Giorni 00
Ore 00
Min. 00
Sec. 00
-15%
Disturbi Alimentari

  Clicca per ingrandire

Disturbi Alimentari

Anoressia, bulimia, ortoressia e obesità. Cause e conseguenze

Francesca V. Pegorer

  • Prezzo € 8,50 invece di € 10,00 sconto 15%
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 126
  • Formato: 14x21
  • Anno: 2012

È dall’età adolescenziale fino a quella che precede la maturità che più si manifestano disturbi alimentari quali anoressia, bulimia etc., disturbi che la maggior parte delle volte nascono a... continua

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagni Punti Gratitudine! Guadagni Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo

Disponibile per la spedizione entro 2 giorni lavorativi

Quantità:
Aggiungi al Carrello

Guadagni Punti Gratitudine! Guadagni 9 punti Gratitudine!

Salva nella lista dei preferiti

Numero verde   800 135 977

Potrebbero interessarti anche:

Descrizione

È dall’età adolescenziale fino a quella che precede la maturità che più si manifestano disturbi alimentari quali anoressia, bulimia etc., disturbi che la maggior parte delle volte nascono a causa di modelli comunicativi errati che spingono le donne a prendere a esempio canoni di bellezza distorti.

L’autrice, che non a caso è una studentessa universitaria, ha potuto vedere con i suoi occhi la sofferenza che scaturisce da questi disturbi e ha deciso di intraprendere uno studio personale, accurato ed estremamente approfondito, che nulla ha da invidiare ad un professionista del settore, per fornire alle persone un saggio in cui si individuano cause ed effetti di queste gravi patologie.

Un saggio di denuncia e allo stesso tempo di sensibilizzazione che colpisce e lascia il segno.

“Oltre alle testimonianze di donne che sono uscite dalla malattia, o che purtroppo ne sono morte, esistono addirittura blog pro anoressia dove è possibile trovare degli “utili” suggerimenti per non mangiare: “Ti consiglio di tenere sempre accanto a te una bottiglia d’acqua. Appena senti lo stimolo di mangiare ti attacchi a quella. Bevi, bevi e bevi. Tutta di un fiato, senza respirare. Bevi finchè non ne puoi davvero più e devi riprendere fiato. Forse così riesci a reprimere lo stimolo a mangiare... io ci riuscivo.” La ragazza che ha scritto questo post è una delle innumerevoli che oggi non può più raccontare la sua storia.


Torna su
Caricamento in Corso...