Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibile per la spedizione
entro 5 giorni lavorativi
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 30 punti Gratitudine!


Diamoci una Sregolata!

Storie ribelli che aiutano a capire e ad accettare i limiti

 

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 15,00
    Articolo non soggetto a sconti per volontà dell'editore
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 240
  • Formato: 14x22
  • Anno: 2011

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Un giorno, nel placido paese di Vieti, si sentì d’improvviso levarsi un grido. «Baaastaaa!» Proprio così, con tutte quelle A.

Erano i bambini che gridavano, tutti i bambini del paese. Gridavano perché erano stufi e arcistufi di tutti i no non si può non si deve non bisogna divieto vietato assolutamente no e poi no che volavano ogni minuto fuori dalla bocca degli adulti. Così dichiararono la ribellione. E fu una ribellione ufficiale, mica un capriccio qualsiasi.

Una ribellione con tanto di corteo in piazza Libertà e striscioni, su cui era scritto, in stampatello maiuscolo «NO AI NO, VIETATI I VIETATO, BASTA I BISOGNA, ABBASSO I SI DEVE, MORTE AI DIVIETO».

Inizia così l’avventura di un gruppo di bambini che, stanchi di sentirsi dire cosa si può e, soprattutto, cosa non si può fare, si ribellano alle regole dei genitori e decidono di imporli loro, i divieti: vietato lavarsi i denti, pulirsi le scarpe, mettere in ordine, mangiare verdure, andare a letto presto… Sarà Gino, un adulto fantasioso e solitario, a far riflettere i piccoli ribelli — e i loro lettori — sull’importanza delle regole, e sulla necessità dei limiti, raccontando storie simpatiche ed eloquenti.

Un libro per aiutare i bambini della scuola dell’infanzia e primaria a riflettere sul valore delle regole e ad accettarle con serenità e consapevolezza. Ma anche per aiutare gli adulti a utilizzarle in maniera equilibrata, non punitiva, e a tenere sempre presente il punto di vista dei piccoli.

Dal libro:

"I bambini di Vieti
dichiarano
ufficialmente aboliti
e morti stecchiti
tutti i divieti
consueti
da oggi in poi
i divieti
li inventiamo noi
punto e basta
viva la pasta
col pomodoro
ai vostri divieti
diciamo no in coro

Ne sapeva qualcosa Marco, di dichiarazioni, eccome. Suo padre Marco Aurelio, noto per la sua intelligenza, perché aveva la dentiera e perché sfrecciava con il fuoristrada, faceva l’avvocato. E Marco, a forza di sentirlo sbandierare ogni momento quei paroloni, aveva imparato a usarli a menadito.

Quanto alla pasta col pomodoro, Marco (e certo non lui solo!) ne andava pazzo e perciò gli sembrò niente male metterla nel proclama ufficiale. I grandi restarono a bocca aperta, ma senza che dalla bocca volasse fuori nessun genere di no, non si può, non si deve, non bisogna, divieto, vietato, assolutamente no e poi no detti ai bambini. Poi decisero di chiudere per un po’ quelle parole nell’ultimo cassetto della cucina."

AUTORE

Cristina Bellemo è nata e vive a Bassano del Grappa (VI). Laureata in lettere classiche all’università di Padova, è giornalista da più di quindici anni. È direttrice responsabile del periodico «L’Abbecedario», prodotto dall’Associazione Bambini Chirurgici  – ABC dell’ospedale Burlo Garofolo di Trieste. Ha vinto numerosi premi letterari, nazionali e internazionali, nell’ambito della letteratura per l’infanzia, tra i quali, nel 2007, il Premio Alpi Apuane e, nel 2009, il Trofeo Baia delle Favole – Premio Andersen. Incontra i bambini, i ragazzi e gli adulti, narrando la sua scrittura, proponendo laboratori e promuovendo la lettura ad alta voce.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 28 ottobre 2017 Acquistato sul Giardino dei Libri

Fantastico!!! Ho messo in scena teatrale con i bambini di 5^ elementare una riduzione. E' piaciuta a tutti , genitori, nonni e figli.

Commenta questa recensione

NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su