Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 34 punti Gratitudine!


Questo LIBRO è disponibile anche in versione ebook

Versione EBOOK

La versione digitale è subito disponibile per il download

Il Qigong di Zhou Lüjing

Il midollo della fenice rossa

 
-15%

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 16,58 invece di 19,50 sconto 15%
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 253
  • Formato: 17x24
  • Anno: 2014

  • Sconto

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Al giorno d’oggi, il Qigong si è diffuso al punto da competere con tecniche come lo yoga. Gli esercizi di Qigong hanno lo scopo di preservare la salute del praticante e di accrescere la qualità della sua forza vitale.

Chiunque si dedichi a un allenamento quotidiano può arrivare a padroneggiare sufficientemente il proprio qi, il soffio vitale, sia per sviluppare le abilità marziali che per mantenersi in buona salute e, attraverso la trasmissione del soffio, curare gli altri aiutandoli ad armonizzare la propria energia vitale con quella della natura.

Tuttavia sono poche le persone che ne conoscono veramente l’origine e sono consapevoli della diversità delle tecniche che comprende questa pratica.

L'opera tradotta dalla Despeux, Il Midollo della Fenice Rossa, presenta per la prima volta alcuni metodi di Qigong tradizionale raccolti alla fine del XVI secolo da Zhou Lüjing. Non si può trovare un esempio migliore della ricchezza e della diversità di quest’Arte ancestrale, che mira ad armonizzare il corpo, il soffio e lo spirito.

Tali metodi risalgono per la gran parte ai primi secoli della nostra era.

La scelta dell’Autrice è stata molto attenta: ha selezionato i testi più citati e le tecniche maggiormente utilizzate sia dai suoi predecessori sia dai suoi contemporanei. Si tratta delle stesse tecniche che, modernizzate, sono riprese oggi dalla maggior parte dei maestri di Qigong, almeno per quel che riguarda gli esercizi ginnici e respiratori.

Argomenti:

  • Un libro denso e al tempo stesso accessibile, scritto da un’eminente sinologa.
  • Presentazione e traduzione inedita di un classico fondamentale della saggezza cinese.
  • Una selezione di testi tra i più citati e delle tecniche più utilizzate dai maestri di Qigong.

 

APPROFONDIMENTI

Il Qigong significa letteralmente "esercizio e padronanza del qi" (il "soffio", chiamato anche "pratica per il nutrimento della vita") e consiste in massaggi, movimenti ginnici, esercizi di respirazione, procedimenti mentali e spirituali, in particolare quelli delle pratiche taoiste, chiamati "alchimia interna".

Queste tecniche vantano una lunga storia e hanno origine nell'antichità.

Lo stesso termine qigong è antico e affonda le sue radici nella tradizione taoista. In uno scritto dell'epoca Tang (619-907) il termine è sinonimo di "metodi del soffio", e definisce le tecniche che utilizzano sia il soffio esterno negli esercizi di respirazione e di ginnastica, che il soffio interno nei diversi metodi di visualizzazione e di concentrazione. Qualche secolo più tardi, in epoca Song (960-1279), il termine fu utilizzato in un senso leggermente diverso: quello di "efficacia del soffio".
Nell'accezione moderna, i due significati antichi di qigong, "metodo del soffio" ed "efficacia del soffio" sono associati, e il termine è stato estrapolato dal contesto taoista per essere integrato in ambiti diversi (per esempio la forza sviluppata negli esercizi e la sua applicazione marziale). L'uso del termine come metodo di guarigione è testimoniato soltanto nel 1934: un certo Dong Hao Min pubblicò a Hangzhou un'opera dal titolo Metodo terapeutico specifico per la tubercolosi, tuttavia la nascita vera e propria del qigong risale all'epoca maoista.

Nel dicembre del 1955, il Ministero della sanità cinese riconobbe ufficialmente l'interesse terapeutico del qigong, quale insieme di tecniche separate dal loro contesto religioso per assumere un aspetto quasi scientifico. Dagli anni Ottanta ai Novanta, ci fu una vera e propria "febbre del qigong"; in seguito il fenomeno conobbe un notevole declino a causa di una setta che minacciò direttamente il potere circondando silenziosamente, il 25 aprile 1999, gli edifici sede del governo centrale di Zhongnanhai a Pechino.

Il qigong continua a essere praticato in Cina, ma in modo più discreto; la sua pratica è ormai vietata nei parchi, e solo alcune cliniche continuano ad avere medici che curano utilizzando queste tecniche. Si preferisce ormai far ricorso alle antiche definizioni quali quella di "pratiche per nutrire la vita" (yangsheng).

 

AUTORE

Catherine Despeux insegna all'Istituto Nazionale di Lingue e Civiltà Orientali di Parigi. Ha tradotto numerosi testi classici cinesi sull'alchimia e la fisiologia taoista e sull'agopuntura. Ha inoltre pubblicato alcuni libri sulle arti marziali e le tecniche di lunga vita in Cina.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su