Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it

Momentaneamente
Non disponibile

Avvertimi quando disponibile

Dal "Huangdi Neijing Lingshu" - La Psiche nella Tradizione Cinese

Medicina Tradizionale Cinese • Il pensiero medico

 

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 23,00
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 224
  • Formato: 16,50x23
  • Anno: 2006

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Il Huangdi Neijing è formato da due opere separate: il Suwen o Domande semplicità  ed il Lingshu o Perno spirituale. Il Lingshu, che anticamente era chiamato Zhengfing o Classico degli aghi, prese questo nome a partire dalla dinastia Tang (618-907 d.C.). Shu indica il cardine di una porta che permette la chiusura e l'apertura alternata e regolata come avviene per una porta custodita.
 
L'influsso celeste naturale si diffonde sempre nell'uomo: il meccanismo nascosto del perno che apre e chiude permette la costituzione e la ricostituzione del corpo umano, grazie agli influssi del Ciclo, regolarmente donati e distribuiti con meccanismi di apertura e di chiusura. Lo scopo della vita, secondo il Lingshu, è quello di mantenere presso di sé gli Spiriti portatori degli influssi celesti, di preservare la relazione vitale con il Ciclo, tramite gli Spiriti.

Il capitolo ottavo, oggetto di questo libro, si intitola appunto Ben Shen, che letteralmente vuoi dire «radicarsi agli Spiriti». Il Lingshu si presenta in forma dialogica. Qi Bo, maestro celeste, risponde a lungo e con metodo all'imperatore LIuangdi. Il capitolo ottavo si divide in due parti. Nella prima Huangdi pone due domande. La prima: se l'uomo, generato dalla virtù del Ciclo, si svii dal retto cammino per colpa sua o per colpa del Ciclo. La seconda è, invece, una semplice richiesta di spiegazione e di approfondimento delle Tredici istanze che portano al «saper-fare». Viene in questo modo spiegato, per gradi successivi, come Tredici istanze, ciascuna in modo specifico, conducono l'uomo alla realizzazione di sé.

(Dalla Prelazione di Fabrizia Berera)

AUTORI

Claude Larre (1919-2001), gesuita, laureato in Legge e in Lettere, ha ottenuto il dottorato in filosofia e Sinologia presso l'Università di Parigi. Ha studiato il cinese a Pechino e Shanghai nei momenti più difficili della rivoluzione maoista (1947-52). Ha vissuto in Oriente sino al 1966 come insegnante e direttore delle scuole dei gesuiti e come professore di Filosofia cinese all'Università di Saigon e di Delat. Ritornato a Parigi nel 1966, ha fondato nel 1971 l'Istituto Ricci, centro di studi sinologici che ha diretto sino alla morte, e nel 1976 con Jean Schatz la Scuola Europea di Agopuntura. Ha insegnato filosofia cinese, soprattutto taoista, e le basi teoriche della Medicina Tradizionale Cinese con corsi e seminari in Europa, Stati Uniti, Canada. Numerosi sono i libri (molti dei quali pubblicati in italiano da Jaca Book) -e gli articoli che ha scritto, quasi sempre in collaborazione con la sua assistente, Elisabeth Rochat de la Vallèe, per far conoscere all'Occidente la ricchezza della cultura orientale, con la viva preoccupazione di rispettarne il pensiero, senza mistificazioni interpretative mutuate dal pensiero occidentale. La sua opera fondamentale, Les Chinois, lo pone tra i più grandi sinologi di tutti i tempi. Ha collaborato alla stesura del Grand diction-naire Ricci de la langue chinoise, in sette volumi, giudicata la raccolta più completa di termini ed espressioni della lingua cinese realizzata in Occidente.

Elisabeth Rochat De La Vallée (Parigi 1949), dopo studi in lettere classiche, filosofia e lingua cinese, a partire dal 1970 ha lavorato in collaborazione con il professar Claude Larre S] e il dottor Jean Schatz sul pensiero cinese e i testi di medicina cinese. Dopo un soggiorno a Taiwan (1974-75), ha lavorato e insegnato all'lnstitut Ricci di Parigi, di cui è stata segretaria generale sino al marzo 2005. Insegna all'École Européenne d'Acupuncture, di cui è segretaria generale e principale conferenziere. A partire dal 1989 ha lavorato al Grand Ricci (dizionario enciclopedico cinese-francese in sette volumi), di cui è stata editor in chief dal 1998 sino alla sua pubblicazione nel 2001. Insegna il pensiero cinese antico, specialmente il taoismo, la lingua cinese classica, la Medicina Tradizionale Cinese in diversi Paesi del mondo e in differenti università, scuole o istituti. È autrice di numerosi libri e articoli, tradotti in varie lingue. Presso Jaca Book ricordiamo, in collaborazione con Claude Larre: Dal "Huangdi Neijing Lingshu". La psiche nella tradizione cinese, 1994, 20064; Huangdi Neijing Suwen. Le domande semplici dell'Imperatore Giallo, 1994, 20084; Dallo "Zhuagzi". La condotta della vita. Capitolo primo. Il volo nell'azzurro infinito, 1999; I simboli cinesi di vita e di morte, 2004; in collaborazione con Claude Larre e Jean Schatz: Elementi di Medicina Tradizionale Cinese, 1998, 2007.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su