Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 40 punti Gratitudine!


La Figlia del Re degli Elfi

Alla ricerca del confine invisibile che separa il magico dall'umano, l'incantato dal quotidiano.

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Due mondi posti uno accanto all’altro, separati da una sottile ed impalpabile barriera che ne segna il confine e che a pochissimi è dato di varcare; due mondi, così prossimi tra loro, eppur così diversi da risultare quasi inaccessibili l’uno all’altro. Da una parte Erl, piccolo borgo sperduto nelle valli, la cui vita è scandita dal ritmico operare dei suoi abitanti, artigiani e contadini, dal fluire delle stagioni, dall’ inesorabile scorrere del tempo. Dall’altro il Regno di Elfi, mondo incantato e magico in cui tutto è immutabile e nulla può intervenire a turbare la fatata armonia che lo governa.

Non conoscono però gli abitanti di Erl la portata della loro richiesta quando, spinti dal desiderio di maggior gloria e celebrità, comunicano al loro re di voler essere governati da un mago. Nonostante quindi il principe Alverico abbia successo nel rapire Lirazel, la figlia del re degli Elfi, compiendo la difficile impresa nel magico regno in un solo giorno, corrispondente nelle terre di Erl al trascorrere di dieci lunghi anni, il suo popolo rimarrà dapprima deluso per la mancanza di evidenti risultati e per la lunga attesa, poi sconcertato quando i risultati cominceranno a mostrarsi e saranno affatto dissimili a quelli da loro sperati.

Non roboanti e prodigiose manifestazioni che possano rendere celebre alla storia il piccolo borgo ma strane apparizioni e sparizioni, fenomeni più inquietanti che rassicuranti, il ritorno di antichi, dimenticati sogni, che il trascorrere del tempo ha ammantato di timori.

E, tra le cacce di Orione, la ricerca di Alverico, la buffa comparsa di gnomi scherzosi, l’arcigna intransigenza del Pastore che lancia maledizioni contro tutto ciò che è magico, la tristezza ed i ricordi di Lirazel, nel fluire scorrevole della narrazione, ma forse anche nei sogni di chi legge, il confine tra i due mondi si fa più evanescente, fluttua come una nebbiolina mossa dalla brezza del mattino, si dirada, torna a infittirsi al punto che il viandante non sa più precisamente dove si trova: con le spalle irrevocabilmente voltate alla magia di Elfi, o nello sconfinato deserto creatosi al ritirarsi dei suoi confini, o ancora ad un passo da quella atmosfera diafana e luminescente, da quella reggia incantata, da quella armoniosa bellezza di cui può essere detto solo nelle ballate dei poeti?

 

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su