Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibile per il download
immediato (formato digitale)
  Aggiungi al Carrello
Formato:

Guadagna 6 punti Gratitudine!


Come Uscire dalla Depressione (eBook)

I consigli pratici per vincerla senza psicofarmaci

 

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 5,49
    Articolo non soggetto a sconti
  • Tipo: eBook - PDF
  • Anno: 2014
  • Protezione: Watermark (cosa significa?)
  • Formati disponibili: pdf, epub

  • eBook
Puoi leggere questo ebook su: - Windows e Mac con Adobe Digital Edition
- iPhone e iPad con l'applicazione iBooks
- Smartphone e Tablet Android con Aldiko Reader
- eReader compatibili con il formato pdf/epub
Il diritto di recesso non può essere esercitato sui contenuti digitali come ad esempio eBook, Mp3 e Videocorsi in download. Continua a leggere >>

Ti è piaciuto questo eBook? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

La depressione può colpire tutti e si sta diffondendo sempre più. Nella maggior parte dei casi la medicina "ufficiale" la cura usando soprattutto psicofarmaci.

Nella visione psicosomatica la depressione è un "blocco" che segnala il bisogno di cambiare per arrivare al benessere e alla felicità.

A chiunque di noi capita di sentirsi giù di morale ogni tanto. Ma ciò non significa essere depressi. Spesso si usa il termine depressione per definire una condizione provvisoria, un disturbo dell'umore, un disagio esistenziale o la reazione a un evento emotivamente traumatico. La depressione vera, quella definita dai manuali di medicina è una vera e propria patologia, molto più complessa di un semplice calo di umore.

Perché una persona si possa definire depressa deve presentare più della metà di questi sintomi: tristezza, perdita di interesse o di piacere, senso di colpa o bassa autostima, disturbi del sonno, alterazioni dell'appetito, scarsa capacità di concentrazione. Inoltre nel depresso questa condizione dura da tempo e disturba le sue normali attività e le relazioni sociali.

Quali sono le cause di questa condizione? In alcune forme di depressione (quelle chiamate reattive) le motivazioni della tristezza profonda sono evidenti, perché esse sono legate a una perdita, a un evento luttuoso o a un trauma emotivo. Ma nella depressione endogena, che non è provocata da fatti esterni, la causa è stata identificata dalla medicina ufficiale in alterazioni dei meccanismi cerebrali che regolano l'umore, dovuti alla carenza di alcuni neurotrasmettitori (in particolare serotonina, noradrenalina e dopamina). Per questo nella maggior parte dei casi i medici curano la depressione soprattutto con psicofarmaci, che aumentano la produzione di questi "messaggeri dell'allegria".

Non sempre però tali farmaci sono effettivamente necessari e anzi in molti casi possono provocare effetti non desiderati. In ogni caso essi non fanno guarire, ma hanno la funzione di rialzare il tono dell'umore del soggetto.

La vera guarigione viene quando la persone depressa è riuscita a riattivare le proprie energie interiori e a trovare la strada per "rinascere" dopo questa crisi. Perché la depressione rappresenta una crisi profonda, un filo che si spezza. Cambia radicalmente il modo di vedere il mondo: anche se tutto è uguale a prima, nulla ci sembra lo stesso, ogni cosa perde senso.

La depressione è come un masso che ci sbarra la via e ci costringe a scegliere un'altra strada, ad abbandonare un percorso giunto ormai a un vicolo cieco. Indietro non si può tornare; diventa necessario scegliere se rimanere fermi oppure andare avanti. La scelta non è immediata né facile; la depressione si manifesta quindi come una stasi completa: la persona si blocca del tutto. Sbloccarsi non è così semplice come può sembrare dall'esterno, perché per poter continuare a vivere occorre "lasciarsi morire", ossia lasciar morire quel lato di sé ormai privo di senso. Questo il significato e lo "scopo" profondo di molte crisi depressive.

Nella prima parte del libro cercheremo di presentare la depressione attraverso i sintomi che la caratterizzano e le varie forme che può assumere. Di queste manifestazioni daremo anche un'interpretazione psicosomatica, andando alla radice dei disturbi. Spesso la loro origine può essere legata a "blocchi" psicologici, a passioni ed emozioni trattenute, che non sono state sfogate. L'energia interna repressa troppo a lungo si è paralizzata nella depressione. Presenteremo anche alcuni consigli comportamentali ed esercizi che possono aiutare a sbloccare questa paralisi e a far emergere la parte più vera di sé, che finora non ha potuto manifestarsi.

AUTORE

L'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica è stato fondato nel 1979 da Raffaele Morelli insieme a un gruppo di medici, psicologi e ricercatori, e ha lo scopo di studiare l'uomo come espressione dell'unità psicofisica, riconducendo a questa concezione l'interpretazione della malattia, della sua diagnosi e della sua cura.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su