Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it

Momentaneamente
Non disponibile

Avvertimi quando disponibile

Fantastici Giochi di Gruppo

Divertirsi alla grande per crescere insieme

 

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 20,00
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 304
  • Formato: 15x21
  • Anno: 2011

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Questo libro è veramente forte, dentro c’è tanta sostanza e tanta meraviglia. È un testo ricco di emozioni, colori e psicologia, che parla dei giochi come nessun libro ha mai fatto prima. Contiene la descrizione di un’infinità di stupendi ed originali giochi di gruppo, sia ricreativi che educativi, con esempi pratici, suggerimenti, spunti e riflessioni su come condurli e farli fruttare al massimo. È quindi consigliato a chi ama giocare con le persone (dai bambini agli anziani) e a chi vuole imparare a farlo, per divertirsi e divertire, crescere ed educare.

Il tutto è corredato da disegni, foto, titoli delle musiche suggerite e link ai filmati da visionare su internet.

Dall’introduzione di Luca Zorn:

"Il 22 giugno 2000 ho conosciuto Mirko. Il giorno prima avevo conosciuto sua madre che mi portava i suoi bagagli. Ci stavamo immergendo in 20 giorni di animazione serrata con i bambini, per i soggiorni estivi del WWF. Tra me e me ho pensato che non era un buon inizio, un animatore che si fa portare i bagagli dalla madre non prometteva niente di buono… Questa sensazione si è rafforzata quando l’ho incontrato. Un tipo un po’ trasandato con l’aria distratta, un quaderno sgualcito in una mano e una borsetta colorata nell’altra.

Mi sbagliavo. Me ne sono reso conto immediatamente, appena arrivati i bambini. Mirko era talento allo stato puro, una capacità innata di tessere relazioni con i più piccoli, di catturare la loro attenzione e simpatia, un repertorio illimitato di gag, giochi, magie e scherzi, ma era anche molto di più: capacità di ascoltare, capire le situazioni, adattarsi alle necessità dei bimbi. E poi umiltà, voglia di conoscere giochi sempre nuovi. Insomma l’animatore perfetto.

La borsetta colorata si è subito dimostrata una borsa di Mary Poppins da cui usciva ogni sorta di gioco o accessorio per giocare. Il quaderno sgualcito era la sua rubrica dei giochi, piena zeppa di foglietti attaccati e di annotazioni scritte in una grafia quasi incomprensibile, un elenco senza fine e in continuo aggiornamento, ma ancora incapace di sanare la sua sete di conoscenza.

Osservandolo al lavoro, ho imparato più sul mondo dei bambini e sui meccanismi del gioco, di quanto avrei potuto imparare in anni e anni di studi. E non mi sono mai divertito tanto. Anche di questo gli sono grato.

A dieci anni di distanza, quel giovane animatore dall’aria trasandata e distratta è uno psicologo quasi quarantenne, dall’aria trasandata e distratta, un Magicoliere, un professionista dell’animazione e della formazione all’animazione, in cui l’istinto e il talento innato sono supportati da un decennio in più di studi, ricerca ed esperienza in questo settore.

A dieci anni di distanza, dunque, quel quaderno sgualcito, quei foglietti spiegazzati e quelle annotazioni incomprensibili, si sono trasformati come per magia, appunto, in un libro bello e completo perché oltre a spiegare più di 100 giochi raccolti per tipologia, target e situazione in cui utilizzarli, li contestualizza, supportando le spiegazioni con utili consigli e con ampi spazi dedicati alla presentazione dei metodi di lavoro e dell’inquadramento della figura dell’animatore. Uno strumento direi indispensabile per tutti coloro che si affacciano alla professione di animatore-educatore, ma anche un utile spunto per chi, solo saltuariamente, ha a che fare con bambini, ragazzi e adulti, o con portatori di handicap, o con anziani.

Attenzione però: un libro indispensabile e utile, ma non sufficiente per essere un buon animatore ed un buon educatore. L’ingrediente in più, come direbbe Mirko, dovete mettercelo voi. Buona lettura a tutti!"
Luca Zorn

AUTORE

Mirko Magri, psicologo e pedagogista clinico, vive da sempre in Versilia ed utilizza lo strumento del gioco in ambito educativo, rieducativo e formativo con bambini, ragazzi e adulti. Ha fondato e partecipa al gruppo di lavoro dei "Magicolieri" che da più di dieci anni opera presso il reparto di pediatria dell'ospedale Versilia (Lucca). Lavora da molti anni con le classi di diversi istituti professionali con l'obiettivo di prevenire il fenomeno della dispersione scolastica, rafforzando le capacità relazionali e decisionali del singolo e del gruppo. Si occupa e conduce con entusiasmo corsi di formazione, workshop, seminari.


Torna su