Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibile per il download
immediato (formato digitale)
  Aggiungi al Carrello
Formato:

Guadagna 6 punti Gratitudine!


Dimagrire: una Questione di Testa (eBook)

Cosa fare per stimolare il cervello a produrre gli ormoni che fanno perdere peso

 

Clicca per ingrandire

Puoi leggere questo ebook su: - Windows e Mac con Adobe Digital Edition
- iPhone e iPad con l'applicazione iBooks
- Smartphone e Tablet Android con Aldiko Reader
- eReader compatibili con il formato pdf/epub
Il diritto di recesso non può essere esercitato sui contenuti digitali come ad esempio eBook, Mp3 e Videocorsi in download. Continua a leggere >>

Ti è piaciuto questo eBook? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Il segreto di un corpo snello e in salute non è racchiuso nel calcolo delle calorie né si accompagna all'ossessione della dieta: la magrezza originaria è già dentro di noi. L'intento di questo libro è aiutarvi a scoprire questo seme antico e prezioso.

Ciascuno troverà in queste pagine gli spunti, i consigli e le tecniche più efficaci e adatti alla sua situazione personale.

Questo libro vuole essere una raccolta di casi, di racconti autobiografici, esperienze ordinate all'interno di "schede" dove ognuno può trovare gli spunti più consoni alla propria situazione personale.

La smania di cibo

Perché mangiamo più del necessario? Come mai sempre più spesso ci avventiamo sul cibo spinti da impulsi così diversi da un'autentica fame, come la rabbia, la tristezza, l'ansia, il rancore, l'insoddisfazione? Nella società occidentale contemporanea, questa "smania di cibo" non si manifesta di certo perché il nostro organismo ha bisogno di essere "sostenuto" attraverso un surplus di nutrimento. Il più delle volte oggi si mangia in eccesso non per soddisfare un sano appetito ma per noia, per abitudine, per stress, per mancanza di affetto, per inerzia, per solitudine, perché non ci vogliamo bene, oppure perché la scorpacciata è diventata la nostra ultima forma di trasgressione o il nostro rimedio per riempire i vuoti esistenziali.

In tutte queste situazioni di disagio psicologico, il cibo diventa il "pronto soccorso" più rapido, il rimedio più a portata di mano, spesso anche il meno costoso. In pratica, il cibo in eccesso agisce come una sorta di "droga" appetitosa per mettere a tacere almeno per qualche tempo le emozioni che non siamo in grado di vivere o di affrontare in modo sano e naturale.

Sovrappeso e psiche

Da queste considerazioni è facile dedurre che il sovrappeso, nella stragrande maggioranza dei casi, non deriva soltanto da squilibri di tipo metabolico, ma nasce dalla mente: i chili in più sono il prodotto di un rapporto distorto in primis con noi stessi, che a sua volta nasce dalla nostra incapacità di ascoltare i desideri più profondi e di guardarci allo specchio con onestà, dalla paura di rifiutare una vita intrappolata nella morsa delle abitudini, dal timore di dire "no" a pesanti relazioni di coppia, al peso della famiglia o alle amicizie che ci ingabbiano in schemi esistenziali che ci vanno stretti.

In definitiva, noi subiamo, soffriamo, ci arrabbiamo, ma non abbiamo il coraggio di reagire, di dire "basta". E l'unica valvola di sfogo diventa allora il maxi piatto di carbonara divorato in solitudine, la pizza di mezzanotte, il mezzo chilo di cioccolatini ingurgitati l'uno dopo l'altro davanti alla tv con un mix di insano piacere, che è subito seguito dai sensi di colpa e dall'immancabile chilo in più sulla bilancia, già ben visibile la mattina dopo il "peccato" alimentare.

Le diete non servono

Nei casi in cui il sovrappeso nasce dalla psiche, le "solite" diete non funzionano. Le diete non portano a nessun risultato duraturo perché sono metodi parziali che si occupano solo di calorie e di quantità di alimenti. Ma noi non siamo solo il risultato di un processo organico di accumulo e di smaltimento. Non va dimenticato che ciò che mangiamo non è fatto solo di calorie, ma anche e soprattutto di sapori, odori, colori, consistenza ed aromi che accendono ricordi e sensazioni talora sepolti da lungo tempo nella nostra memoria.

In pratica, un cibo è un "paesaggio" emotivo e sensoriale che può produrre, durante e dopo l'assimilazione, effetti psicologici e fisiologici diversi da individuo a individuo.

La dieta è per sua natura una metodica costrittiva e penalizzante che agisce come una prigione psicologica che ci costringe a mettere da parte i nostri desideri, le nostre voglie e ci fa soffrire nell'attesa di un premio (il dimagrimento).

Se al cervello, che governa la fruizione del piacere di tipo fisico e mentale, vengono negate occasioni di godimento, prima o poi si vendicherà, facendoci recuperare in pochi giorni i chili che magari abbiamo smaltito in mesi di frustrazioni.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo eBook? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 23 settembre 2017 Acquistato sul Giardino dei Libri

Forse è adatto a una platea di pubblico femminile. Si parla di tecniche psicosomatiche. Certe parti erano abbastanza interessanti. Non era esattamente quanto mi aspettavo. Comunque da ogni libro si impara sempre qualcosa

Commenta questa recensione

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su