-15%
La Civiltà Infelice

  Clicca per ingrandire

La Civiltà Infelice

Ascoltare il cuore e tornare alla natura

Santommario

  • Prezzo: € 12,75 invece di € 15,00 sconto 15%

  • Disponibilità per la spedizione: immediata!

Cosa sarà che ci fa volere di tutto, anche se è di niente che abbiamo bisogno? Perché non troviamo pace? Finché inseguiremo il progresso, non la troveremo di certo. L’incontentabilità è... continua

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagni Punti Gratitudine! Guadagni Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo

Quantità:
Aggiungi al Carrello

Guadagni Punti Gratitudine! Guadagni 13 punti Gratitudine!

  Salva nella lista dei preferiti

Numero verde   800 135 977

Potrebbero interessarti anche:

Descrizione

Cosa sarà che ci fa volere di tutto, anche se è di niente che abbiamo bisogno? Perché non troviamo pace? Finché inseguiremo il progresso, non la troveremo di certo. L’incontentabilità è segno di infelicità! Mentre ci seduce con promesse a cui sembra illogico dire di no, il progresso insidia i nostri bisogni più intimi e inestinguibili, quelli biologici. È un attacco sleale alla felicità.

Dal punto di vista di Madre Natura, il progresso è un capriccio inspiegabile: una creatura disdegna la vita per la quale è predisposta??? Un pesce non può vivere fuor d’acqua.

Contrastando la nostra natura ci infognamo nella devianza, ci abbrutiamo e smarriamo la sintonia col Cosmo. Le altre civiltà hanno avvertito la blasfemia del progresso e si sono fermate. Solo noi continuiamo a cavalcarlo con cieca voluttà; e non paghi, dato che progresso vuol dire anzitutto armi progredite, costringiamo le altre civiltà alla nostra stessa infelicità o a scomparire.

Tanta smania di progredire, cambiare, manomettere, sottomettere è sospetta: mentre ci raccontiamo di dirigerci verso un avvenire luminoso, inconsciamente vogliamo distruggerci? Se la Natura crea per tentativi ed errori, la civiltà industriale è il sistema “naturale” per eliminare l’errore? Si può fermare questo processo nichilista?

Comunque sia, invece di precipitarci alla cieca lungo una china senza ritorno, sarebbe il caso di aprire gli occhi e guardare anche ciò che non ci piace vedere. Vedere è il presupposto per reagire.

Questa lettera al Cuore confuso dell’uomo modernizzato è un’esortazione ad aprire gli occhi e vedere se per caso non sia proprio l’infelicità la molla che muove la nostra civiltà “vincente”.

Dettagli Libro

Editore Zambon Editore
Anno Pubblicazione 2019
Formato Libro - Pagine: 312 - 14x20,5cm
EAN13 9788898582679
Lo trovi in: Decrescita Felice
Caricamento in Corso...