Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 5 punti Gratitudine!


Riso Semintegrale Lungo Ribe

Cuoce in 24 minuti

 

Clicca per ingrandire

Guarda 360
  • Prezzo € 4,62
    Articolo non soggetto a sconti per volontà del produttore
  • Tipo: Prodotto
  • Formato: 1 kg

Ti è piaciuto questo prodotto? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Riso ribe italiano biologico fino lungo semintegrale, ideale per risotti... cuoce in 24 minuti.

Appartiene alla sottospecie japonica, categoria lino.

Il suo nome deriva dalle iniziali di Rinaldo Bersani, colui che selezionò questa varietà. Si tratta di un riso con buone caratteristiche organolettiche che resista bene alla cottura.

È indicato per risotti, insalate e piatti unici.

Confezionato in atmosfera protettiva. Conservare in luogo fresco e asciutto al riparo dalla luce solare diretta.

Valori medi per 100 g
Valore energetico 342 kcal / 1448 kJ
Proteine 7,1 g
Carboidrati 73,1 g
di cui zuccheri 0,6 g
Grassi 1,6 g
di cui saturi 0,4 g
Fibre alimentari 2,7 g
Sale 0.02 g

Le origini: Il riso è un cereale la cui conoscenza risale a circa 5000 anni fa, tanto che si ritiene sia ancora più antica di quella del frumento.

Resti di riso in ciotole, risalenti a circa 7000 anni fa, sono stati riportati alla luce nel nord della Thailandia. Con ogni probabilità il riso ha origini nell’attuale Indonesia, da dove si sarebbe poi diffuso in India, Indocina e Cina. Nel quarto secolo a.C. la coltura del riso era molto sviluppata in Mesopotamia e grazie agli Arabi, la sua coltivazione si sviluppò in Africa settentrionale, Spagna ed in Italia meridionale.

La pianta: La pianta del riso è una graminacea come il frumento, l’avena, l’orzo, la segale ed il mais; il chicco è costituito prevalentemente da amido, sostanza molto nutriente e di facile assimilazione. La specie più coltivata è l’Oryza Sativa che col passare dei secoli si è differenziata in tre sottospecie: Indica, Japonica e Javanica.

Indica: coltivata in India si caratterizza per l’alta produttività e la resistenza alle avversità atmosferiche. Presenta un chicco lungo, sottile e cristallino, viene coltivata nell’Asia monsonica e negli Stati Uniti d’America. I risi di varietà Indica più comuni sul mercato sono il Patna ed il Basmati. Japonica: è adatta alle zone temperate che si estendono fino al 45° parallelo. Presenta un chicco corto rotondo e perlaceo. Da questa sottospecie attraverso l’ibridazione, derivano tutte le varietà occidentali tra cui quelle italiane. I risi di varietà Japonica più coltivati sono il Carnaroli, Arborio, Baldo, Balilla, Ribe, Vialone Nano, Roma.

Javanica: diffusa nelle regioni indonesiane, è caratterizzata da un chicco lungo e largo.

Classificazioni: Dal punto di vista merceologico si distinguono quattro tipi di riso.

Originario o comune: ha chicchi piccoli e corti. È meno resistente alla cottura ed è indicato per la preparazione di minestre e dolci. Semifino: caratterizzato da chicchi tondeggianti di grandezza media.

È più resistente alla cottura deH’originario, il suo uso è consigliato per risi asciutti, timballi, supplì e come contorno.

Fino: ha chicchi lunghi ed affusolati, durante la cottura rilascia poco amido. È indicato per risotti e insalate di riso.

Superfino: ha chicchi lunghi e molto grossi,

Tiene bene la cottura e perciò è il più adatto a preparazioni come risotti, insalate e timballi.

APPROFONDIMENTI

RISOTTO CON CARCIOFI dello chef Nicola Michieletto:

Ingredienti per 4 persone

  • 300 g di riso semintegrale Ribe 150 g di fondi di carciofi 900 g di brodo vegetale (da granulare vegetale)
  • 15 g di cipolla
  • 50 g di parmigiano reggiano 80 g di olio extravergine di oliva vino bianco q.b. sale

Preparazione: In una casseruola larga e bassa stufare la cipolla tritata in poco olio di oliva e acqua con i fondi di carciofi tagliati a fettine per 10 minuti a fuoco lento. Tostare a fuoco lento il riso per 4 minuti. Bagnare con vino bianco, lasciar evaporare. Versare il brodo bollente fino a coprire il riso. Aggiungere, quando è necessario, di volta in volta il brodo. Cuocere e mescolare per 24 minuti. Togliere il riso dal fuoco e mantecare con olio (o burro, o panna di soia, o panna di latte, o margarina vegetale), parmigiano grattugiato e prima di servire lasciar riposare 1 minuto.

Consigli utili: Il riso deve essere cucinato a pentola scoperta in abbondante acqua, scolato e subito consumato. Si raccomanda di non lasciare il riso cotto nell’acqua e di osservare sempre i tempi di cottura evidenziati in ogni confezione. Se utilizzato per insalate o spadellato tipo paella è consigliabile, una volta bollito, fermare la cottura sotto acqua corrente fredda per un minuto.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo prodotto? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 16 marzo 2017 Acquistato sul Giardino dei Libri

questo tipo di riso è una via di mezzo tra il riso bianco e quello integrale cuoce in un tempo ragionevole e ha un buon sapore

Commenta questa recensione

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su