Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibile per il download
immediato (formato digitale)
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 2 punti Gratitudine!


14 Lettere del Cristo (eBook)

L'opera più visionaria del dadaismo berlinese

 

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 2,00
    Articolo non soggetto a sconti
  • Tipo: eBook - EPUB
  • Pagine: 177
  • Anno: 2011
  • Protezione: NoDRM (cosa significa?)
  • Formati disponibili:

  • eBook
Puoi leggere questo ebook su: - Windows e Mac con Adobe Digital Edition
- iPhone e iPad con l'applicazione iBooks
- Smartphone e Tablet Android con Aldiko Reader
- eReader compatibili con il formato
Il diritto di recesso non può essere esercitato sui contenuti digitali come ad esempio eBook, Mp3 e Videocorsi in download. Continua a leggere >>

Ti è piaciuto questo eBook? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Quattordici lettere per esaltare la vera dimensione, cioè la più delirante, della vita spirituale.

Quattordici lettere firmate Gesù Cristo o, quando fa capolino uno spicchio di lucidità, "architetto Johannes Baader" - detto l'Oberdada, il Dada Supremo.

Per la prima volta in traduzione italiana l'opera di uno dei più folli e vibranti visionari dadaisti. Il tutto corredato da un testo di Karl Riha, il massimo esperto di dadaismo tedesco, e dalla missiva che nel 1943 Baader inviò a un capo di stato di cui non condivideva le scelte politiche e strategiche. Un certo Adolf Hitler.

L'architetto Johannes Baader, grafomane con una fissazione per le missive da inviare ai grandi protagonisti della sua epoca, concepì questo bizzarro "regalo non richiesto" in quattordici parti (per tacer della postilla) in omaggio a Ernst Haeckel, leggendario uomo di scienza nonché fondatore del movimento monista.

Armato della sua proverbiale acribia, Baader si mise al tavolo e vergò una raffica di lettere ad alcuni dei grandi nomi del dibattito religioso e filosofico di quei tempi. Esse sono giunte fino a noi, in tutta la loro scoordinata potenza: quattordici lettere (l'ultima delle quali al "Presidente della Cina"), un preambolo dal sapore cosmico e una lunga postilla in cui Baader ribadisce il concetto cruciale della sua visione del mondo e della spiritualità: l'Uomo al centro, l'Uomo vero Dio e vero Cristo, a cominciare da lui stesso, cioè dal buon vecchio Baader barbuto, scorbutico e messianico come solo un dadaista può essere.

Hans Richter scrisse di lui: "Col suo spirito di ribellione che non si fermava davanti a nulla, Johannes Baader è stata la massima espressione del dadaismo berlinese. Non era un artista, o meglio, non lo era nel senso classico del termine, ma la sua personalità si esprimeva in una chiave che può solo essere definita artistica. Era un posseduto, e la sua estrema spontaneità, in quei tempi di cambiamento, in quella società di ribelli, non era solo ben accetta, ma anche ammirata. Era un candelotto di dinamite che saltava in aria da solo".

Le Quattordici lettere del Cristo sono l'opera più compatta e ipnotica di Baader, ritratto fedele della sua mente dinamitarda e specchio di un'epoca convulsa e irripetibile.

 

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su