Le Mie Invenzioni (eBook)

  Clicca per ingrandire

Le Mie Invenzioni (eBook)

L'autobiografia di un genio

Nikola Tesla

La vita di Tesla raccontata da Tesla in una strana, intrigante autobiografia elettrica. Ogni volta che si cita Tesla si accompagna il suo nome con un «genio!», «ha trasformato il mondo!», «un... continua

Ti è piaciuto questo eBook? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sul bottone qui sotto)

Puoi leggere questo ebook su: - Windows e Mac con Adobe Digital Edition
- iPhone e iPad con l'applicazione BlueFire Reader
- Smartphone e Tablet Android con Aldiko Reader
- eReader compatibili con il formato pdf/epub e protezione Adobe DRM
NB: L'editore non consente la stampa di questo ebook.
Il diritto di recesso non può essere esercitato sui contenuti digitali come ad esempio eBook, Mp3 e Videocorsi in download. Continua a leggere  

Disponibile per il download
immediato (formato digitale)

Aggiungi al Carrello
Formato:

Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna 7 punti Gratitudine!

Salva nella lista dei preferiti

Questo EBOOK - PDF è disponibile anche in versione cartacea

Versione cartacea

Potrebbero interessarti anche:

Descrizione

La vita di Tesla raccontata da Tesla in una strana, intrigante autobiografia elettrica.

Ogni volta che si cita Tesla si accompagna il suo nome con un «genio!», «ha trasformato il mondo!», «un uomo in anticipo sui tempi». Ma pochi sanno quello che è stato davvero, quello che ha fatto mentre non era impegnato a gettare le basi della robotica o a ingabbiare la corrente elettrica.

Personalità eccentrica, aveva un finissimo senso dell’umorismo, anche se passava da solo la maggior parte del tempo. Era dotato di un’immaginazione talmente fervida da permettergli di «disegnare» mentalmente, elaborando progetti complessi e valutandone la stabilità prima di riportarli su carta – e da provocargli frequenti allucinazioni.

In queste pagine racconta la sua infanzia e i suoi primi passi da inventore, come ha rischiato di morire diverse volte (in modi spesso avventurosi, e non tutti legati all’elettricità), i suoi viaggi intorno al mondo, il suo rapporto con Edison, maestro e poi avversario.

La vita di Nikola Tesla è circondata di così tante leggende che si potrebbe persino dubitare del fatto che egli sia esistito veramente.

Ingegnere straordinario, dotato di un'immaginazione prodigiosa, che gli permetteva di visualizzare le sue macchine nei minimi particolari senza doverne disegnare i modelli su carta, Tesla fu uno dei grandi innovatori della fisica moderna, un inventore geniale che riuscì a tradurre in realtà quasi 300 delle sue «visioni» e che anticipò la futura robotica (sviluppata con il nome di «Teleautomatica»).

Bistrattato a lungo, quando non dimenticato, Tesla fu un personaggio eccentrico: giocatore d'azzardo e incallito fumatore in gioventù, si votò poi completamente, con severa autodisciplina, agli studi di ingegneria e alla ricerca tecnica. Convinto che lo scopo della scienza fosse quello di preservare la vita degli uomini e di dominare il mondo materiale per il benessere e le necessità umane, a questo lavorò con instancabile energia fino alla morte, conducendo un'esistenza solitaria e modesta.

Tesla pubblicò questa incredibile autobiografia a puntate, nel corso del 1919, sulla rivista «Electrical Experimenter», rivolgendosi soprattutto ai giovani lettori con la speranza di stimolarli a coltivare con passione i primi slanci creativi, che spesso modellano in modi imprevedibili i futuri destini.

Una vita piena di vicende affascinanti e bizzarre, quasi un romanzo in bilico tra genio e follia, apoteosi e fallimento, ricchezza e miseria.

Autore

Nikola Tesla - Foto autore

Nikola Tesla (1856-1943) -  ingegnere e inventore di origine serba – è stato insieme a Guglielmo Marconi e Thomas Edison  una delle personalità scientifiche di maggiore spicco del XX secolo. Al suo genio si devono importanti invenzioni come la trasmissione dell’elettricità in corrente alternata, il motore elettrico asincrono e la bobina che genera fulmini artificiali. Gli esperimenti che egli realizzò grazie ai trasformatori elettrici si rivelarono utili anche per la trasmissione delle frequenze radio senza fili.

Dopo la laurea in ingegneria Tesla lavorò nel campo delle comunicazioni telegrafiche per diverse compagnie europee e si trasferì poi negli Stati Uniti. Qui entrò in contatto con Thomas Alva Edison e lavorò per qualche anno all’interno della sua azienda. Grazie ai suoi calcoli e al suo spirito intuitivo, arrivò anche a ipotizzare la misura della frequenza elettromagnetica della terra, anticipando così di molti decenni gli studi del fisico Winfried Otto Schumann.
Nikola Tesla con Lampada

Le scoperte di Nikola Tesla diedero un notevole slancio allo sviluppo industriale di fine ottocento e permisero di propagare per la  prima volta l’elettricità su lunghe distanze. Nel corso della sua vita gli furono riconosciuti oltre trecento brevetti - tra i quali ad esempio il generatore elettrico e il motore elettrico trifase - alcuni dei quali restano tuttora segreti e nelle mani del governo statunitense. Alla geniale mente di Nikola Tesla venne attribuita anche la progettazione, in realtà non dimostrata, del cosiddetto “raggio della morte”, un’arma segreta a particelle magnetiche.

Negli ultimi anni della sua vita elaborò teorie legate alla fisica quantistica e ipotizzò invenzioni particolari tra le quali le tecnologie antigravità, una macchina per fotografare i pensieri e una radio in grado di inviare segnali su altri pianeti.

Nikola Tesla continua tutt’oggi ad affascinare il grande pubblico e a rimanere vivo nella memoria dei posteri grazie alle sue celebri frasi, agli aforismi e alle tante opere ad esso dedicate. I suoi pensieri, il suo talento e la sua inventiva possono essere riscoperti sia attraverso i libri e la sua autobiografia sia tramite documentari e film come Il segreto di Nikola Tesla e “The prestige”.

La cosa affascinante di questo grande inventore, così come si legge nei libri e nelle biografie a lui dedicate, è il fatto che sia stato il precursore di diverse tecnologie avanguardiste che concernono lo sfruttamento delle forze naturali per creare energia. Sin da bambino Tesla era attratto dalla luce dei fulmini; ogni volta che ne vedeva uno la sua mente cominciava a viaggiare, a trasmettergli immagini nuove, dalle quali si lasciava ispirare per realizzare materialmente i suoi congegni. Egli non seguiva modelli specifici, non si rifaceva a nessun altro inventore, era solo la sua mente a produrre nuove creazioni. L’intuizione degli apparecchi alimentati a corrente alternata, infatti, è nata proprio dalle immagini che, di essi, lo scienziato si figurava nella mente. Questi aneddoti sono molto ricorrenti nei libri contenenti gli scritti e le invenzioni di Nikola Tesla.

Purtroppo però, come accaduto a tanti altri geni, anche Tesla fu sfruttato per le sue intuizioni e raggirato senza un degno riconoscimento. Infatti Edison, nonostante gli avesse dato la possibilità di lavorare per lui, non mantenne la promessa di donargli cinquantamila dollari se fosse riuscito a migliorare le prestazioni dei generatori a corrente continua. Tesla, grazie alla sua genialità, riuscì nell’impresa in poco tempo, ma non ebbe in cambio alcun compenso.

Oltre agli scontri e alle diffamazioni poste in essere da Edison, Tesla dovette sopportare anche la furbizia di Westinghouse che, rubando una sua idea, fornì energia a numerosissime città americane con il metodo della corrente alternata.

L’obiettivo di questo grande genio non era il profitto, ma il desiderio di essere importante per l’umanità e di creare benessere mettendo a disposizione di tutti l’energia prodotta attraverso le tecniche da lui scoperte. Egli, infatti, rifiutò persino il Nobel e tanti altri riconoscimenti perché scoprì di doverli (ingiustamente) condividere. Fu proprio questa sua eccessiva generosità a condurlo ad un esaurimento nervoso e, infine, a una morte poco consona rispetto alla sua grandezza: in totale povertà e solitudine. Oggi per ricordarlo ci restano le sue invenzioni e i suoi molteplici scritti.

In una delle sue frasi più famose, che racchiude tutto il suo essere, Tesla affermò: “La scienza non è nient’altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell’umanità”.


Torna su
Caricamento in Corso...