina non è più un luogo protetto.

È questo il mondo finanziario oggi. Questa è la “nuova normalità”.

Ma il costante mutamento, l’adattamento al moto ondoso continuo diventa, con una corretta educazione finanziaria e comportamenti adeguati, una geniale opportunità!

Se impari a navigare in queste condizioni diventi più abile ed efficiente nel gestire i cambiamenti, nonché la paura e il senso di inadeguatezza che spesso li accompagnano.

«Un giorno la paura bussò alla porta. Il coraggio andò ad aprire e non trovò nessuno».

Martin Luther King

Perché rifuggiamo dal cambiamento e al tempo stesso lo desideriamo?

«Ci sono sempre due scelte nella vita: accettare le condizioni in cui si vive o assumersi la responsabilità di cambiarle».

Denis Waitley

Il concetto di cambiamento risale alla notte dei tempi. Ha a che fare con un processo continuativo di crescita, sviluppo, di invecchiamento o di trasformazione totale.

Anche Pinocchio attraversa le sue metamorfosi, il suo cambiamento in un crescendo evolutivo sul piano intellettivo ed etico: ha la sua esistenza come pezzo di legno, poi come burattino e, infine, in quanto bambino.

È incessantemente alla ricerca di un suo posto nel mondo, una propria dimensione. E questo accade spesso attraverso esperienze spiacevoli: allontanamenti, incertezze, inganni, decisioni sbagliate, bugie...

Il cambiamento fa parte della vita, di ogni secondo della vita: tutto muta e tutto scorre, in continuazione. L’universo è in movimento.

Panta rei, dicevano gli antichi Greci, non ci si bagna mai due volte nella stessa acqua di un fiume: perché sia il fiume sia tu non sarete gli stessi!

Il cambiamento è inevitabile.

"Cambiamento: mutamento, trasformazione, variazione.

Il cambiamento consiste nella trasformazione che un individuo sperimenta su un piano evolutivo, intenzionalmente oppure provocato e indotto.

Un evento, una situazione apparentemente negativa è spesso punto di partenza per un bene futuro. Quello che il bruco chiama fine del mondo, il resto del mondo chiama farfalla.

Anche la “morte” è cambiamento, anzi trasformazione.

Il bruco angosciato non sa, non conosce. Crede che ciò che vive sia la sola realtà esistente. Ciò che oggi è imperscrutabile, domani sarà intelligibile!"

Il cambiamento è un laboratorio, una palestra in cui il soggetto si scopre “capace di”. Il cambiamento è “evoluzione”. Non si può che guadagnarne, in tutti gli aspetti della nostra vita.

D’altro canto esso porta con sé la paura - motivata - della perdita di qualcosa, della rinuncia a qualcos’altro. Tutto ciò è vero: spesso costa fatica e necessita di grande impegno; richiede sacrifici e ci espone alle critiche; può destabilizzare e deludere gli altri, anche i nostri stessi affetti.

Per definizione il cambiamento comporta l’abbandono di equilibri (sani o presunti tali), ma più ancora la perdita di alcuni aspetti della personalità, di rapporti e relazioni precedenti.

È inutile negarlo: tutti mettiamo maschere per vivere, anche gli adulti lo fanno.

Sappiamo anche però che esse servono solo per nascondere la paura... qualunque paura, da quelle ancestrali - morire, mancanza di amore, solitudine... - a quelle quotidiane - non piacere, fallire, soffrire...

E siamo tutti d’accordo che vivere nella paura sia una gran perdita di tempo, ma...

La paura non è negativa.

  • Non può farci del male. È “costituzionale”. Ci spinge a riflettere, ponderare.
  • Ci induce a cercare, indagare, conoscere.
  • Ci fa prendere le reali precauzioni. Ci rende “pronti” all’azione.
  • È una vera fonte d’ispirazione.

Ciò potrebbe sembrare incongruente.

Spesso in realtà non vi è nessun reale pericolo nel cambiamento.

Solo quando il timore di sbagliare, di deludere, di non farcela, di soffrire, di diventare come..., eccetera, ci riempie la testa di “se” e “ma”, allora la paura ci indebolisce, ci paralizza, ci inibisce bloccando il nostro pensiero creativo, finanche ad avere “paura di avere paura”.

E così il nostro raggio di azione si riduce e inaridisce l’animo.

Ecco cadere nella trappola deresponsabilizzazione.

Per quanto ci riguarda, scordatevi di dare la colpa alla sfortuna e tantomeno agli altri!

Secondo Jung al fine di un buon equilibrio psico-affettivo è importante che la persona esprima le proprie potenzialità e che porti a compimento il proprio disegno, il proprio progetto.

Sono purtroppo ancora molti quelli che cercano di “evitare” di farsi carico della propria vita anche quando essa è ammantata da orgoglio, senso di onnipotenza, aggressività e impulsività.

Il problema è sempre e solo la paura.

Anche il controllo estremo è una delle facce della paura.

E l’ansia una sua stretta parente.

«Meglio avere rimorsi che rimpianti»: in passato si usava dirlo per incoraggiare. Ci crediamo ancora adesso.

Credere alla paura è un atteggiamento dannoso: porterà alla rinuncia e, alla lunga, a ignorare i nostri veri bisogni.

Nessuno nega l’incertezza che si prova di fronte al nuovo e al cambiamento. Ma si avverte anche quel “brivido” piacevole che è poi la spinta primitiva alla vita.

È questo il momento per conoscere, “sperimentare” la paura e il dolore, che spesso essa porta con sé: non sarà invano.

Conoscerete le infinite possibilità che l’essere “essere umano” ha in serbo per ognuno perché la vita non sta nell ’aspettare che passino i temporali... ma nell’imparare a ballare sotto la pioggia.

Questo testo è estratto dal libro "Il Miglior Investimento Sei Tu".

Ti è piaciuto questo articolo? Rimani in contatto con noi!

 

Gli articoli più letti
Gli ultimi articoli pubblicati
IN QUESTA SEZIONE:
Articolo consigliato:

Il Miglior Investimento Sei Tu

Dal cambiamento al sogno, dal sogno all'obiettivo, dall'obiettivo al successo

-15%
Il Miglior Investimento Sei Tu Sonia Loffreda Giuseppe Visi

Sonia Loffreda, Giuseppe Visi

Scritto per gli adolescenti ma perfetto come vademecum anche per adulti intraprendenti, questo manuale insegna come passare dal sogno al progetto,... continua