Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 38 punti Gratitudine!


Dalla Terra alle Lune

Un viaggio cosmico in compagnia di Plutarco, Keplero e Huygens

 
-15%

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 18,70 invece di 22,00 sconto 15%
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 335
  • Formato: 16x22,5
  • Anno: 2017

  • Sconto

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Questo libro è il resoconto di un viaggio cosmico dalla Terra alla Luna e oltre, tra i pianeti e i satelliti del Sistema Solare. A guidare la navicella è Piergiorgio Odifreddi, che ha arruolato come membri del suo equipaggio Plutarco, il grande storico e filosofo antico, Keplero, uno dei fondatori dell’astronomia moderna, e Huygens, il maggiore scienziato vissuto nel mezzo secolo che separò Keplero e Galileo da Newton.

Nel corso della sua missione Odifreddi traduce tre loro brevi capolavori, sorprendentemente legati l’uno all’altro, ne sottolinea le mirabili anticipazioni e gli intriganti errori, e non si lascia sfuggire l’occasione per spaziare dalla mitologia alla fantascienza, dalla letteratura al cinema, e dalle primordiali idee della fisica antica alle sofisticate fotografie dell’astronomia moderna.

Leggendo Il volto della Luna di Plutarco scopriamo quanto i Greci sapessero di meccanica e di ottica. Questa vasta conoscenza permise loro non solo di spiegare correttamente le eclissi e le maree, ma anche di affrontare scientificamente una serie di fantasiose problematiche umanistiche a proposito della Luna, dalla presenza dei mari all’esistenza dei Seleniti, partendo dalla domanda: perché la Luna ci appare come un volto umano?

Un millennio e mezzo dopo Keplero fu stimolato dalla lettura del Volto della Luna e ne trasse l’ispirazione per il proprio Sogno, che Borges considerò l’atto di nascita della fantascienza moderna. Nel suo racconto si pose un’altra stimolante domanda: come apparirebbe la Terra vista dalla Luna? E le diede la risposta corretta, oggi confermata dagli astronauti, ma largamente ignorata dal pubblico.

Mezzo secolo dopo Huygens prese a sua volta spunto dal Sogno, e nell’Osservatore cosmico si pose una domanda ancora più ambiziosa di quella di Keplero: come si vedrebbe il cielo dagli altri pianeti e satelliti del Sistema Solare? In particolare, da Saturno, del quale egli stesso aveva congetturato gli anelli, e da Titano, che aveva egli stesso scoperto?

Leggere questo libro significa dunque intraprendere un viaggio nel tempo storico e nello spazio cosmico insieme a Plutarco, Keplero e Huygens. Per secoli essi si sono limitati a conversare a distanza, ma ora Odifreddi li riunisce in una stessa navicella, e li mette a confronto in un’opera che coniuga l’umanesimo e la classicità con la scienza e la modernità. Buon countdown, dunque, e buon decollo per uno straordinario viaggio cosmico con un equipaggio d’eccezione.

"La natura terrestre della Luna permette di spiegare l’origine del suo volto. Proprio come la Terra, essa deve avere monti, valli, mari e nuvole che reagiscono diversamente alla luce del Sole."
Plutarco

"Le mie congetture sulla Luna sono probabili, ma non ancora completamente dimostrate: ci credo fino a quando qualcuno non andrà a verificare di persona."
Keplero

"Quanto ammirevoli e sorprendenti sono la grandezza e la magnificenza di un universo che contiene innumerevoli Soli, innumerevoli Terre, innumerevoli Lune e innumerevoli forme di vita!"
Huygens

AUTORE

Piergiorgio Odifreddi (1950) ha studiato matematica in Italia, negli Stati Uniti e in Unione Sovietica, e insegna Logica presso l'Università di Torino e la Cornell University. Ha vinto nel 1998 il Premio Galileo dell'Unione Matematica Italiana e nel 2002 il Premio Peano della Mathesis.
Ha pubblicato numerose opere scientifiche e divulgative, a sostegno della scienza e critiche verso la religione. Tra esse, per Einaudi "Il Vangelo secondo la Scienza" (1999), "La matematica del Novecento" (2000), "C’era una volta un paradosso" (2001) e "Il diavolo in cattedra" (2003). Per Longanesi, "Le menzogne di Ulisse" (2004), "Il matematico impertinente" (2005), "Perché non possiamo essere cristiani" (2007) e "In principio era Darwin" (2009). Per Mondadori, "Caro papa, ti scrivo" (2011) e la trilogia geometrica "C’è spazio per tutti" (2010), "Una via di fuga" (2011) e "Abbasso Euclide!" (2013). Per Rizzoli "Come stanno le cose" (2013) e "Il museo dei numeri" (2014).

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su