Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibile per il download
immediato (formato digitale)
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 5 punti Gratitudine!


Il Culto alla Dea (eBook)

Scritti di Momolina Marconi

 

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 4,76
    Articolo non soggetto a sconti
  • Tipo: eBook - EPUB
  • Pagine: 65
  • Anno: 2015
  • Protezione: NoDRM (cosa significa?)
  • Formati disponibili:

  • eBook
Puoi leggere questo ebook su: - Windows e Mac con Adobe Digital Edition
- iPhone e iPad con l'applicazione iBooks
- Smartphone e Tablet Android con Aldiko Reader
- eReader compatibili con il formato
Il diritto di recesso non può essere esercitato sui contenuti digitali come ad esempio eBook, Mp3 e Videocorsi in download. Continua a leggere >>

Ti è piaciuto questo eBook? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Dall'introduzione:

"La dea autonoma, imperiosa, ribelle; la dea che non ebbe madre né padre ed è nella sua intima essenza madre e nutrice non solo, ma generatrice universa; la dea che è insieme montagna, acqua, terra gravida dell'umano lavoro, albero, animale, donna; la dea che senza posa trapassa dall'uno all'altro regno della natura e ne assume tutte le forme; la signora della vita e della morte, della pace e della guerra e però benefica e malefica a un tempo, crudele e lasciva e pur soccorrevole e benigna alle madri in travaglio e ai neonati; il femminino eterno che a fatica si evolve dagli oscuri intrichi delle arboree e ferine promiscuità originarie, non già per affrancarsene, ma per farle tutte partecipi di una sua umanità e per diventare finalmente la vivida espressione della femminilità del divino."

Con queste parole Uberto Pestalozza (1862-1966) introduce una delle sue raccolte di studi intorno al problema della religiosità preellenica e riassume il senso e l'essenza della Potnia mediterranea, la grande dea onnipresente. Non a caso Momolina Marconi (1912-2006) nel presentare una successiva raccolta di saggi, riconosce al maestro il dono di una sensibilità poetica, oltre al rigore metodologico della ricerca scientifica. Allieva e maestro, colleghi, legati da affettuosa gratitudine reciproca, non è possibile disgiungere la ricerca dell'una da quella dell'altro.

Come rileva Anna de Nardis, Momolina Marconi è definita da Uberto Pestalozza compagna di ricerca di cui apprezza "il vigile, assiduo, intelligente concorso, con le irrequiete e sensibilissime antenne del suo felice intuito, con la sua chiaroveggenza, con il suo gusto, con quel generoso e disinteressato donare". Il maestro riconosce che in lei "la studiosa non ha mai sciupato la donna e questo è il suo semplice segreto".

Nell'indagare il pensiero e la ricerca della Marconi riguardo ai culti della Dea in area mediterranea, non si può prescindere dalla rete di rapporti umani e culturali in cui si era trovata inserita. Studiosa dalla chiara autonomia di pensiero e dalla grande energia intellettuale, Momolina Marconi prosegue, nei contenuti e nel metodo di ricerca, lo studio di Uberto Pestalozza. Il docente in Antichità classiche e in Storia delle religioni dal 1941, alla Facoltà di Lettere di Milano, fu rettore dell'Università di Milano negli ultimi anni del triennio fascista (1940-43).

NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su