Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 38 punti Gratitudine!


La Biologia e il Senso della Malattia - Volume 2

 
-15%

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 18,70 invece di 22,00 sconto 15%
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 224
  • Formato: 13x20
  • Anno: 2017

  • Sconto Novità

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

L'interpretazione della malattia attraverso il profondo legame che unisce la biologia al piano simbolico secondo volume.

Il malato e il paziente:

"Essere malati, per quanto attiene alla medicina, significa essere identificati con un insieme di sintomi che l'istituzione medica cerca di far regredire o sparire.

Questo vuol dire ricondurre continuamente l'individuo a una norma. La malattia appare così come uno scostamento dalla norma.

Il primo interrogativo fondamentale che dobbiamo porci può essere formulato in questi termini: "Solo la medicina è in grado di definire quale sia la norma?".

In qualunque caso, le norme non sono universali. Il confronto dei dati fisiologici in gruppi umani differenti ci mostra che quelle che gli europei considerano malattie gravi sono sopportate senza troppi problemi da altre etnie del mondo. Questi fenomeni si spiegano con certi modi di vivere e di adattarsi all'ambiente.

Il secondo interrogativo potrebbe essere: "Esistono dei metri di giudizio obiettivi per valutare cosa è normale e cosa è patologico?".

Inoltre, va anche detto che la malattia non è il malato. La malattia è vissuta dall'individuo nella sua interezza e non solamente dall'organo affetto. "Essere malati, per l'uomo, significa davvero vivere un'altra vita, anche nel senso biologico del termine." Perché e in quali casi non si ama la propria vita? È questo tema che sarà interessante capire.

Essere malati significa fare esperienza di una forma di vita che, seppure indebolita, consente di avere una La biologia e il senso della malattia - Volume 2 coscienza dell'esistenza che a volte manca in chi si ritiene o si sente normale.

Essere malati significa provare uno sfasamento tra un approccio "morboso" alla malattia, molto spesso espressione del punto di vista della medicina, e di una società preoccupata di valutare le prestazioni e la comprensione interiore della malattia, che fa parte dell'economia della vita.

Come non prendere sul serio la domanda posta da Nietzsche nella prefazione a La gaia scienza: "E per quanto concerne la malattia, non saremmo forse quasi tentati di chiederci se di essa in generale possiamo fare a meno?".

La malattia in realtà è l'esperienza di una trasformazione di sé che prende la forma di un sintomo fisico o psichico."

INDICE

Avvertenza

Introduzione

Quinto giorno

  • Le basi della biopsicoanalisi
  • Le secrezioni ormonali e il loro senso
  • Bambini desiderati e bambini indesiderati
  • Bradicardie e aritmie
  • Il mughetto dei neonati
  • La semantica
  • L'utero
  • Etologia e biopsicoanalisi
  • La memoria
  • Etologia e simbolismo
  • Le persone sovrappeso

Sesto giorno

  • Le problematiche legate alla vista
  • La separazione in tutti i suoi stati
  • Il sistema osseo
  • Conflitti di ciascuna vertebra
  • Gli arti superiori
  • Gli arti inferiori
  • La gamba
  • La mano
  • Simbolismo della mano

Settimo giorno

  • Il Sé
  • Divorzio dell'Io e del Me
  • Il Concreto, il Reale e il Verificabile
  • Cervello destro/cervello sinistro
  • Lo switch del cervello
  • Emisfero destro ed emisfero sinistro: 
  • altre informazioni
  • Biologia ed energetica
  • Alchimie del corpo

APPROFONDIMENTI

Quinto giorno:

"La biopsicoanalisi è una terapia che consiste nell'ascoltare il sintomo o i sintomi attraverso l'organo malato. Il messaggio dell'organo rinvierà alle profondità dell'inconscio. La biopsicoanalisi lavora principalmente sull'inconscio, a partire dalla fisiopatologia."

Gérard Athias

Continua a leggere l'estratto del libro "La Biologia e il Senso della Malattia - Volume 2".

AUTORE

Gérard Athias (1957) - Medico laureato a Marsiglia, ha esercitato la medicina generale fino al suo incontro con Claude Sabbah e la sua metodica diagnostica-terapeutica di biologia totale. Alla ricerca di un percorso più intuitivo, ha studiato con Alexandro Jodorowski i tarocchi e gli atti psicomagici. Con Georges Lahy ha sviluppato delle tecniche di Bioermeneutica®, il simbolismo della malattia nella tradizione cabbalistica. Athias organizza seminari e conferenze internazionali sulla comprensione della malattia e sulle vie di guarigione.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su