Giorni 00
Ore 00
Min. 00
Sec. 00

La Bugia

Rime Ermetiche a altri Scritti. Da un Codice Regimense del sec. XVII

-15%
La Bugia

  Clicca per ingrandire

Grondanti manierismo letterario e, naturalmente, di dubitabile "impressione" poetica per l'egemone critica post-romantica - che ammette, quasi si trattasse di una scienza patologo-letteraria, il... continua

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sul bottone qui sotto)

Disponibilità per la spedizione:
immediata!

Quantità:
Aggiungi al Carrello

Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna 11 punti Gratitudine!

Salva nella lista dei preferiti

Potrebbero interessarti anche:

Descrizione

Grondanti manierismo letterario e, naturalmente, di dubitabile "impressione" poetica per l'egemone critica post-romantica - che ammette, quasi si trattasse di una scienza patologo-letteraria, il manierismo -, i testi del Marchese Palombara, che vedono per la prima volta la luce in questa collana, riassumono ciò che lo scritto alchemico nel suo preziosismo alessandrino, se così si può dire, deve avere. Anna Maria Partini porta alla luce attraverso gli scritti finora inediti, raccolti nel codice Reginense lat. 1521 della Biblioteca Apostolica Vaticana e negli archivi dei principi Massimo a Roma, la figura del Palombara. Oltre all'analogia che la curatrice mette in rilievo tra le scritte della "porta magica" di Roma e le opere del Marchese, anche la figura del Palombara esce nella sua complessità e nella sua dimensione storica, con l'evidente invito ad ulteriori approfondimenti e discussioni. Si diceva preziosismo alessandrino e, di fatto, nei testi di Palombara si incontrano l'attanagliante e pervicace "crudeltà" dell'enigma, il gioco, assunto a paradigma, della parola, la "fabula" intrecciata, contorta, segmentata, tramite i più disparati tropi retorici. L'opera del Palombara si presenta quindi come una sorta di "summa" di divertimenti alchemici in cui le tracce dell'operatività religiosa, non sono mai appannate dalla mucidità gnomica che appare soltanto come orpello o comodo. Ci si abbandoni quindi, calandosi in esso completamente, al gusto letterario dell'epoca e ci si sbarazzi da ogni poltroneria critica che privilegiando di norma il contenuto, non si rende conto di quanto spesso, come nel caso di Palombara, il vero contenuto sia il contenente. Ci si lasci però cullare dal gusto della forma, si gustino gli apparenti nonsense e le ridondanze: gli echi. Può essere un'operazione ricca d'amore già sufficiente da sola, evidentemente, per un invito alla lettura.

Autore

Il marchese Massimiliano Palombara fu uno studioso di scienze ermetiche del XVIsecolo. La sua fastosa villa omonima sorgeva a Roma, vicino all'attuale chiesa di Sant'Eusebio, nella zona di piazza Vittorio Emanuele. La casa rimase intatta fin verso la seconda metà dell'Ottocento, ma oggi ne rimangono solo i resti. E' tuttavia ben visibile una porta murata di notevole interesse per gli studiosi di alchimia. Altri osservatori, invece, ravvisano nella soglia un preciso riferimento alle dottrine della Rosa Croce. Il marchese la fece costruire intorno al 1680, e fece incidere sull'architrave e sugli stipiti simboli magici e frasi collegate al percorso dell' iter per la trasmutazione del piombo in oro.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: Alessandro - 4 dicembre 2015

Nel momento in cui la poesia si bagna con soavità presso il Nilo del grande Ermete, traendone il nutrimento necessario, si riescono finalmente a leggere testi come questo, non facili per i profani in cerca di sensismo esasperato. Consigliatissimo!!!

 Commenta questa recensione

Scritto da: Marisa - 11 aprile 2015 Acquistato sul Giardino dei Libri

regalato a persona molto colta e grande collezionista , ne è stato entusiasta e mi ha edotto su molti dei concetti racchiusi in esso

 Commenta questa recensione


Torna su
Caricamento in Corso...