Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibile per la spedizione
entro 5 giorni lavorativi
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 12 punti Gratitudine!


Favole

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Esopo, nome avvolto nei veli della leggenda. La più antica testimonianza, quella di Erodoto, il primo grande storiografo della Grecia, parla di Esopo scrittore di favole, compagno di schiavitù di Rodope, la bellissima e celebratissima cortigiana vissuta sotto il regno di Amasis, e perito a Delfi di morte violenta.

La favola esopica ebbe facile accoglienza nella letteratura di Roma.

Colui che assicurò a essa un posto tra i generi letterari fu Fedro, un macedone, che venne a Roma liberto di Augusto e scrisse sotto Tiberio cinque libri di favole in senari giambici.

Inserite in questa raccolta sono pure favole di Aviano, autore di quarantadue apologhi esopiani in metro elegiaco, vissuto probabilmente nel IV secolo dell'era volgare; e di Arno-bio, nato a Sicca Veneria nella Numidia, uno degli ultimi apologisti cristiani.

AUTORE

Esopo (VII-VI see. a.C.) fu un favolista greco. Secondo la tradizione leggendaria del Romanzo di Esopo (un "libro popolare" del V secolo a.C., già conosciuto da Erodoto), sarebbe stato uno schiavo frigio che, dopo avventurose vicende e lunghi vagabondaggi in Oriente, fu condannato a morte a Delfi con l'accusa di furto sacrilego. Sempre secondo la leggenda. Apollo ne vendicò poi la morte diffondendone la fama. Si può anche supporre che il Romanzo di Esopo contenesse già le favole che più tardi si staccarono dalla biografia del loro autore. Già alla fine del V secolo si attribuiva a Esopo un "corpus" di favole, la cui popolarità è attestata da Aristofane e Platone, che costituivano una delle prime letture scolastiche. In seguito queste favole furono continuamente variate e ampliate. Ce n'è pervenuta una raccolta di circa cinquecento, frutto di redazioni diverse, distribuite tra il I e il XIV secolo d.C.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su