Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 31 punti Gratitudine!


Il Derviscio Metropolitano

Vivere oggi la tradizione Sufi

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

La grazia dei Sufi e di Burhanuddin non è prerogativa esclusiva dei religiosi «professionisti». Al contrario, ben si addice ai «dilettanti», cioè a tutti coloro che traggono diletto dal vivere nella quotidianità la connessione con Dio.Il libro, infatti, è dedicato a chi, vestito di normalità, si immerge in quella grazia, e si aggira come un Icone per le strade delle nostre città: il derviscio metropolitano...

Aldous Huxley sosteneva che in verità l'uomo non ricerca il denaro, il potere, la gloria o il sesso. Ricerca piuttosto la grazia, ossia quello stato d'animo originario, appassionato ed estatico, da cui per smania di autonomia si è allontanato, ma al quale, nel profondo del cuore, desidera fare ritorno. In questo senso, finché non si riaggancia alla sua origine, egli non è che un «dis-graziato», un essere privo di grazia.

Per fortuna, Burhanuddin conosce la via di casa. Come tutti i gioiosi e amorevoli maestri Sufi che lo hanno preceduto, afferma con risolutezza che, per quanto un uomo possa pensare di essersi spinto lontano da sé e dal divino, la grazia di Dio resta pur sempre alla sua portata, all'interno del suo orizzonte esistenziale. Non è neppure necessario andare a vivere in un ashram, chiudersi in un romitaggio o farsi issare dentro una cesta in cima al monte Athos. Basta innamorarsi di un maestro, seguire le sue istruzioni, essere grati e cominciare ad amare la vita più delle proprie «dis-grazie».

AUTORE

Sheikh Burhanuddin ha viaggiato a lungo in Oriente per approfondire i suoi studi e ricevere gli insegnamenti della Via. Ha iniziato a muovere i primi passi sul sentiero Sufi quando era molto giovane. A diciannove anni, decise di invitare nella sua città il suo futuro insegnate, il Gran Maestro Maulana Sheikh Nazim al Haqqani.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 3 agosto 2017

Quando il sole tramonta a occidente, contemporaneamente sorge a oriente nell’altro emisfero. Se qui è notte, là è giorno. Tutto è vero e nulla è vero simultaneamente, in quanto una cosa e il suo contrario esistono nello stesso momento. Ma proprio per questo, se scopriamo in noi un vizio o una debolezza, dobbiamo essere consapevoli che in qualche parte del nostro essere sono insiti la virtù o la forza corrispondenti. Libro veramente illuminante ed epico.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 30 agosto 2015 Acquistato sul Giardino dei Libri

Questione di opinioni e di esperienze: non l'ho trovato irresistibile . Comunque un buon libro, di transizione, utile quando ci si approccia alle dottrine e ci si domanda come conciliare la pratica con la quotidianità. Chiunque si è posto questa domanda sa che fino a che non si è trovata la verità in se stessi la risposta sarà sempre "NI".

Commenta questa recensione

Scritto da: - 14 ottobre 2014 Acquistato sul Giardino dei Libri

Non dico altro se non: leggetelo! E poi mi direte... Ho letto diversi libri ma ciò che "smuove" questo libro è unico. Anche l'energia della presenza di Burhanddin è travolgente!

Commenta questa recensione

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su