Basta Compiti! Non è Così che si Impara

  Clicca per ingrandire

Basta Compiti! Non è Così che si Impara

10 buone ragioni, un manifesto

Maurizio Parodi

( 1 Recensione Cliente )

  • Prezzo: € 14,00

  • Disponibile per la spedizione entro 2 giorni lavorativi

Basta compiti! per un insegnamento più efficace e soddisfacente, che permetta agli studenti di imparare a imparare. È normale che gli insegnanti diano i compiti a casa, ma non è sensato; da qui... continua

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagni Punti Gratitudine! Guadagni Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo

Quantità:
Aggiungi al Carrello

Guadagni Punti Gratitudine! Guadagni 14 punti Gratitudine!

  Salva nella lista dei preferiti

Numero verde   800 135 977

Potrebbero interessarti anche:

Descrizione

Basta compiti! per un insegnamento più efficace e soddisfacente, che permetta agli studenti di imparare a imparare.

È normale che gli insegnanti diano i compiti a casa, ma non è sensato; da qui l'appello Basta compiti! rivolto a genitori, insegnanti, studenti, con cui questo saggio si oppone a una delle più inveterate consuetudini scolastiche, tanto più indiscussa proprio perché immotivata, scontata.

I compiti a casa sono sempre problematici: sia per gli studenti - e le loro famiglie - che li vivono come un obbligo fastidioso, che per gli insegnanti che li devono preparare e assegnare.

Maurizio Parodi, dirigente scolastico e pedagogo, spiega perché si danno, come si fanno, quali effetti producono, quanto sono inefficaci e dannosi. Compito principale della scuola, infatti, non è «punire» gli studenti oberandoli di lavoro anche fuori dalle aule, bensì insegnare il giusto metodo di studio per imparare con profitto e far emergere la personalità di ciascuno di loro.

Il saggio è arricchito dai contributi di Corrado Augias e dei docenti di tutta Italia, che si sono incontrati on line sul network Ning dando vita a un vivace e originale dibattito.

La scuola che funziona, di cui vengono riportati gli spunti più illuminanti; dall'analisi delle teorie di Antoine de La Garanderie e Gianni Rodari sulle tecniche per favorire lo sviluppo cognitivo e metacognitivo degli studenti, perfezionando il loro metodo di studio; da una «chiacchierata» con lo scrittore (ma prima ancora maestro elementare) Maurizio Maggiani su compiti a casa, educazione e futuro della scuola.

«Sono giuste le obiezioni di Parodi che rappresentano sicuramente il lato negativo dei compiti a casa. La scuola deve trasmettere nozioni e questo è il suo primo dovere. Ma deve anche insegnare a organizzare mentalmente la propria vita o, quanto meno, la giornata».
Corrado Augias, giornalista e conduttore televisivo

«I compiti a casa più seri sono quelli che i ragazzi imparano a fare da soli per semplice conseguenza logica di quello che hanno appreso».
Maurizio Maggiani, scrittore e giornalista

«L'insegnante, il quale creda che il suo ruolo di messaggero del sapere si risolva nella presentazione chiara, ordinata, misurata, ricca di esempi, adeguata nel linguaggio al livello dei suoi allievi, sbaglia completamente».
Antoine de La Garanderie, pedagogista e scrittore

«Non c'è poi da meravigliarsi se l'immaginazione, nelle nostre scuole, sia ancora trattata da parente povera, a tutto vantaggio dell'attenzione e della memoria».
Gianni Rodari, pedagogista e scrittore

Indice

È NORMALE CHE...

I «COMPITI» DELLA SCUOLA

  • I compiti, perché?
  • Primum non nocere
  • Educatori o domatori?
  • Il diritto alla gioia
  • Le parole morte
  • Ossimori pedagogici
  • Cui prodest?

IL DIBATTITO IN RETE

IMMAGINI E IMMAGINAZIONE

  • I Diabghi di Antoine de La Garanderie
  • La Fantastica di Gianni Rodari

ACCOGLIERE, PRIMA DI TUTTO

  • Le dolenti «note»
  • Una scuola inclusiva
  • Imparare a non insegnare
  • Lasciar essere
  • Imprinting istituzionale
  • Parole e silenzi
  • Rimanere in ascolto

I COMPITI «SNATURATI»

L’autore

Dettagli Libro

Editore Sonda Edizioni
Anno Pubblicazione 2016
Formato Libro - Pagine: 150 - 13x21cm
EAN13 9788871068039
Lo trovi in: Guide per genitori ed educatori

Approfondimenti

Le rappresentazioni nascoste:

"Non ricordo i contenuti specifici delle lezioni che Franco Basaglia tenne all’università di Parma, negli anni Settanta (era il corso di Igiene mentale), ma le sue acute e sconvolgenti riflessioni su crimini di pace, maggioranze devianti, violenza legittimata delle istituzioni totali, mi hanno in-segnato profondamente. Così i testi di Paulo Freire, Ivan Illich, don Lorenzo Milani, Célestin Freinet che hanno aperto, in me, squarci di consapevolezza, illuminando oscurità e ottusità del pensiero, e delle azioni da esso determinate, altrimenti insospettabili, impercettibili."

Maurizio Parodi

Continua a leggere l'estratto del libro "Basta Compiti! Non è Così che si Impara".

Autore

Maurizio Parodi - Foto autore

Maurizio Parodi nasce il secolo scorso a Pontremoli, Lunigiana, terra di statue stele, castelli e librai. Entrato nella scuola a sei anni, non ne è più uscito: studente, maestro, dirigente scolastico, ricercatore e infine padre (di uno studente, of course).

Vive a Genova dove si occupa di formazione, ricerca, progettazione in ambito socio-pedagogico, non ancora rassegnato all'impermeabilità degli apparati educativi.

Ha pubblicato numerosi articoli su temi pedagogici e didattici e alcuni libri, tra cui Gli adulti sono bambini andati a male (Sonda, 2013).

Recensioni Clienti

1,00 su 5,00 su un totale di 1 recensione

  • 5 Stelle

    0%
    0%
  • 4 Stelle

    0%
    0%
  • 3 Stelle

    0%
    0%
  • 2 Stelle

    0%
    0%
  • 1 Stelle

    100%
    100%

Ti è piaciuto questo libro?
Scrivi una recensione e guadagna Punti Gratitudine!

Scrivi una recensione!

Anna 1 maggio 2016

Voto:

Pessimo. Se vogliamo far male ai nostri figli, seguiamo pure quest'invito. Fortunatamente ci sono sempre più adolescenti (i piccoli non hanno ancora gli strumenti per rendersi conto - e non dandogli una GIUSTA dose di compiti, non lo saranno neppure in futuro) consapevoli dell'importanza di svolgere compiti (ben calibrati, oltre che dosati), per la propria maturazione e per controllare di aver capito, sapere e saper fare - per quanto alle volte possa essere non troppo divertente (ma non può essere quello il criterio).


Torna su
Caricamento in Corso...