Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibile per il download
immediato (formato digitale)
  Aggiungi al Carrello
Formato:

Guadagna 3 punti Gratitudine!


Genio e Follia (eBook)

 

Clicca per ingrandire

Puoi leggere questo ebook su: - Windows e Mac con Adobe Digital Edition
- iPhone e iPad con l'applicazione iBooks
- Smartphone e Tablet Android con Aldiko Reader
- eReader compatibili con il formato epub/mobi
Il diritto di recesso non può essere esercitato sui contenuti digitali come ad esempio eBook, Mp3 e Videocorsi in download. Continua a leggere >>

Ti è piaciuto questo eBook? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

"É arduo e difficile definire l'uomo di genio" -- scrive Richet. Nessuno saprebbe stabilire un limite assoluto, una distanza formale tra l'uomo di genio e l'uomo di talento, tra l'uomo di talento e l'uomo mediocre. Ma ciò si ripete in ogni classificazione.

Non rinnoviamo, dunque, il vecchio sofisma dei Greci che pretendevano non esservi uomini calvi, giacché non si può calcolare il numero esatto dei capelli, la cui mancanza costituisce la calvizie.

Dunque non cerchiamo il limite, e consideriamo gli uomini il cui genio è incontestato come Pascal, Dante, Shakespeare, Newton, Victor Hugo, Goèthe, Leonardo da Vinci, Raffaello, Napoleone.

Ora ciò che, a mio giudizio, caratterizza questi grandi uomini è la loro differenziazione dall'ambiente che li circonda. Essi vedono meglio e soprattutto in altro modo della comune degli uomini. Questo carattere dell'originalità è indispensabile al genio. È cosa tanto evidente da parer quasi il dirlo un'ingenuità!

Vi sia, per esempio, un pittore esatto, minuzioso, che possieda una grande abilità di mano: se esso si contenta di dipingere come si è dipinto prima di lui, senza innovazioni, senza portare un nuovo processo, nel colore, o nella scelta dei soggetti, nella disposizione dei personaggi, o nelle ombre, si potrà vantare sí il suo talento, non il suo genio.

Bisogna che egli inventi: che faccia del nuovo: senza novità non avrà genio.

INDICE

  • PREFAZIONE
  • PARTE PRIMA. Fisiologia e patologia del genio
  • CAPITOLO I - Storia del problema
  • CAPITOLO II - Caratteri degenerativi del genio -- Statura -- Cranio -- Cervello - Mancinismo - Precocità -- Sterilità -- Incoscienza nell'estro -- Amnesia -- Sonnambulismo -- Genio nell'estro
  • CAPITOLO III - Forme fruste di nevrosi e di alienazioni nel genio -- Alfieri, Pietro il Grande, Heine, Cavour, S. Mill, Dante, Renan, Rossini, Manzoni, V. Hugo, Carlyle, ecc.
  • CAPITOLO IV - Esempi di geni alienati: Hareinghton, Bolyai, Codazzi, Baudelaire, Ampère, Comte, Schumann, Tasso, Gérard de Nerval, Concato, Mainander, Cardano, Swift, Newton, Rousseau, Lenau, Széckenyi, Schopenhauer -- Politici Sud- Americani
  • CAPITOLO V - L'esaurimento nel genio
  • PARTE SECONDA. Eziologia del genio
  • CAPITOLO I - Influenza della razza e dell'eredità sul genio e sulla pazzia -- Innesto climatico
  • CAPITOLO II - Malattie fabbrili, spinali, e traumi del capo in rapporto col genio
  • CAPITOLO III - I geni e la miseria -- Agiatezza -- Fertilità -- Densità della popolazione -- Progresso agricolo ed industriale -- Coltura -- Liberalismo
  • CAPITOLO IV - L'influenza della civiltà e dell'occasione sul genio
  • CAPITOLO V - I geni e la scuola
  • CAPITOLO VI - La genialità nella donna
QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su