Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 39 punti Gratitudine!


Il Bambino Maltrattato

Le radici della depressione nel trauma e nell'abuso infantile

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Una donna su quattro ha subito nell'infanzia gravi forme di abbandono o di abuso, e questi eventi raddoppiano il rischio di depressione nell'età adulta. Con le parole delle donne intervistate nel corso di una ricerca ventennale, le autrici delineano un quadro vivo degli effetti a lungo termine di esperienze infantili traumatiche. Al testo è accluso il questionario CECA, un test autosomministrabile validato scientificamente, che misura l'incidenza dell'esperienza traumatica all'interno della storia familiare.

AUTORI

Antonia Bifulco è professore di Salute e Scienze Sociali presso il Royal Holloway Hospital, Università di Londra, dove è direttore del Lifespan Research Group. Da più di vent'anni ricercatrice nel campo dei fenomeni di negligenza delle cure genitoriali e di abuso all'infanzia, ha pubblicato diversi studi sull'argomento e coordina gruppi di ricerca a livello internazionale sugli strumenti di misurazione che riguardano le esperienze di infanzia e l'attaccamento.

Patricia Moran psicologa, è ricercatore senior del Lifespan Research Group. Le sue ricerche si concentrano sugli strumenti di misurazione (formulazione di interviste e questionari) delle esperienze infantili e sui fattori di rischio per lo sviluppo di disturbi psicologici nell'infanzia e nell'adolescenza.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 8 luglio 2017 Acquistato sul Giardino dei Libri

a dispetto del rigore scientifico l'esposizione è molto chiara e scorrevole, attraverso il racconto dell'infanzia disagiata di un campione di donne le autrici cercano di tracciare una corrispondenza tra sofferenza 'infantile' (fino ai sedici anni) e depressione nell'età adulta connessa ad altre 'disabilità' come il non riuscire ad affrontare situazioni di stress, non sapere cercare sostegno, non essere capaci di avere relazioni umane che abbiano una continuità nel tempo; gli abusi che vengono trattati sono molteplici e avvengono quasi tutti tra le mura domestiche, dalla trascuratezza, a quelli fisici, al sadismo mentale e sottomissione, all'antipatia che può provare un genitore verso un determinato figlio. La carrellata di violenze che avvengono nel quotidiano tra le mura domestiche è davvero ampia, rimane l'amaro in bocca. una lettura che non si può dimenticare.

Commenta questa recensione

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su