Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 20 punti Gratitudine!


La Conquista della Felicità

Che cosa ci rende felici? E' ancora possibile la felicità?

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

La conquista della felicità non è e non vuole essere la soluzione a tutti i problemi esistenziali dell'uomo moderno, bensì il tentativo di individuare concretamente una via verso una consapevole serenità. Autonomia di giudizio, rispetto delle opinioni altrui, solidarietà, pari opportunità per tutti, sono, per Russell, alcuni degli ingredienti per una moderna ricetta dell "felicità".

«Oso sperare che qualcuno, in mezzo alla moltitudine di uomini e di donne che soffrono di infelicità senza goderne, possa trovare qui diagnosticato il suo caso e, in pari tempo, qualche suggerimento sul metodo da seguire per guarirne. È nella convinzione che, mediante sforzi ben indirizzati, molti infelici possano liberarsi della loro infelicità e diventare felici, che ho scritto questo libro.» - Bertrand Russell

AUTORE

Bertrand Russell (1872-1970), filosofo, matematico e scrittore, studiò a Cambridge, dove insegnò fino al 1916 quando fu allontanato a causa delle sue idee pacifiste. Dal 1938 al 1944 visse negli Stati Uniti, dove insegnò a Chicago e a Los Angeles, prima di essere riaccolto a Cambridge. Insignito del Premio Nobel per la letteratura nel 1950, legò il suo nome alle principali battaglie civili di questo secolo, concludendo la sua intensa attività in favore della pace dando vita nel 1966 al noto «Tribunale Russell» contro i crimini di guerra americani nel Vietnam.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 19 novembre 2015 Acquistato sul Giardino dei Libri

In questo libro Russell suggerisce un rimedio contro il comune scontento del quale sembra soffrire la maggior parte della gente (non soggetti ad alcuna grave causa di infelicita) nei paesi civili. Si parte dal presupposto che la felicità e' una conquista e che essa nasce principalmente dall'imparare ad occuparsi sempre meno di se stessi per preferire l'apertura ad interessi e passioni sempre nuove. Secondo l'autore infatti così come un prigioniero in una gabbia non potrà mai essere felice, anche chi resta sempre concentrato sulle proprie preoccupazioni e pensieri, avvitandosi su se stesso, non sarà più in grado di uscire dalla sua gabbia, seppur mentale, e quindi godere della bellezza del creato. È infatti in questo profondo interesse alla corrente della vita che si trova la massima gioia.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 7 ottobre 2013 Acquistato sul Giardino dei Libri

Libro che apre la mente su parecchi aspetti trattandoli in modo piu' che esauriente, molto contento e soddisfatto anche per il prezzo.

Commenta questa recensione

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su