Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibile per la spedizione
entro 5 giorni lavorativi
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 140 punti Gratitudine!


Il «Sofista» di Platone

 

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 70,00
    Spese di spedizione gratuite!
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 667
  • Formato: 14,5x22,5
  • Anno: 2013

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Se nei primi anni Venti il giovane Heideg­ger, ancora assistente di Husserl, aveva interrogato soprattutto Aristotele, divenuto professore a Marburgo inizia, con le dense lezioni universitarie qui raccolte – fondamentali nell'evoluzione del suo pensiero –, un cammino a ritroso che penetra nelle maglie concettuali di Platone.

Ed è in questo percorso che matura quell'indagine sulla questione dell'essere che illuminerà, di lì a breve, l'analitica di Essere e tempo, e rimarrà sempre cifra ispiratrice di tutta la speculazione heideggeriana.

Nell'abbordare il problema ontologico per via negationis, attraverso la ricostruzione dello statuto del non-essere, del nulla – cruciale per tutto l'Occidente sin da Parmenide –, Heidegger mostra come sia dunque di importanza centrale la definizione del «so­fista», nucleo dell'omonimo dialogo platonico.

Assumendo infatti che egli professi pensieri privi di sussistenza, e affermi cose che non sono, si ammette implicitamente – contro il divieto di Parmenide – la realtà di ciò che non è. Ne consegue l'inevita­bi­lità di una riflessione sul «nulla» – il che obbliga a un fondamentale ripensamento della questione dell'essere.

La rigorosa chiarificazione storico-filosofica – prima ancora che filologica – del testo platonico (ma anche di decisivi passaggi di Aristotele) fa così emergere nel cuore del Novecento la domanda più radicale – e ineludibile: perché l'essere e non piuttosto il nulla?

AUTORE

Maurizio Ferraris (Torino 1956) insegna estetica nella università di Trieste. Pubblicazioni principali: Differenze. La filosofia francese dopo lo strutturalismo (Milano, Multhipla 1981); Tracce. Nichilismo moderno postmoderno (ivi 1983); La svolta testuale. Il decostruzionismo in Derrida, Lyotard, gli “Yale Critics' (Pavia, Clup 1984; 2" ed. Milano, Unicopli 1986); L’età dei nomi. Quaderni della “Recherche’’ (inediti proustiani tradotti, introdotti e annotati, con D. De Agostini, Milano, Mondadori 1985); Aspetti dell’ermeneutica del Novecento, in AA.VV, Il pensiero ermeneutico (Genova, Marietti 1986); Ermeneutica di Proust (Milano, Guerini e Associati 1987); Storia dell’ermeneutica, Milano, Bompiani 1988; Estetica, ermeneutica, epistemologia, in S. Givone, Storia dell’estetica (Roma-Bari, Laterza 1988); Nietzsche nella filosofia del Novecento (Milano, Bompiani 1989).

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su