Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 29 punti Gratitudine!


Genova Misteriosa

 
-15%

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 14,45 invece di 17,00 sconto 15%
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 272
  • Formato: 12x17
  • Anno: 2011

  • Sconto

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Protagonista assoluta del romanzo è una Genova fin de siècle, notturna nonostante il sole, misteriosa e violenta nelle viscere dei vicoli, ipocrita dietro le facciate dei palazzi opulenti, viziosa, popolata di personaggi straordinari: il vecchio Storno, il cui lavoro consiste nel trasportare i giornali dalla stamperia alla stazione ma si dichiara giornalista; Pepita, il raccoglitore di cicche i cui occhi azzurri galleggiano in un viso sempre spalmato di sporco; la signorina Scarpette, un tempo acclamata sciantosa ma ormai ridotta in miseria; il Pinzi, un pazzo innocuo e generoso, illuso d'essere un grande giornalista, il cui mestiere consiste nel vagabondare di continuo, specialmente la notte, per Galleria Mazzini.

Con queste figure, delle quali il caso intreccia i destini, si apre la narrazione che riserverà al lettore continue sorprese e sempre nuovi personaggi le cui vite sono agitate da violente passioni, spesso così terribili da spingere a gesti estremi.

"La musa ispiratrice di Baratono si manifesta qui in pienezza: isterica, adolescente corrotta e mai cresciuta, dea capricciosa e volubile, maniacale, sensibile sì al fascino maledetto dei francesi prediletti, ma felice soltanto di cantare - di nascosto - con l'accento genovese" Armando Audoli

AUTORE

Pierangelo Baratono (1880-1927) nacque e Roma e morì a Trento, soggiornò per motivi di lavoro anche a Firenze, a Grosseto e a Padova, ma Genova fu la città della sua vita. Frustrato funzionario delle Poste per campare, fu poeta, narratore, giornalista e impenitente nottambulo per vocazione. Collaborò con il quotidiano genovese “Il Lavoro” e con “La gazzetta di Genova”, un periodico per il quale, nello stesso periodo, lavorava anche Camillo Sbarbaro: fra i due nacque un'amicizia destinata a durare.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su