Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it

Momentaneamente
Non disponibile

Avvertimi quando disponibile

Questo LIBRO è disponibile anche in versione ebook

Versione EBOOK

La versione digitale è subito disponibile per il download

I Fantasmi di Pietra

Nuova edizione

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Con "I fantasmi di pietra" Mauro Corona ha scritto l'"Antologia di Spoon River" di un paese perduto chiamato Erto.

Erto. Un paese abbandonato, silenzioso, fermato in un'istantanea il giorno 9 ottobre 1963, quando il fianco del monte Toc precipitò nell'invaso del Vajont. Eppure quelle case, quelle cucine, quelle stalle, di cui restano solo i muri insidiati dall'abbraccio delle edere e delle ortiche, sono ancora abitate.

E' una popolazione di fantasmi che Mauro Corona suscita ripercorrendo porta a porta, casa per casa, le quattro strade deserte che un tempo risuonavano di voci, del suono degli strumenti di lavoro, della vita di ogni giorno.

Una tazza, una falce, una gerla, un secchio da mungitura, una bottiglia lasciata a metà di quel vino che dava forza e smemoratezza, ogni oggetto richiama in vita, nella memoria di Mauro Corona, un personaggio, un fatto buffo o tragico, una leggenda, una storia d'amore o di terrore, come un vento di tempesta o un soffio di primavera.

Camini spenti, senza più né fuoco né cenere, dalla cui bocca sembrano uscire voci famigliari e perdute per narrare, prima che il tempo le cancelli, antiche storie di uomini e di spettri, di animali benefici e maligni, di piante venefiche e taumaturgiche, di diavoli ghignanti e scherzosi.

Ne nasce un racconto commovente ed esaltante che si snoda, come nel celebre concerto di Vivaldi, lungo l'arco delle quattro stagioni: inverno, primavera, estate, autunno.

Schiere di anime riprendono corpo e ci uniscono a loro, per un breve istante, mosse da una inappagata sete di vita; bambini scomparsi tornano a scivolare veloci nel cuore ghiacciato della vecchia Erto; spiriti maligni ansimano nelle soffitte; la Vecia de Or, che prega una Madonna dal volto di uomo, burla fino alla morte chi cerca avidamente il suo tesoro; nella casa del Solitario si gioca alla morra: mai soldi, solo vino; dichiarazioni di eterno amore, suppliche, bestemmie, incise sugli intonaci di San Rocco rievocano un amore o un odio; in un'ampolla è conservata l'acqua limpida in cui si sciolse il corpo di Neve Corona Menin, la fanciulla di ghiaccio; la voce del piffero magico risuona nelle noti di luna piena.

Uomini, animali, piante e cose, ognuno riaccende la propria scintilla di vita.

AUTORE

Mauro Corona è nato nel 1950 a Erto in Friuli, il paese più vicino alla famosa diga del Vajont. Insieme all'Associazione Tina Merlin, ha collaborato alla realizzazione del film di Renzo Martinelli "Vajont". Da ragazzo ha lavorato come boscaiolo e ha cominciato ad intagliare il legno, ora Mauro Corona è diventato uno scultore apprezzato in tutta europa. È anche un alpinista e un arrampicatore. I suoi libri descrivono la gente, la grande cultura e la natura dei luoghi in cui tuttora vive.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 2 novembre 2015

passeggiando con la memoria,con tocchi delicati di mani a sfiorare le mura,i ricordi,far rivivere sorrisi o fatiche,Mauro Corona trasporta il lettore in una dimensione che si affaccia all'onirica visione oramai di una popolazione che ha abbandonato per un destino avverso,un paese,lasciando le tracce nei muri e nei ricordi di chi quell'aria ha respirato,un tempo di memorie impresse con la capacità narrativa dell'autore che trasporta il lettore tra quelle mura,quegli spazi,dolci e angusti,amari a volte,ma pregni di verace sincerità umana,lettura consigliata,ad un prezzo molto modesto oltretutto.

Commenta questa recensione

Scritto da: - 23 agosto 2013 Acquistato sul Giardino dei Libri

Ho trovato questo libro molto bello sia per la sua valenza evocativa che storica, ma si discosta da altri libri dell'autore per la prevalenza di sentimenti maliconici... Interessante ma triste!

Commenta questa recensione

Scritto da: - 19 luglio 2012

senz' altro uno tra i libri più interessanti dell' autore, anche se a mio avviso il più bello di tutti resta Aspro e dolce ( che non è presente al momento in questo sito) .Sono libri duri,dove lo spaccato di vita contadina emerge in maniera cruda e violenta, anche se l'autore a volte racconta situazioni così grottesche da risultare quasi comiche,in linea con la sua personalità...Per chi ama il genere

Commenta questa recensione

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su