Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 16 punti Gratitudine!


Il Mio Ginecologo è Nato il 17 Marzo

Da quindici a zero - Diario di bordo nelle intemperie della fecondazione assistita

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

La sterilità, una cosa che capita agli altri. Così pensano in tanti. Un modo di rimuovere, esorcizzare, proteggersi. Ma cosa succede quando capita davvero a te? Succede di ritrovarsi all'improvviso proiettati in una realtà diversa, cambia la percezione della realtà, cambia il modo di vedere e di essere visti.

Capita di scoprire, con disappunto, rabbia, disperazione, che la sterilità non è dai più considerata una malattia, ma una sorta di marchio d'infamia. E che la sua cura, la fecondazione assistita, non è vista come un modo di superare l'ostacolo, ma un agghiacciante esperimento alla frankenstein, e un modo per legittimare capricci e ossessioni delle donne rispetto all'idea di maternità. Il malato non viene compatito e consolato, ma additato e accusato.

Il messaggio dell'autrice è il diritto delle donne sterili di provare a curarsi. E ancor più il diritto di raccontare il proprio percorso senza doversi macerare nel dubbio: "Farà bene alla causa della pma?"

Solo perseguendo questo diritto alla cura e alla parola si tutelerà l'altro diritto, fulcro di ogni società che voglia chiamarsi civile: la libertà di decidere per se stessi. Che non è diritto di realizzare ogni desiderio, ma diritto di provare a perseguirlo. Che è anche il diritto di rinunciare a perseguirlo. Un diritto, quest'ultimo, che ha il sapore acre della sconfitta, talvolta, ma che sconfitta non è: chi sceglie, chi difende questa libertà, di fare o di non fare, non è sconfitto, mai.

AUTORE

Cristina Zuppa è nata a Roma nel 1969. Ha un titolo di avvocato mai sfruttato, per insicurezza, timidezza, noia. Di fatto, è una semplice impiegata. Nel tempo libero fa cose, vede gente… essenzialmente perde tempo. Ascolta musica jazz, e suona il sassofono. Cristina ha partecipato dall'inizio all'avventura della Casa Editrice Mammeonline.

NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su