Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibile per il download
immediato (formato digitale)
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 6 punti Gratitudine!


Il Folletto Nostalgia Non Chiede Mai Scusa (eBook)

 

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 5,99
    Articolo non soggetto a sconti
  • Tipo: eBook - PDF
  • Anno: 2012
  • Protezione: Watermark (cosa significa?)
  • Formati disponibili:

  • eBook
Puoi leggere questo ebook su: - Windows e Mac con Adobe Digital Edition
- iPhone e iPad con l'applicazione iBooks
- Smartphone e Tablet Android con Aldiko Reader
- eReader compatibili con il formato
Il diritto di recesso non può essere esercitato sui contenuti digitali come ad esempio eBook, Mp3 e Videocorsi in download. Continua a leggere >>

Ti è piaciuto questo eBook? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Il medico italiano Vincenzo Di Spazio presenta al pubblico dei Piccoli e dei Grandi la sua terza Fiaba Terapeutica, ispirata ai principi della Floriterapia di Bach.

Gli Gnomi dei Fiori Guaritori sono icone del Fantastico che trasferiscono in chiave favolistica il profondo messaggio di liberazione lanciato dal medico inglese Edward Bach.

In questo nuovo racconto (ebook di 62 pagine) lo Gnomo Honeysuckle, protagonista della Fiaba, deve fare i conti con gli effetti del veleno di Nostalgia, il Folletto che imprigiona le sue vittime nei ricordi del passato. Honeysuckle impara a conoscere il ruolo liberatorio dell'Azione dalle catene dei Brutti Pensieri, tornando indietro nel tempo della sua infanzia.

Più di 60 immagini a colori descrivono nel dettaglio la storia di Honeysuckle, i personaggi, i luoghi e le abitudini di questo mondo fantastico.

INDICE

  • Premessa
  • Un mondo magico
  • Le cose da sapere
  • L'autore
  • Altre fiabe

AUTORE

Vincenzo Di Spazio (1962), medico olistico, ha insegnato dal 1994 al 2002 al Corso Post-Laurea in Biotipologia e Metodologia omeopatica dell’Università di Urbino. Nel 1996 ha identificato l’orologio spinale dei traumi (spinal clock), una griglia temporale proiettata sui 24 punti della colonna vertebrale, scoperta che ha ispirato da quel momento in avanti tutta la sua attività di ricerca.


QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su