Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it

Momentaneamente
Non disponibile

Avvertimi quando disponibile

Chi Sono i Teosofi

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

In questo volumetto, messo a punto nel 1995 dal compianto prof. Edoardo Bratina, per 24 anni Segretario Generale della Società Teosofica Italiana, sono esposte chiaramente e con ricchezza di particolari, le informazioni relative alla storia, all'organizzazione, agli scopi ed ai metodi di lavoro della Società Teosofica, fondata nel 1875 a New York, per principale merito di una nobildonna russa, Helena Petrovna Blavatsky e del colonnello americano Henry Steel Olcott.

Il testo contiene anche le note biografiche dei principali promotori del movimento teosofico mondiale, nonché un elenco delle personalità che contribuirono alla diffusione della teosofia nei primi 75 anni della storia della S.T.. In questo elenco non mancano le sorprese; si pensi, ad esempio, alla presenza di Thomas Alva Edison, l'inventore della lampadina.

AUTORE

Quella del prof. Edoardo Bratina (1913-1999) è stata una vita totalmente dedicata agli studi ed al lavoro teosofico. Dopo un percorso scolastico diviso fra la passione per le matematiche e gli approfondimenti linguistici, inizia ben presto ad interessarsi di Teosofia ed entra a far parte, a Trieste, della Società Teosofica Italiana, presiedendo poi il Gruppo locale e venendo eletto nel 1971 Segretario Generale della S.T.I., carica che conserverà fino al 1995, promovendo l'attività teosofica in Italia con scritti, conferenze, pubblicazioni e dirigendo la Rivista Italiana di Teosofia. Fondò anche, con alcuni altri membri, la Casa Editrice Sino, che ebbe il merito di diffondere in Italia la letteratura teosofica, curando numerose edizioni di tutta una serie di classici della Teosofia. Preziosa fu la sua opera per le edizioni italiane sia di Iside Svelata che de La Dottrina Segreta. Uomo sobrio e di grande rettitudine morale concepì sempre la Teosofia come un quid in cui Pensiero ed Azione rappresentavano le due facce di un'unica medaglia.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su