-15%
Il Manuale del Té

  Clicca per ingrandire

Il Manuale del Té

Le origini del tè tra storia e leggenda

Paola Ugolini

  • Prezzo € 3,32 invece di € 3,90 sconto 15%
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 36
  • Formato: 15x21
  • Foto a colori
  • Anno: 2015

Dopo che per anni vari studiosi si sono chiesti se il tè provenga dall'India o dalla Cina, sembra ormai certo che se ne possa attribuire la paternità ai cinesi Sia in India che in Cina, tuttavia,... continua

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagni Punti Gratitudine! Guadagni Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo

Disponibile per la spedizione entro 2 giorni lavorativi

Quantità:
Aggiungi al Carrello

Guadagni Punti Gratitudine! Guadagni 4 punti Gratitudine!

Salva nella lista dei preferiti

Numero verde   800 135 977

Potrebbero interessarti anche:

Descrizione

Dopo che per anni vari studiosi si sono chiesti se il tè provenga dall'India o dalla Cina, sembra ormai certo che se ne possa attribuire la paternità ai cinesi Sia in India che in Cina, tuttavia, si tramandano numerose leggende legate alla scoperta e alla diffusione di questa bevanda; in particolare, merita di essere ricordata la leggenda cinese avente come protagonista l'imperatore Shen-Nung, dai cinesi considerato lo scopritore del tè. La sua scoperta sarebbe avvenuta in modo del tutto casuale: si narra infatti che durante i suoi viaggi, l'imperatore usasse bere, per precauzione igienica, soltanto acqua bollita.

Un giorno, mentre faceva bollire l'acqua seduto sotto una pianta di tè alcune foglie caddero dalla pianta nella pentola; l'imperatore, attirato dall'aroma di quell'infuso sconosciuto, non esitò ad assaggiarlo e fu immediatamente conquistato dal suo sapore e dalle sue proprietà tonificanti e rinfrescanti: così naque nato il tè.

In India si narra invece la leggenda del santo Darma, che per diffondere il buddismo andò in pellegrinaggio dall'India alla Cina. Giunto in Cina fece voto di non dormire per sette anni in modo da potere trascorrere la notte in meditazione. Dopo alcuni anni di veglie, tuttavia, la stanchezza cominciò ad impossessarsi di lui e decise cosi, per distrarsi, di masticare un paio di foglie strappate da una pianta che non conosceva. Immediatamente sentì la stanchezza svanire. Merito delle foglie, che si rivelarono essere nient'altro che foglie di tè.


Torna su
Caricamento in Corso...