-15%
1° non entrare in Banca

  Clicca per ingrandire

1° non entrare in Banca

Il romanzo che inizia dove finisce "Banca Bassotti"

Antonio Gorba

L'autore di questo libro lavora realmente in banca: attualmente è direttore di una piccola filiale di provincia. E scrive. Scrive e fa a brandelli la banca. Dopo aver letto alcuni brani di questo... continua

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagni Punti Gratitudine! Guadagni Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo

Disponibile per la spedizione entro 5 giorni lavorativi

Quantità:
Aggiungi al Carrello

Guadagni Punti Gratitudine! Guadagni 9 punti Gratitudine!

Salva nella lista dei preferiti

Numero verde   800 135 977

Potrebbero interessarti anche:

Descrizione

L'autore di questo libro lavora realmente in banca: attualmente è direttore di una piccola filiale di provincia. E scrive. Scrive e fa a brandelli la banca.
Dopo aver letto alcuni brani di questo romanzo vi sarà chiaro qualcosa che, forse, avete sempre sospettato: quando entrate in una banca, spesso, venite schedati, incasellati, classificati e impacchettati; pronti per essere bombardati dal fuoco di fila dei venditori.
Quando entrate in una banca, non è detto che siate al sicuro.
Forse, a volte, è meglio fermarsi prima.
Meglio non entrare!

Le vostre recensioni

3,50 su 5,00 su un totale di 2 recensioni

  • 5 Stelle

    0%
    0%
  • 4 Stelle

    50%
    50%
  • 3 Stelle

    50%
    50%
  • 2 Stelle

    0%
    0%
  • 1 Stelle

    0%
    0%

Ti è piaciuto questo libro?
Scrivi una recensione e guadagna Punti Gratitudine!

Scrivi una recensione!

Monica 19 gennaio 2018

  Acquisto verificato

Voto:

si legge tutto d'un fiato, ed è importante per un consumatore vigile avere delle conferme su ciò che si sospetta o si vocifera al bar. Ci vorrebbero più "funzionari" disposti a fare coming out anche in settori differenti

Roberta 23 febbraio 2015

Voto:

un romanzo semplice da leggere. veloce e scorrevole ma anche molto amaro. L'autore ci porta dentro la banca e con i suoi occhi ci possiamo rendere conto, ammesso e non concesso che finora non l'avessimo fatto, che siamo buattini in mano a questo liberismo sfrenato. alla fine del libro io mi sono ritrovata ad esclamare "che mondo schifoso stiamo creando!"


Torna su
Caricamento in Corso...