Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 23 punti Gratitudine!


Il Codice dell'Anima

Nuova edizione

 
-15%

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 11,05 invece di 13,00 sconto 15%
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 410
  • Formato: 12,5x19,5
  • Anno: 1997-2009

  • Sconto

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Per decifrare il codice dell'anima e capire il carattere, la vocazione, il destino, nel suo best seller Hillman si ispira al mito platonico di Er: l'anima di ciascuno di noi sceglie un "compagno segreto" (daimon lo chiamavano i greci, genius i latini, angelo custode i cristiani). Sarà lui a guidarci nel cammino terreno.

Eminenti modelli sfilano sotto l'occhio stregonesco di Hillman ... Il suo set è affollatissimo. Judy Garland, Joséphine Baker, Woody Allen, Quentin Tarantino, Hannah Arendt, Manuel Manolete, Henry Kissinger, Richard Nixon, Truman Capote, Gandhi, Yehudi Menuhin, Elias Canetti e tanti altri, con le loro storie d'infanzia e maturità abilmente sezionate dal bisturi analitico, testimoniano apoteosi e disastri.

Ma nell'età della psicopatia il ruolo del protagonista spetta a Hitler: il suo demone gli ha cucito addosso la divisa di un prototipo, il criminale dei tempi moderni. Forse di tutti i tempi.

AUTORE

James Hillman, nato nel 1926 ad Atlantic City (New Jersey), ha diretto lo Jung Institut di Zurigo e fondato il Dallas Institute of Humanities and Culture. Dal 1970 dirige la rivista Spring che accoglie i maggiori contributi alla psicologia archetipica, il più originale sviluppo della psicoterapia di derivazione junghiana.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 22 luglio 2017

Libro indubbiamente utile per la comprensione della teoria della ghianda di Hillman e per comprendere come egli abbia modificato la concezione della psicologia in favore di un'analisi più personale  del soggetto contro la psicologia come mera statistica tuttavia è un libro molto rassicurante e forse troppo perché non  fornisce strumenti di autoanalisi e giustifica un po' troppo, quasi al limite del fatalismo e del predeterminismo, la vita delle persone che prende in causa come esempi a sostegno della sua stessa tesi, nonostante negli ultimi capitoli del libro ponga distinzioni tra Telos e Teleologia. Inoltre pecca un po'troppo di presunzione nei passaggi in cui sfrutta il Sefiroth e la Qabbalah in generale, rovesciando il Sefiroth, sempre a sostegno delle proprie tesi.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 3 marzo 2017 Acquistato sul Giardino dei Libri

Un libro da leggere assolutamente. Hillman ci parla della possibilità di essere liberi e totalmente responsabili della nostra vita modificando la consueta visione della realtà ovvero possiamo considerarci persone uniche e speciali che possono scegliere la propria strada invece che considerarci vittime di un destino implacabile, della condizione in cui nasciamo o dell'influenza dei genitori e della società. Non esiste una normalità a cui aderire ad ogni costo come vorrebbe la società moderna, ma piuttosto si tratta di vedere e credere nell'unicità di ognuno guardando ad essa come qualcosa di speciale ancor prima di aver fatto qualcosa di speciale, fin da bambini quando già esprimiamo le nostre qualità. Un libro che dovrebbe essere obbligatorio per psicologi ed educatori, su cui dovrebbero riflettere molto

Commenta questa recensione

Scritto da: - 22 febbraio 2017 Acquistato sul Giardino dei Libri

Molto bello, grande Hillman; questo libro parla del proprio percorso interno, si trovano molti spunti sui quali meditare e riflettere

Commenta questa recensione

Scritto da: - 10 gennaio 2017 Acquistato sul Giardino dei Libri

Una scoperta! L'ho acquistato per studio ma è stato molto utile per aprire la mente e capire, oltre che accettare, che ogni essere umano ha la sua ragione di esistere e la sua visione del mondo. E' una grande scuola per coltivare l'assenza di giudizio nei confronti di persone per le quali esiste un'idea di massa ma, come spesso accade, è solo una visione parziale di qualcuno (sebbene rappresenti la massa) nei confronti di qualcun altro. A tratti è davvero difficile tenere la mente aperta e seguire i concetti espressi dall'autore ma, se letti abbandonando ogni sorta di pregiudizio, sono anche condivisibili. Aiuta a scoprire l'essere umano nella sua totalità, a vedere l'altro lato di ciascuno... Impegnativo certo, ma ne vale la pena!

Commenta questa recensione

Scritto da: - 1 dicembre 2016 Acquistato sul Giardino dei Libri

Ho acquistato questo libro per un approfondimento relativo alla scuola di counselling che sto frequentando. E' un "must have" per tutti coloro che sono interessati alla comprensione dell'animo umano

Commenta questa recensione

Scritto da: - 18 agosto 2016

Libro da leggere pian piano, senza dare per scontato nulla.Parlare di anima e di destino non è semplice, ma è bello scoprire cose nuove leggendo chi, a mio "umile" giudizio, ne sa molto a riguardo.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 1 maggio 2016 Acquistato sul Giardino dei Libri

Uno dei libri piu' celeberrimi di Hillman, il quale resta il testimone piu' avvincente della psicologia archetipica di origine junghiana. Anche qui il discorso psicologico sfocia in quello filosofico, e questo ne costituisce il fascino fondamentale.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 20 aprile 2016 Acquistato sul Giardino dei Libri

Il Codice dell'Anima è un libro che aiuta a capire gli archetipi dell'anima.. potrebbe aiutare qualcuno a spiegare anche le ferite dell'anima.. ilo scrittore è un po' dispersivo e ripetitivo negli esempi..

Commenta questa recensione

Scritto da: - 11 giugno 2015 Acquistato sul Giardino dei Libri

Un libro a cui riservare un posto speciale in libreria, non solo da leggere, ma da utilizzare come "compagno di viaggio". Un aiuto per ricooscere la ns guida nella quotidianità. Emanuela Rigo

Commenta questa recensione

Scritto da: - 28 maggio 2015 Acquistato sul Giardino dei Libri

Un libro che solleva interrogativi e problematiche che accompagnano riflessioni e meditazioni umane dall'alba dei tempi: qual è l'origine del male? Il nostro destino è già scritto? Qual è il senso dell'agire umano? James HIllman prova a dare una personale chiave di lettura a questi misteri, ponendo spesso l'accendo sull'impossibilità di dare una spiegazione in senso positivistico-razionalistico. E' necessario, infatti, considerare l'esistenza di una dimensione invisibile, di un Altro intangibile, segreto e ineffabile, che, tuttavia, partecipa della nostra vita in maniera molto più attiva di quanto immaginiamo. Si può ragionevolmente mantenere un velo di scetticismo su molte delle considerazioni messe in risalto dall'autore, tuttavia è impossibile non rimanere affascinati dalle argomentazioni, dagli esempi biografici, dallo stile scorrevole e accessibile, dal modo in cui la fantasia degli antichi raggiunge lo status di una Verità accessibile, però, solo a chi ha "un pensiero indagatore, un sentimento aperto al sacro, un'intuizione evocativa"(p. 532).

Commenta questa recensione

Scritto da: - 17 giugno 2014

L'autore in questo libro accompagna il lettore in un profonda e introspettiva idea di individualità; lo aiuta a scoprire che il suo modo di essere, di comportarsi, di orientarsi non è casuale bensì ispirato dal suo "daimon" che lo accompagna sin da prima della sua nascita, orientandolo verso scelte, sogni e vocazioni. Interessante la teoria della "Ghianda interiore" che (semplificando) rappresenterebbe il nocciolo dell'Essenza Vitale e Spirituale insita in ognuno di noi e che altresì sperimenta attraverso il nostro corpo fisico la vita terrena, assetata di conoscenza ed esperienza e desiderosa di esprimersi oggettivamente e creativamente.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 1 febbraio 2014 Acquistato sul Giardino dei Libri

Il libro è noioso, scritto in modo difficile da comprendere e usa a ripetizione termini strani, tipo "ghianda" per parlare non ho neanche capito bene di cosa, dell'anima forse? Arrivato a gran fatica a circa metà del libro, non ce l'ho fatta ad andare oltre.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 7 gennaio 2014 Acquistato sul Giardino dei Libri

Ho letto il codice dell'anima e l'ho trovato un libro ricco, ricco di spunti su cui riflettere, di temi da approfondire, di nuove tematiche. Un concetto antichissimo e innovativo con cui leggere noi stessi, la nostra vita, le individualità con cui ci troviamo ad interagire. Una nuova luce da cui illuminarci per guardare e crescere i nostri figli.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 3 settembre 2013 Acquistato sul Giardino dei Libri

libro da leggere con calma e con molta remora, spazia molto, filosofeggiare è una peculiarità di Hillman, se si legge con consapevolezza diventa interessante

Commenta questa recensione

Scritto da: - 17 dicembre 2012

Nella teoria platonica della ghianda si afferma che prima della nascita, noi scegliamo un’immagine o un disegno che poi dovremmo cercare di rivivere sulla terra. Il nostro compagno in questo viaggio è il Daimon che ha il compito di guidarci a farci ricordare lo scopo della nostra discesa in terra: realizzare la nostra unicità attraverso l’immagine invisibile che abbiamo scelto prima di nascere. Tutta la nostra vita, quindi, con tutte le dovute conseguenze, si basa sul richiamo del daimon e il “ricordo” del disegno-immagine oppure sulla sua negazione. Attraverso numerose biografie di uomini illustri, Hillman fa emergere, pagina dopo pagina, la vocazione di tali personaggi e la relativa chiamata, come se fosse una predestinazione. Nel far ciò demitizza molte teorie della psicanalisi classica a partire da quella che lui chiama la “superstizione parentale”. Il libro apre molte porte, ed anche se a molti lettori la teoria potrà non convincere (penso a quelli legati fortemente alle convinzioni e miti della psicanalisi classica), risulta comunque godibilissimo.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 4 ottobre 2012 Acquistato sul Giardino dei Libri

Molto interessante.. Si può' sposare o meno il tipo di approccio ma resta una lettura intrigante ed avvincente..

Commenta questa recensione

Scritto da: - 5 giugno 2007

Un libro che demolisce le moderne teorie picoanalitiche basate ancora sul concetto di "tappe evolutive", concetto che non sa ancora ancora dare una piegazione soddisfacente a quei comportamenti dei nostri figli che vengono definiti "problematici" se non "devianti". hillman riprende in toto platone e la sua "teoria della ghianda", secondo cui ciò che va la differenza in ciascuno di noi è l'anima, la vocazione, e ce la ripropone in una chiave di lettura moderna, con uno stile comprensibile per tutti.
Consiglio molto caldamente questa pubblicazione ad educatori e psicologi che ancora annaspano, e non poco, nel capire il perchè un bimbo debba essere tanto problematico.

Commenta questa recensione

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su