Giorni 00
Ore 00
Min. 00
Sec. 00

Giocando in Cucina

Come insegnare al palato dei bambini che il cibo buono è quello di casa

-15%
Giocando in Cucina

  Clicca per ingrandire

L'idea di un cibo "buono" nella testa dei nostri ragazzi dovrebbe idealmente ricollegarsi ad alimenti sani, integrali, croccanti, saporiti, biologici, e comunque non assoggettati a processi... continua

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sul bottone qui sotto)

Disponibilità per la spedizione:
immediata!

Quantità:
Aggiungi al Carrello

Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna 16 punti Gratitudine!

Salva nella lista dei preferiti

Potrebbero interessarti anche:

Descrizione

L'idea di un cibo "buono" nella testa dei nostri ragazzi dovrebbe idealmente ricollegarsi ad alimenti sani, integrali, croccanti, saporiti, biologici, e comunque non assoggettati a processi industriali.

Oggi invece, troppo spesso, l'idea va al cibo spazzatura: patatine fritte, merendine confezionate, alimenti dolcificati o zuccherati, salsine colorate e creme tutte olio e zucchero.

Come fare sì che nella loro testolina si formi l'immagine giusta? Educare il loro palato ai sapori Veri, preparando cibi sani attraverso il "gioco" in cucina, è il primo passo perché il cibo "buono" sia davvero sano e nutriente anche per il loro organismo e per il loro frizzante cervellino in crescita.

Perché il cibo da loro desiderato sia quello di casa.

Indice

Prefazione

Introduzione - La rivoluzione parte dal basso

Capitolo 1 - Una giornata alimentare piena di salute

Capitolo 2 - Occasioni speciali

Capitolo 3 - Ricette senza

Capitolo 4 - Una spesa intelligente

Capitolo 5 - Un impegno per il futuro

Tom e Lia: alla scoperta del vero cibo!

Le schede gioco della frutta stagionale

Autori

Lyda Bottino laureata in CTF, farmacista con master internazionale in “Nutrizione e Dietetica” lavora da alcuni anni con Luca Speciani occupandosi di dieta GIFT e di allergie alimentari.Andrea Lucca

Luca Speciani - Foto autore

Luca Speciani, medico chirurgo dal 2010 (iscritto all’Ordine dei Medici di Monza e Brianza con il numero 3489), ma già laureato in Scienze Agrarie (e operante come alimentarista) fin dal 1986, si occupa da anni di medicina, alimentazione e agricoltura naturale. Nel 2013 completa il master biennale internazionale di specializzazione in “Nutrizione e dietetica”dell’Università di Ancona. Coautore di DietaGIFT, un approccio alimentare innovativo detto “di segnale”, basato sui segnali ipotalamici di ingrassamento e dimagrimento, ha sviluppato nel tempo un approccio terapeutico originale (detto “medicina di segnale”) che unisce movimento fisico, alimentazione, integrazione mente-corpo e minor uso possibile di farmaci, raccogliendo in parte l’eredità del padre Luigi Oreste, noto medico psicosomatista.


Torna su
Caricamento in Corso...