Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 19 punti Gratitudine!


Il Benessere Intestinale? L'Equilibrio Termico

Il segreto della vera salute

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Prefazione:

"L'equilibrio termico è alla base del naturoigienismo. La dottrina termica è la teoria fondamentale su cui poggiano le discipline della nostra scuola di indologia e naturopatia, dalla dietetica, all'indologia, alle discipline naturali. I nostri testi di riferimento sono “La medicina naturale alla portata di tutti” di Manuel Lezaeta Acharan e i libri di Luigi Costacurta che riportano numerosi accenni alla teoria in questione.

Mancava un'opera che consentisse una visione d'insieme. Il libro di Federica Zanoni, docente presso la Scuola di Indologia e Naturopatia Luigi Costacurta dell'Accademia, affronta in modo scientifico, semplice e comprensibile, la dottrina termica. Fautrice attinge ad una fonte limpidissima che è la nostra tradizione di medicina naturale mitteleuropea tramandata dai grandi maestri e nel contempo mette a confronto la nostra dottrina con diverse correnti, sia europee che di altri continenti.

Dal punto di vista scientifico, Manuel Lezaeta Achiaran ebbe il merito d'aver elaborato la dottrina termica sulla base anche di precedenti contributi della tradizione igienistica. Ricordo a questo proposito: Taddeo di Wiesent, Priessnitz, Felke e Kneipp.

Nella sua attività normale, l'organismo umano mantiene sempre una temperatura uniforme a 37 gradi centigradi, tanto sulla pelle quanto a livello delle mucose interne. Solo a questa temperatura può realizzarsi il naturale ed armonico sviluppo della flora microrganica nel nostro corpo, la cui presenza è necessaria alla trasformazione degli alimenti. Come rivela anche l'iride degli occhi, tutte le malattie hanno un'origine di tipo infiammatorio (esclusi i casi di ereditarietà e traumatici) che si manifesta con il cosiddetto stato di “febbre gastrointestinale”. Tale febbre inizia con la congestione delle mucose dell'apparato digerente dovuta al susseguirsi di cattive digestioni. Nell’area infiammata e congestionata, la temperatura è superiore (38-40 gradi) e l'afflusso di sangue aumenta, provocando di conseguenza una deficiente circolazioneperiferica, raffreddamento ed anemia della pelle (35-36gradi). Quanto maggiore e prolungato sarà questo squilibrio termico, tanto più potente e degenerativo sarà il processo di infiammazione intestinale (putrefazione), terreno favorevole alle insorgenze micro-batterico-patologiche, caratteristica specifica dello stato di malattia in generale. Per recuperare la condizione di salute e benessere, è necessario ristabilire il giusto equilibrio termico mediante la corretta gestione degli agenti naturali quali: aria, terra, sole, acqua, ecc... ma soprattutto attraverso la conoscenza, la comprensione e l'attuazione di un'alimentazione igienica, ossia: naturale e in corretta armonia con i processi digestivi.

Questa teoria, ovvero la condizione di “febbre gastrointestinale”, è stata giudicata con sufficienza, spesso attaccata negli ambienti accademici e i testi di Lezaeta e Costacurta sono stati paragonati a compendi di quella medicina popolare che fa sorridere i grandi luminari. È passato molto tempo dall'enunciazione della dottrina termica tanto contestata e criticata, ma ora le pubblicazioni scientifiche internazionali della medicina ufficiale (delle quali si fa ampia citazione nel testo) parlano di ecologia intestinale, disbiosi e modulazioni immunologiche intestinali. Se si fa riferimento a PubMed, banca dati ufficiale della medicina convenzionale, si rintracciano centinaia di affermazioni favorevoli alla nostra teoria da parte di autorevoli riviste che trattano questi argomenti, senza peraltro alcun cenno a Lezaeta e Costacurta, quasi questi studiosi d'assalto dei giorni nostri avessero scoperto questa dottrina negli ultimi anni.

L'obiettivo principale che orienta la stesura di questo prezioso lavoro, è l’autogestione della salute attraverso una sana e corretta alimentazione, il movimento, il giusto riposo e il mantenimento di uno spirito sereno attraverso l’esercizio quotidiano del pensiero positivo.

Sono certo che quest’opera sarà un sussidio prezioso per tutti coloro che praticano la medicina naturale alla ricerca di un nuovo benessere; sarà materiale di consultazione per gli studenti che sentono il bisogno di chiarezza e di confronto durante i primi passi della conoscenza; sarà un testo base per chi vorrà affrontare, dal punto di vista scientifico, il naturoigienismo.

Dedichiamo quest'opera ai nostri maestri Lezaeta e Costacurta, che tanto hanno fatto per il benessere dell'uomo e per il progresso scientifico."

Giacinto Bozzoli

AUTORE

Federica Zanoni, si è diplomata in Iridologia e Naturopatia presso l’Accademia di Scienze Igienistiche Naturali Galileo Galilei di Trento. Parallelamente all’approfondimento di queste discipline e della Reflessologia Plantare, ha coltivato un personale interesse per l’Ayurveda che l’ha portata a elaborare la tesi di ricerca che viene illustrata in queste pagine. Svolge l’attività di iridologa naturopata, collabora in qualità di docente di Iridologia con l’Accademia Galileo Galilei e prosegue nel contempo con la ricerca in ambito iridologico.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su