Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 36 punti Gratitudine!


Con Gusto

Educare alla felicità attraverso il cibo

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Questo libro fin dal sottotitolo, contiene tre parole chiave, "educare", "cibo" e "felicità"; per fortuna sono strettamente legate tra di loro, e per fortuna c'è chi le pratica coscienziosamente, le studia, trova i collegamenti, s'ingegna consegnandoci preziosi manuali come quello che avete tra le mani. Un concentrato di filosofia, economia, consigli, buone pratiche e regole di comportamento che si traduce in semplici ma efficaci giochi educativi per i ragazzi.

Il cibo è uno strumento fondamentale per educare ed educarsi. S'impara a mangiare, a conoscere meglio i nostri alimenti. Ma immediatamente questa conoscenza si allarga, sconfina nell'economia, nella storia, nella geografia, nella politica, nella botanica e zoologia, nell'agronomia. Insegnare il cibo e insegnare attraverso il cibo dovrebbero essere le cose più immediate, facili, diffuse. Ma, anche se da un po' di anni qualcosa si sta muovendo, non è ancora così, soprattutto nelle scuole.

Non si tratta soltanto di fare dei corsi e mettersi seduti a un banco: si tratta di essere curiosi sempre, conoscere le persone che stanno dietro al nostro cibo, i luoghi dove esso si coltiva e alleva, come viene trasformato e perché, chi lo vende e dove. Un rinascimento che parte dalla centralità del cibo nelle nostre vite: chi lo fa o lo insegna è e diventa continuamente una persona migliore e tutto il mondo ne beneficia. (dalla Prefazione di Carlo Petrini)

AUTORI

Francesco Mele è uno psicologo dello sviluppo e dell’educazione che usa da anni il gioco come chiave d’accesso privilegiata alla comunicazione con i bambini e tra i bambini in scuole materne ed elementari, piazze (ludobus) e ludoteche di Prato. Con Sara Marconi ha fondato nel 2004 "nu-laboratorio di gioco", un centro di servizi ludicoeducativi per l’infanzia caratterizzato dall’attenzione alla qualità (dei materiali, degli ambienti, delle attività, dei ludo-operatori), dall’utilizzo del gioco come canale privilegiato alla comunicazione e dall’interesse per l’arte e le arti (il colore, il teatro, la cucina, le storie, il ritmo).

Sara Marconi è nata a Torino nel 1972. Si è trasferita a Bologna per studiare (si è laureata in Storia della Lingua Italiana) e poi a Milano per lavorare (in una grande agenzia di pubblicità). Infine si è spostata in Toscana, a Prato, dove tuttora vive con un marito alto alto e una gatta nera e dove ha da poco fondato un laboratorio di gioco, uno spazio molto colorato in cui si gioca, si recita, si dipinge e si legge (soprattutto se si hanno meno di 13 anni). Oltre a questo continua a fare la consulente di comunicazione, e diverse altre cose. Ha cominciato a leggere libri per bambini con Pippi Calzelunghe, quando era bambina; non ha mai smesso, e dal 1999 si è messa anche a scriverne.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su