Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibile per la spedizione
entro 5 giorni lavorativi
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 36 punti Gratitudine!


Considerazioni sulla Conoscenza Sacra

 

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 18,00
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 119
  • Formato: 13x22
  • Anno: 1997

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Alcuni fondamentali saggi di Titus Burckhardt, maestro indiscusso – con René Guénon – delle «dottrine tradizionali» intese come espressione del sacro e funzionali alla realizzazione spirituale dell’essere umano.

"Vi è un rapporto rigoroso tra la natura sovraformale, libera e indeterminata dello Spirito e la sua espressione spontanea - dunque "donata dal Cielo" - in forme necessariamente determinate e immutabili. In virtù della loro origine che è illimitata e inesauribile, le forme sacre, sia pur limitate e "fissate", sono veicoli di influssi spirituali, dunque di virtualità d'infinito, e in questo senso è decisamente improprio parlare di una tradizione di cui esisterebbe soltanto la forma, e il cui spirito si sia ritratto da essa come l'anima che abbia abbandonato un cadavere: la morte di una tradizione inizia sempre con la corruzione delle sue forme essenziali.

Secondo tutte le profezie il deposito sacro della Tradizione integrale sussisterà sino alla fine del ciclo; ciò significa che vi sarà sempre in qualche punto una porta aperta. Per gli uomini in grado di superare il piano superficiale e animati da volontà sincera, né la decadenza del mondo che li circonda, né l'appartenenza a un determinato popolo o ambiente costituiscono degli ostacoli assoluti".

AUTORE

Titus Burckhardt, appartenente a un’insigne famiglia basilese, nasce a Firenze nel 1908. Poco più che ventenne visita per alcuni mesi il Marocco, dove ritorna successivamente per un lungo soggiorno, teso alla conoscenza e all’approfondimento delle “scienze tradizionali”, cosa resa possibile anche attraverso la sua frequentazione dell’Università Al-Qarawiyine di Fes, come ricorda nel discorso Les sciences traditionnelles à Fès pronunciato di fronte ai suoi antichi compagni di studi universitari nell’autunno 1972.

Tra i suoi interessi allora, oltre alla mistica e alla metafisica, c’è l’arte tradizionale: inclinazione che gli proviene forse dal padre Cari, noto e apprezzato scultore svizzero.

Al rientro a Basilea si dedica interamente agli studi tradizionali, concernenti principalmente la mistica, la metafisica, l’arte, l’artigianato e la cosmologia, argomenti su cui pubblica saggi e libri: la sua autorità e la sua competenza in tali ambiti sono oggi unanimemente riconosciute. Dopo la seconda guerra mondiale diviene direttore artistico della Urs Grafi casa editrice specializzata nella pubblicazione dei facsimile di antichi manoscritti celtici del Vangelo, come il libro di Lindisfame, il Libro di Durrow e il Libro di Kells; quest’ultimo lavoro gli permette d’incontrare, in occasione della sua presentazione ufficiale, il papa Pio XII a Castel Gandolfo. In quel tempo sovraintende anche alla collana Stàtten des Geistes (Luoghi dello Spirito), che ricorda la manifestazione del sacro nelle diverse civiltà: Siena, Stadt der Jungfrau', Chartres und die Geburt der Kathedrale', e Fes, Stadt des Islam sono il suo contributo personale a questa lunga serie di studi imperniati sulla spiritualità e pubblicati dalla Urs Graf Verlag. Nel 1972 L’UNESCO lo pone alla guida di alcuni esperti al fine d’analizzare le tematiche relative al restauro e alla salvaguardia della città medievale di Fes; il suo impegno viene premiato, qualche anno dopo il suo rientro a Losanna avvenuto nel 1977, con l’inserimento di tale antica città nel corpo del patrimonio mondiale.

Tra le sue numerose opere, di cui molte sono tradotte in italiano, ricordiamo: Clé spirituelle de Vastrologie musulmane'. Introduction aux doctrines ésotériques de l’Islam-, Principes et Méthodes de l’Art sacré; Alchemie, Sinn- und Weltbild; Die maurische Kultur in Spanien; e Art of Islam: Language and Meaning libro che presenta personalmente alla regina Elisabetta II, in occasione del World of Islam Festival svoltosi a Londra nel 1976. Molti suoi scritti sono raccolti in volume: Symboles, Science moderne et Sagesse traditionnelle, Aperqus sur la connaissance sacrée. Mirror of the Intellect. È traduttore assai apprezzato di grandi mistici musulmani: La Sagesse des Prophètes (Fuqùq al-Hikam di Muhyi-d-Din ibn’ Arabi), L’Homme Universel (Al-Insàn al-Kàmil di ‘Abd al-Karim al-Jìlì) e Les lettres d’un maitre soufi {Rasdìl di al- ‘Arabi ad-Darqàwì). Muore a Losanna all’inizio del 1984.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su