Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 28 punti Gratitudine!


Il Racconto della Storia del Graal - Giuseppe d'Arimatea

 

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 14,00
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 140
  • Formato: 14 x 21
  • Anno: 2014

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

La moderna critica letteraria di indirizzo idealista considera il romanzo cavalleresco medievale come un insieme di narrazioni fantastiche e irreali, frutto quindi della fantasia dei cantori e dei menestrelli i quali, nelle corte regie e feudali di quei "secoli bui", facevano continuamente rivivere, ad un uditorio che se ne esaltava e vi si immedesimava, le gesta di immaginari personaggi, proponendo quindi essi una tematica ben diversa dalla realtà degli eventi storici susseguitesi sulla scena europea nell'arco temporale che va dall'incoronazione di Carlo Magno al fallimento della restaurazione imperiale di Arrigo VII.

Il «Roman de I'Estoire dou Graal», noto anche come «Giuseppe d'Arimatea», fu scritto probabilmente alla fine del secolo XII e, comunque prima del 1201 da Robert de Boron, forse un chierico o forse un cavaliere, ma, in ogni caso, persona vicina all'ambiente ecclesiastico ed attenta alle rivendicazioni avanzate dai monaci cluniacensi di Glastonbury, i quali, a partire dal 1191, asserivano di aver scoperto nella loro abbazia la tomba di Artu e, per questo motivo, aspiravano ad assumere, in Inghilterra, lo stesso ruolo egemonico che deteneva in Francia la consorella abbazia di Saint-Denis, fautrice della monarchia capetingia e luogo di sepoltura di quei re.

Il « Roman » ci e stato tramandato da un unico manoscritto della fine del XIII secolo, il fr. 20047 della Bibliotheque Nationale di Parigi e, nel codice, e preceduto da una « Image du Monde» (84 foglietti) e consta esso stesso di 55 foglietti, contenenti ognuno 32 versi; alla fine (f° 55 verso), il testp continua senza interruzione, con un frammento in versi del « Merlin », sino al f° 62, dove si arresta a meta di un paragrafo.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su