-15%
Ai Piedi del Maestro

  Clicca per ingrandire

Ai Piedi del Maestro

Jiddu Krishnamurti

Ai Piedi del Maestro è un classico della letteratura teosofica, opera di inestimabile valore per chi aspira a percorrere il sentiero spirituale. E' un testo che va letto e meditato parola per... continua

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sul bottone qui sotto)

Disponibilità per la spedizione:
immediata!

Quantità:
Aggiungi al Carrello

Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna 7 punti Gratitudine!

Salva nella lista dei preferiti

Potrebbero interessarti anche:

Descrizione

Ai Piedi del Maestro è un classico della letteratura teosofica, opera di inestimabile valore per chi aspira a percorrere il sentiero spirituale. E' un testo che va letto e meditato parola per parola. La sua grande semplicità e la sua profondità di ispirazione hanno toccato il cuore di molte persone.

Un libriccino di grande sintesi spirituale che è in grado di fornire al lettore una mirabile quantità di informazioni sul percorso interiore che porta alla consapevolezza. Il testo può suscitare l’interesse sia di chi si avvicina per la prima volta alle tematiche di tipo teosofico sia di coloro che da lungo tempo praticano una via di tipo spirituale.

Universalità del sentire, profondità di pensiero, possibilità di confronto costante con la propria dimensione interiore caratterizzano questa vera e propria “perla” della letteratura spirituale di ogni tempo. Ai Piedi del Maestro è legato a Jiddu Krishnamurti, che lo scrisse, giovinetto, con l’amorevole assistenza del vescovo Charles Webster Leadbeater. 

Autore

Jiddu Krishnamurti - Foto autore

Jiddu Krishnamurti nacque nel 1895 in India, vicino a Madras, e morì nel 1986 in California.
E' stato uno degli uomini più profondi e illuminati, che ha ispirato migliaia di persone in ogni parte del mondo. Purtuttavia ha sempre vissuto rifiutando l'etichetta di guru, per incoraggiare la ricerca della libertà e della comprensione interiore.
S’incontrava con la gente non per insegnare, ma per capire, per esplorare insieme il significato dell'esistenza dell'uomo e del mondo.
Ciò su cui più insisteva era il concetto secondo cui la verità è una "terra senza sentieri" e non la si può raggiungere attraverso un sistema istituzionalizzato, sia questo una religione, una filosofia o un partito politico. Questo suo fervido pensiero traspare anche dalla volontà di rifiutare qualsiasi cittadinanza e appartenenza ad organizzazioni o religioni.

Krisnamurti può essere considerato una delle figure più carismatiche dell’umanità dell’ultimo secolo.
Nel 1909, ancora bambino, incontrò Charles Webster Leadbeater, figura di spicco della Società Teosofica in India, e fu allevato dall’allora presidentessa di quell’organizzazione Annie Besant.
Ma Krishnamurti si distaccò ben presto sia dalla Società Teosofica che dall’Ordine della Stella d’Oriente le quali, però, lo riconoscevano ugualmente come guida.
L’Ordine della Stella d’Oriente è in realtà un ordine iniziatico d’impronta massonica che, a causa dei suoi riti molto rigidi, provocò nell’allora ragazzo Krisnamurti una forte crisi psicologica. Egli, in effetti, non si sentiva assolutamente rappresentato da quegli ideali, secondo i quali tutto deve essere imposto e rispettato a prescindere dalla volontà dei singoli individui, né tantomeno poteva farsi portavoce di quelle idee. Fu così che finalmente cominciò a ribellarsi e ad esternare i suoi pensieri.

Viaggiò per il mondo per tutta la vita, fino all'età di novant'anni, parlando a grandi folle di persone e dialogando con gli studenti delle numerose scuole, nate come conseguenza dei suoi insegnamenti.
Quello che stava a cuore a Krishnamurti era la liberazione dell'uomo dalle paure, dai condizionamenti, dalla sottomissione all'autorità, dall'accettazione passiva di qualsiasi dogma. Per questo motivo insisteva sul rifiuto di ogni autorità spirituale o psicologica, compresa la propria, ed era interessato a capire come la struttura della società condizionasse l'individuo.

La Verità è illimitata” e per questo non può essere perseguita mediante dogmi prefissati e imposti. Ognuno deve essere libero di cercare e trovare la propria verità soltanto con le proprie forze, senza nessuna influenza esterna.
Per questo egli considerava importante fornire un’educazione neutrale, fin dalla prima infanzia; quindi senza nessun tipo di distorsione della realtà, soprattutto da parte degli insegnanti.

Tra le tante scuole fondate da Krishnamurti, una di grande spicco è la Brockwood Park School, scuola internazionale di fama mondiale.
Essa si fonda, rispettando la volontà del maestro, su precisi obiettivi educativi:
- Insegnamento imparziale ed olistico, libero da qualsiasi pregiudizio.
- Interesse per l'uomo e per l'ambiente, perché gli esseri umani tutti sono parte della natura e, prendersi cura di essa, vuol dire prendersi cura anche di sé stessi.
- Idea di religione come comunione con le persone e con la natura.

Krishnamurti è stato autore di numerosi libri e discorsi pubblici, trascritti e pubblicati grazie al lavoro di ben 4 fondazioni ufficiali che portano tutt’oggi avanti il suo pensiero nel mondo.
Molti sono stati i suoi sostenitori, sia quando era ancora in vita che dopo la sua morte. La sua influenza interessò anche il Dalai Lama, Einstein e molte personalità di spicco, con le quali il maestro strinse rapporti.
Molte discussioni con personaggi importanti come Toni Packer, Achyut Patwardhan e Bruce Lee, fornirono al filosofo Krishnamurti solide basi per poter scrivere diversi capitoli dei suoi libri, che ancora oggi sono tanto richiesti e apprezzati.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: Danila - 7 novembre 2017 Acquistato sul Giardino dei Libri

Ho centellinato ogni parola di questo libro e lo avrei fatto anche se fosse stato lungo mille pagine, tanto erano profondi gli Insegnamenti in esso contenuti e il messaggio che ne traspare. La lettura di queste pagine ha infuso nuovi slanci alla mia ricerca, vivificata dalla fede nella saggezza antica e soprattutto dalla certezza che con Discernimento, Pazienza e Perseveranza si possono raggiungere grandi risultati, per se stessi e per gli altri. La mia speranza è quella che sempre più persone possano leggere questo libro e trarne beneficio. Buona lettura a tutti!

 Commenta questa recensione

Scritto da: Andrea - 20 febbraio 2017 Acquistato sul Giardino dei Libri

Un libro molto breve che si legge tutto d'un fiato,ovviamente la brevità spesso nel campo spirituale non è indice di superficialità anzi in queste poche pagine è contenuta una verità molto profonda.

 Commenta questa recensione

Scritto da: Maria - 16 dicembre 2015 Acquistato sul Giardino dei Libri

Questo libro ha un contenuto di concetti molto profondi , su cui riflettere e farli diventare nostri perchè sono le basi della spiritualità. Maria

 Commenta questa recensione

Scritto da: Alessandro - 16 dicembre 2014

"Ai piedi del maestro" è un'opera stabiliante. Un vero e proprio capolavoro della spiritualità del grandissimo Krishnamurti. Lo consiglio a tutti quelli che compiono un percorso interiore o semplicemente si interessano di spiritualità. Offre dei consigli utilissimi per riuscire ad apportare un po' di consapevolezza nella propria vita. Delle perle di saggezza dall'immenso valore. Assolutamente da leggere.

 Commenta questa recensione

Scritto da: Rosanna - 5 agosto 2014 Acquistato sul Giardino dei Libri

Questo libro avvicina molto all' essere umili e in pace con se stessi e con gli altri. Non è' necessario essere credenti in qualcosa per apprezzarlo.

 Commenta questa recensione

Scritto da: Carmelina - 26 aprile 2014 Acquistato sul Giardino dei Libri

Bellissima lettura da consigliare assolutamente.

 Commenta questa recensione

Scritto da: Fernando - 11 giugno 2008

Krisnamurti mi ha sempre attirato l´interesse per la sua profonda interioritá filosofica, come quando avverte i suoi lettori che devi cercare la Tua strada dentro di Te, e che le religioni, i dogmi, la fede, dividono gli uomini, e questo a me sembra molto vero. Ho letto un libro di Clarice Lispector, che quando si riferisce al Sé, lo denomina il Nulla, anche questa affermazione mi ha colpito positivamente. Solo il silenzio é grande tutto il resto è debolezza.

 Commenta questa recensione


Torna su
Caricamento in Corso...