Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 36 punti Gratitudine!


Cristo, la Magia e il Diavolo

Introduzione, prefazione e note di Giuliano Kremmerz

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Un’opera rara, divenuta introvabile ormai da molti anni, riproposta integralmente nelle sua veste originale e arricchita da due interessantissime appendici.

Introduzione, prefazione e note di Giuliano Kremmerz 1898 - Con 2 appendici sulle Evocazioni e gli Arcani dell’Anello di Salomone.

INDICE

Dai capitoli dell’opera:

Cristo accusato di Magia – La Pietra fondamentale del Tempio Cabalistico – I vangeli apocrifi – La Magia prova il Cristianesimo – La lotta fra San Pietro e Simon Mago – Il Diavolo, Dio e Satana – Falsa interpretazione dell’lnferno data dalla Chiesa – La verità sul peccato di Adamo ed Eva – I fenomeni di perturbazioni astrali e le operazioni del demonio nei riti di magia nera – Evocazioni diaboliche e loro pericoli – Perché e come appaiono i demoni – Gli Arcani dell’Anello di Salomone e la ricetta per fabbricarlo – La verità sui Riti Magici ecc.

AUTORE

Eliphas Lévi, pseudonimo di Alphonse Louis Constant (Parigi, 8 febbraio 1810 – Parigi, 31 maggio 1875), fu il più famoso studioso di esoterismo dell'Ottocento. Per qualche tempo si dedicò agli studi ecclesiastici nel seminario di Saint Sulpice, a Parigi, ma nel 1836 abbandonò il seminario, attratto dagli ideali del socialismo utopista. Al tempo stesso intrattenne rapporti con adepti della Massoneria francese e con esponenti dei più diversi rami dell’esoterismo. Le personalità che contribuirono maggiormente alle formazione del suo pensiero furono Alphonse Esquiros, studioso delle teorie sul magnetismo animale; l’abate José Custodio de Faria, un missionario dedito allo studio dei riti magico-religiosi orientali; lo studioso di numerologia e alchimia Louis Lucas; e soprattutto Höene Wronski, che lo iniziò ai misteri della cabbala e nel 1853 gli impose il nome magico di Eliphas Levi Zahed, traduzione in ebraico di Alphonse Louis Constant. Nel 1854 Levi fece un viaggio in Inghilterra, dove entrò in amicizia con alcuni esoteristi tra i quali, pare, lo scrittore Edward Bulwer-Lytton (1803-1873), che in seguito diventò membro onorario della Societas Rosacrociana in Anglia. Dopo il ritorno in Francia, Levi pubblicò il suo studio più importante, Dogme et Rituel de la Haute Magie (Parigi 1855-56), un'opera dedicata all'analisi delle più diverse branche dell'esoterismo antico e moderno, che egli definì "scienze occulte". Inoltre, Levi stabilì per la prima volta un rapporto preciso fra le 22 lettere dell'alfabeto ebraico e i 22 Trionfi dei Tarocchi, da lui definiti "Arcani maggiori", indicando in queste figure la chiave per la comprensione di tutti gli antichi dogmi religiosi. Dopo quest'opera capitale, Levi pubblicò numerosi altri volumi dedicati alle tradizioni magiche e diventò il punto di riferimento principale per gli studiosi di esoterismo, non soltanto in Francia.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 2 marzo 2017

Un testo discretamente interessante intorno alle "difficili" arti evocazioniste. La teoria e il modus operandi sono più che altro accennati senza però scendere in particolari.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 5 gennaio 2016 Acquistato sul Giardino dei Libri

5 stelle ma anche di più. Come tutti gli altri testi in materia trattati dall'editore, anche questo non può e non deve mancare nella libreria di un Occultista. Ovviamente, lo ripeto come nelle altre recensioni, è solo per Veri Intenditori che apprezzano (e praticano) il genere. L'autore poi è indiscutibilmente un pilastro del settore.

Commenta questa recensione

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su