Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 36 punti Gratitudine!


L'Amica Geniale

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Una narrazione-fiume cui ci si affida come quando si fa un viaggio con un tale piacevole agio, con un tale intenso coinvolgimento, che la meta più è lontana e meglio è. L’autrice abbandona la piccola, densa storia privata e si dedica a un vasto progetto di scrittura che racconta un’amicizia femminile, quella tra Lila Cerullo ed Elena Greco, dall’infanzia a Napoli negli anni Cinquanta del secolo scorso fino a oggi.

"L'amica geniale" comincia seguendo le due protagoniste bambine, e poi adolescenti, tra le quinte di un rione miserabile della periferia napoletana, tra una folla di personaggi minori accompagnati lungo il loro percorso con attenta assiduità. L'autrice scava intanto nella natura complessa dell'amicizia tra due bambine, tra due ragazzine, tra due donne, seguendo passo passo la loro crescita individuale, il modo di influenzarsi reciprocamente, i buoni e i cattivi sentimenti che nutrono nei decenni un rapporto vero, robusto. Narra poi gli effetti dei cambiamenti che investono il rione, Napoli, l'Italia, in più di un cinquantennio, trasformando le amiche e il loro legame. E tutto ciò precipita nella pagina con l'andamento delle grandi narrazioni popolari, dense e insieme veloci, profonde e lievi, rovesciando di continuo situazioni, svelando fondi segreti dei personaggi, sommando evento a evento senza tregua, ma con la profondità e la potenza di voce a cui l'autrice ci ha abituati...

"L'amica geniale" appartiene a quel genere di libro che si vorrebbe non finisse mai. E infatti non finisce. O, per dire meglio, porta compiutamente a termine in questo primo romanzo la narrazione dell'infanzia e dell'adolescenza di Lila e di Elena, ma ci lascia sulla soglia di nuovi grandi mutamenti che stanno per sconvolgere le loro vite e il loro intensissimo rapporto.

AUTORE

Elena Ferrante è autrice dell’Amore molesto, da cui Mario Martone ha tratto il film omonimo. Dal romanzo successivo, I giorni del­l’ab­bandono, è stata realizzata la pellicola di Roberto Faenza. Nel volume La frantumaglia racconta la sua esperienza di scrittrice. Nel 2006 le Edizioni E/O hanno pubblicato il ro­man­zo La figlia oscura, nel 2007 il racconto per bambini La spiaggia di notte e nel 2011 il primo volume dell’Amica geniale, seguito nel 2012 dal secondo volume, Storia del nuovo cognome, e nel 2013 dal terzo, Storia di chi fugge e di chi resta.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 8 novembre 2017 Acquistato sul Giardino dei Libri

è una bella trilogia, questo e il secondo sono secondo me i migliori, anche se questo in certi punti l'ho trovato un pò lento

Commenta questa recensione

Commento di - 9 novembre 2017 Acquistato sul Giardino dei Libri

mi correggo da sola in quanto i libri sono 4 e non 3, ho la memoria corta :) è già passato un bel pò da quando li ho letti...

Commento di - 8 novembre 2017 Acquistato sul Giardino dei Libri

mi correggo da sola in quanto i libri sono 4 e non 3 ....ma ho la memoria corta e l'ho letto più di un anno fa, cmq ribadisco che i primi due sono i più belli a mio avviso

Scritto da: - 25 marzo 2017

Ho letto questo libro trascinata dall'entusiasmo in rete, dall'entusiasmo del Time che l'ha inserita tra le persone più influenti del 2016. Ho letto la prima pagina e son rimasta perplessa dello stile ma ho voluto leggerlo tutto comunque con attenzione critica e strumenti d'analisi. Sono rimasta davvero delusa per ragioni di interesse stilistico. Scrittura troppo asciutta, secca, telegrafica che incede. Sembra che abbia paura di entrare in profondità, resta sempre sulla soglia. I personaggi mi sono parsi un po' troppo stereotipati e a tratti banali. Solo Lila, con tutte quelle contraddizioni mi è sembrata reale. Lascia comunque la voglia di proseguire la saga, ma ho capito che è più un fenomeno letterario(apprezzatissimo negli USA, così affascinati dallo spaccato italiano che per loro è sinonimo di napoletano), vi avviso: è piaciuto alla stragrande maggioranza. Molto bella l'idea di entrare nel rione ma se si conosce la Letteratura ci si chiede: ma la tempra dello scrittore? La destrezza e la purezza stilistica? a mio giudizio ancora non c'è... e poi...davveero pessima la scelta della copertina.

Commenta questa recensione

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su