Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibile per la spedizione
entro 5 giorni lavorativi
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 28 punti Gratitudine!


Bambini Psico-Programmati

Essere consapevoli dell'influenza della pubblicità, della TV, dei videogiochi

 
-15%

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 13,60 invece di 16,00 sconto 15%
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 182
  • Formato: 15x21
  • Anno: 2007

  • Sconto

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Con l'avvento della televisione e la successiva diffusione del computer e dei videogiochi la realtà dei bambini è significativamente cambiata. Questo libro spiega come è cambiata.

Oggi molti genitori, pedagogisti ed educatori esprimono preoccupazione per i forti condizionamenti mediatici a cui il bambino è soggetto.

  • In che modo il bambino viene condizionato?
  • Quali effetti hanno le manipolazioni mediatiche sul suo comportamento?
  • Quanto e in che modo la personalità del bambino risente del bombardamento pubblicitario?
  • Quali effetti negativi hanno i videogiochi?

Il libro risponde a queste e a molte altre domande, permettendo a genitori ed educatori di fare chiarezza e di essere in grado di proteggere il bambino dalla "programmazione mediatica" a lui diretta.

1. Gli effetti della televisione sulla mente del bambino
2. La pubblicità: violenza, malattie e sessualità precoce
3. Videogiochi: la struttura e i contenuti emotivamente devastanti
4. La società attuale e i bambini
5. Figli del mondo futuro: il bambino "artificiale"

"Il problema è assai complesso, e dire " la Tv fa male al bambino, limitiamola a due ore al giorno" equivale a non averne capito la portata. Non è soltanto per quanto tempo il bambino guarda la Tv , ma cosa guarda e "come" guarda. Mentre durante la lettura il bambino è attivo, può elaborare mentalmente le immagini che il libro evoca, e può scegliere fra un panorama ampio e diversificato di temi, la tv esercita un effetto ipnotico sul cervello. La lettura, anche se viene fatta in solitudine, è creativa e stimola l'immaginazione, mentre lo schermo televisivo paralizza e blocca la creatività. Le produzioni Tv tendono ad assomigliarsi tutte, e quasi tutte offrono una trama di base analoga, con varianti che diversificano i personaggi e le storie".

AUTORE

Antonella Randazzo, laureata in filosofia all'Università di Pavia, città nella quale ha insegnato Scienze dell'Educazione e Storia. Esperta di Pedagogia e di Diritti Umani con riferimento particolare ai Diritti Indigeni e delle popolazioni soggette al potere occidentale.

NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su