Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibile per il download
immediato (formato digitale)
  Aggiungi al Carrello
Formato:

Guadagna 4 punti Gratitudine!


Occultismo e Filosofia (eBook)

Magnetismo, spiritismo e magia nella visione di un grande filosofo

 

Clicca per ingrandire

Puoi leggere questo ebook su: - Windows e Mac con Adobe Digital Edition
- iPhone e iPad con l'applicazione iBooks
- Smartphone e Tablet Android con Aldiko Reader
- eReader compatibili con il formato epub/mobi
Il diritto di recesso non può essere esercitato sui contenuti digitali come ad esempio eBook, Mp3 e Videocorsi in download. Continua a leggere >>

Ti è piaciuto questo eBook? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Sugli albori del secolo XIX il pensiero schopenhaueriano si afferma e domina "com'aquila vola". Si inserisce precisamente nella filosofia critica kantiana, e pur ne differisce spiritualmente, e più dall'evoluzionismo idealistico, che ebbe i suoi epigoni in Fichte, Schelling, Hegel e Schleiermacher. Si pone anch'esso il problema gnoseologico prima di quello ontologico, ma, annettendo all'esperienza e all'intuizione immediata la massima importanza, si trova in opposizione precisa con l'ottimismo allora imperante, poiché nega l'armonia dell'esistenza e ritiene base di questa "un bisogno cieco, indistinto, incapace di soddisfacimento e di riposo, la volontà di vivere". Di qui il suo pessimismo, e quindi il suo ritorno alla filosofia orientale.

Detto pessimismo Schopenhaueriano, confermato altresì dalla considerazione a priori che soltanto i sentimenti del dolore sono positivi, mentre la natura del sentimento del piacere è negativa, poiché esso è solo la soppressione di un bisogno. Sui mezzi di liberazione dal dolore per mezzo della contemplazione artistica, e di liberazione pratica dalla vita, non vale qui trattenersi; importando intanto rilevare che mentre Schopenhauer ritiene che Lamarck sia in errore quando crede ad un'evoluzione storica dalle forme infime a quelle più elevate, essendo invece, secondo la sua teoria, le dette forme non altro che estrinsecazioni della volontà cosmica, che da questa irradiano senza tuttavia essere in reale connessione reciproca; non di meno, per la sua "volontà di vivere" e per il grande valore da lui attribuito alla lotta nella natura, è un precursore della teoria della evoluzione nella forma datale più tardi da Darwin.

In tale visuale Schopenhauer non si colloca tra i cultori di scienze occulte, ma si afferma certamente come antesignano della moderna metapsichica, "perché sia confermato ancora una volta ed in maniera gloriosa il bel proverbio biblico: "Magna est vis veritatis et praevalebit".

AUTORE

Arthur Schopenhauer nacque il 22 febbraio 1788 a Danzica. Quando la città passò sotto il controllo prussiano, il padre, ricco banchiere, si trasferì con la famiglia ad Amburgo. Studiò in Francia e Inghilterra, e alla morte del padre, suicida, andò a vivere con la madre a Weimar. Nel 1813 si ritirò a vita appartata a Jena, per preparare la tesi per l'abilitazione Sulla quadruplice radice del principio di ragion sufficiente, tuttavia non ottenne mai la cattedra a Berlino alla quale ambiva. Nel 1831 si ritirò definitivamente a Francoforte, dove compose tra le altre opere anche la sua ultima, Parerga e paralipomena (1851), e dove morì il 21 settembre 1860.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su