Giorni 00
Ore 00
Min. 00
Sec. 00

Il Segreto della Vera Ricchezza

Dialogo tra un economista e un povero

-15%
Il Segreto della Vera Ricchezza

  Clicca per ingrandire

Come la nave dei folli lanciata verso il maelstròm, il mitico gorgo abissale che simboleggia il potere distruttivo delle nostre illusioni, sembriamo destinati a una realtà dominata dall'avidità,... continua

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sul bottone qui sotto)

Disponibilità per la spedizione:
immediata!

Quantità:
Aggiungi al Carrello

Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna 9 punti Gratitudine!

Salva nella lista dei preferiti

Questo LIBRO è disponibile anche in versione ebook

Versione ebook

Potrebbero interessarti anche:

Descrizione

Come la nave dei folli lanciata verso il maelstròm, il mitico gorgo abissale che simboleggia il potere distruttivo delle nostre illusioni, sembriamo destinati a una realtà dominata dall'avidità, dall'incuria verso ciò che ci circonda e dall'iniquità. Con le relative conseguenze che si riversano nella nostra vita di ogni giorno, in cui ci troviamo ad assistere o a essere protagonisti, spesso inconsapevoli, di gesti disperati, di solitudini e rincorse verso un vuoto esistenziale che ci si illude di poter vedere sanato dal possesso e dal denaro.

È inevitabile tutto ciò? Possiamo ripensare noi stessi calati in un contesto dove le idee di amore, giustizia e verità facciano assumere un significato diverso all"'essere (o al diventare) ricchi"?

La risposta emerge ripercorrendo gli insegnamenti di tutte le guide spirituali dell'umanità e nella riscoperta del patrimonio perduto delle antiche saggezze che hanno esaltato l'ideale concreto della "ricchezza naturale": un'immensa tradizione, religiosa e filosofica, che è oggi quanto mai attuale e che costituisce l'unica reale speranza per un futuro più giusto per tutti.

Come infatti già premonivano le grandi veggenti del secolo scorso, Etty Hillesum e Simone Weil, quello che veramente occorre è una rivoluzione nello spirito dell'uomo. Non basta parlare di diritti e di persona. Occorre tendere ancora più in alto.

È ciò che cerca di fare Massimo Jevolella nel racconto di questo drammatico e coinvolgente confronto tra un povero e un professore di economia, invitando a considerare, come fa Simone Weil nel suo saggio La persona e il sacro, che: "Solo ciò che proviene dal cielo è in grado di imprimere realmente un marchio sulla terra".

Autore

Massimo Jevolella studia da decenni le tradizioni spirituali dell'Occidente e dell'Oriente. Ha collaborato con l'Istituto di Storia della filosofia dell'Università Statale di Milano e pubblicato studi su Al-Gazàli, Ibn Arabi, Ibn as-Sid, Rumi, Dante, Maimonide e altri mistici e filosofi medievali. Il tema dell'utopia è sempre stato al centro dei suoi interessi, dalla tesi di laurea in Filosofia fino ai suoi recineti saggi.


Torna su
Caricamento in Corso...