Beppe Grillo

Beppe Grillo, il più popolare comico italiano, nasce a Genova in un ambiente medio borghese nel 1948. La sua carriera artistica, che lo ha reso incredibilmente famoso a livello planetario, inizia solo dopo un periodo di lavoro come agente di... Continua a leggere la Biografia di Beppe Grillo  

Risultati per Beppe Grillo

Da 1 a 1 su un totale di 1 risultati
-15%
Tutto Quello che Non Sapete è Vero

Tutto Quello che Non Sapete è Vero

Beppe Grillo

Questo libro raccoglie tutti gli editoriali scritti da Grillo per La Settimana, il magazine... continua

Tea Edizioni - Libro - Pagine: 302

Prezzo € 11,05 invece di 13,00 sconto 15% Aggiungi al Carrello

Disponibile per la spedizione entro 2 giorni lavorativi

Biografia di Beppe Grillo

Beppe Grillo, il più popolare comico italiano, nasce a Genova in un ambiente medio borghese nel 1948. La sua carriera artistica, che lo ha reso incredibilmente famoso a livello planetario, inizia solo dopo un periodo di lavoro come agente di commercio. Durante uno dei suoi spettacoli viene notato, quasi per caso, da Pippo Baudo: è questo il momento che gli cambia la vita e la carriera. Baudo è talmente colpito dalle sue doti di comico e dalla sua capacità di tenere la scena da coinvogerlo in diverse programmi da lui condotti.

Beppe Grillo arriva anche alla conduzione del Festival di Sanremo (oltre a diverse partecipazioni come ospite/comico) e di altri importanti show: Fantastico, Te la do io l'America, Te lo do io il Brasile.  

Appare quindi nelle più importanti trasmissioni televisive degli anni 80; il suo modo di fare spettacolo graffiante e corrosivo dalla satira di costume passa ad affrontare temi più scottanti di carattere sociale e politico.

Un momento chiave della sua carriera artistica e televisiva è rappresentato dalla partecipazione a Fantastico 7, nel 1986; in questa circostanza, infatti, Beppe Grillo pronuncia una delle sue battute più celebri, con la quale prende di mira il Partito Socialista e le insinuazioni sui furti a cui esso veniva associato. Questo episodio gli costa l’immediato allontanamento dalla trasmissione e dalla televisione in generale per un periodo di tempo.

Nel 1990 Beppe Grillo scappa o, forse più propriamente, viene definitivamente cacciato dalla televisione e si rifugia nel teatro, lasciandosi alle spalle varietà, telegiornali, telequiz, aste e dibattiti.

Solo a partire dagli anni 2000 Beppe Grillo si dedica a quello strumento che lo porterà definitivamente alla ribalta: parliamo ovviamente di internet! Grazie alla collaborazione di Gianroberto Casaleggio apre il suo blog (beppegrillo.it), fra i più visitati del mondo.

Da qui l’escalation di successo e popolarità, che cresce di pari passo con la sensibilità e le dimensioni delle problematiche affrontate. La sua satira si sposta infatti su argomenti importanti e delicati, che spaziano dalle grandi questioni ecologiche, a quelle finanziarie (è il primo a prevedere il crack Parmalat), fino ad arrivare alla politica e alla mancanza di etica.

Dopo numerose iniziative di proposta e protesta (tra le più importanti ricordiamo la raccolta firme per cacciare i condannati dal parlamento), fonda un suo movimento politico, chiamandolo Movimento Cinque Stelle.

Il M5S si presenta per la prima volta alle elezioni politiche del 2013 quando, dopo un’accesa campagna elettorale, raccoglie il 25% dei consensi. Nel 2018, invece, questi consenti arrivano a sfiorare il 33%.

Nonostante si sia un po’ defilato dall’attività politica, Beppe Grillo è ancora oggi, a tutti gli effetti, il garante e la guida spirituale di questo movimento politico.

La sua carriera professionale prosegue oggi con i consueti spettacoli satirici, nei teatri e nelle piazze, a cui si affianca la pubblicazione di diversi libri.


Torna su
Caricamento in Corso...