Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibile per il download
immediato (formato digitale)
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 10 punti Gratitudine!


Questo EBOOK - EPUB è disponibile anche in versione cartacea

Versione cartacea

Il Libro del Cavalier Borri (eBook)

 

Clicca per ingrandire

Puoi leggere questo ebook su: - Windows e Mac con Adobe Digital Edition
- iPhone e iPad con l'applicazione BlueFire Reader
- Smartphone e Tablet Android con Aldiko Reader
- eReader compatibili con il formato e protezione Adobe DRM
NB: L'editore non consente la stampa di questo ebook.
Il diritto di recesso non può essere esercitato sui contenuti digitali come ad esempio eBook, Mp3 e Videocorsi in download. Continua a leggere >>

Ti è piaciuto questo eBook? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Benché ancora oggi sussistano pregiudizi e opinioni ostili o scettiche sul Borri, la maggior parte degli scienziati che lo conobbero lo considerarono un medico di valore e un autentico Adepto nell'arte alchimica: in primo luogo l'inglese Robert Boyle, nonché il danese Ole Borch (legato al Borri da una stretta e documentata relazione), e poi Kenelm Digby, Thomas Bartholin, Henry Oldenburg, Christiaan Huygens. Non mancano importanti puntualizzazioni sulla relazione fra Le Comte de Gabalis dell'abate Montfaucon de Villars e alcune lettere del Borri contenute nel testo La Chiave del gabinetto a lui erroneamente attribuito.

Sono qui presentate in prima edizione assoluta le parti più importanti del Libro del Cavalier Borri dove si descrivano molte operazioni de secreti della natura, manoscritto cartaceo del XVIII secolo lussuosamente legato e conservato alla Biblioteca Reale dell'Aja.

I motivi di eccezionale interesse per questa sorta di prontuario, che porta il nome di Giuseppe Francesco Borri (1627-1695), il più noto alchimista italiano dell'età barocca, sono molteplici, primo fra tutti il fatto che esso chiarisce molti aspetti della prassi alchimica specificata in funzione terapeutica, senza contare il suo notevolissimo interesse storico-scientifico.

Compilato da mano ignota, sulla base di indicazioni orali o scritte forse fornite dal Borri stesso negli ultimi anni della sua vita trascorsi nelle carceri di Castel Sant'Angelo, questo manuale comprende la preparazione dell'Oro potabile, del famoso e ambitissimo Balsamo cattolico, dell'Acqua Celeste (attrazione dello Spirito Universale), del Grande Arcano ovvero Mestruo, di varie Quinte essenze ed Elixir.

Il Borri, che come sottolinea Eugène Canseliet in Due luoghi alchemici (p. 78) «volle essere divulgatore dell'alchimia», fece vita avventurosa in tutta Europa ed ebbe accesso a fonti di conoscenza privilegiate che, associate a un'innata inclinazione mistico-visionaria, contribuirono a farne una figura complessa e affascinante, troppo spesso bistrattata, sia dai suoi contemporanei che dai suoi biografi più o meno recenti. I curatori di quest'opera hanno voluto ampliare questo orizzonte, svolgendo ricerche in biblioteche e archivi europei.

L'importante introduzione Giuseppe Francesco Borri medico alchimista e riformatore e l'ermetismo europeo nel XVII secolo, incentrata soprattutto sulle sue qualità di medico, alchimista e visionario, senza che un aspetto prevalga sull'altro, intende restituirgli la posizione e la dignità dovute a un autentico iniziato e Adepto cosmopolita, offrendo un gran numero di informazioni, lettere, documenti, sconosciuti e inediti in Italia. Si tratta, fra l'altro, delle strette relazioni del Borri con una fraternità internazionale di alchimisti denominata Società Cabalistica dei Figli della Saggezza ovvero Asterismo (sulla quale sono qui fornite per la prima volta in Italia tutte le informazioni attualmente disponibili), che lo sosteneva, e il cui capo, un misterioso Patriarca di Antiochia residente a Costantinopoli, era in rapporto con lo scienziato inglese Robert Boyle, come attesta la corrispondenza di quest'ultimo. Un altro membro importante di questa società, intimo amico del Borri, ebbe un ruolo fondamentale in un incontro fra rappresentanti della chiesa romana e di quella greca, avvenuto a Roma nell'agosto 1678, e patrocinato dalla regina Cristina di Svezia.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su